Christian Fittipaldi

Share via email
Rigon.jpg'

Christian Fittipaldi

San Paolo (Brasile), 18 gennaio 1971
Stagioni: 1992, 1993
GP disputati: 24
Miglior risultato in gara: 4° (GP Sudafrica 1993)
Punti conquistati: 6


Christian è senza dubbio un figlio d’arte della F1: suo padre, Wilson Fittipaldi, ha corso per la Brabham e la Coopersucar mentre lo zio, Emerson, è stato campione del mondo nel 1972 e 1974. Vincitore della edizione 1989 di F3 brasiliana, nel 1990 Christian conquista il titolo sudamericano. Visti i successi ottenuti, nel 1991 il brasiliano si trasferisce in Europa laureandosi, nell’anno d’esordio, Campione Internazionale di F3000. Questo gli apre le porte della F1. Viene infatti ingaggiato per il 1992 dalla Scuderia Minardi, con cui disputa la sua prima stagione nella massima serie. La prima parte dell’anno lo vede spesso ritirato per problemi tecnici (perlopiù dovuti a cedimento del propulsore o del cambio) e in alcune occasioni anche non qualificato. Un terribile incidente occorsogli durante le qualifiche del sabato al GP di Francia lo tiene lontano dalle piste per 3 gare. Rientra in squadra al GP del Belgio ma le condizioni di salute ancora precarie non gli consentono di qualificarsi né in questa gara né al successivo GP d’Italia. Ottiene comunque al penultimo GP il primo e unico punto della stagione, seguito da un incoraggiante 9° posto in Australia. Confermato in seno al team di Faenza, l’anno seguente si apre nel migliore dei modi con un 4° e un 5° posto ottenuti rispettivamente in Sud Africa e Montecarlo, ma i dissapori con il team (sorti in seguito all’incidente sul rettilineo di Monza con il compagno di squadra Martini) comportano il suo licenziamento a due gare dal termine. Nel 1994 passa quindi alla Footwork, con cui ottenne sei punti e due quarti posti. Abbandonata la F1, nel 1995 si trasferisce negli Stati Uniti per gareggiare nella CART con i team Walker Racing e Newman-Haas. È poi passato alla NASCAR a partire dal 2003 e nel 2005 è ritornato in Brasile alle gare locali V8. Nel 2006 riapproda a una serie internazionale prendendo parte al campionato A1 Grand Prix con la squadra brasiliana.