Esteban Tuero

Share via email
Rigon.jpg'

Esteban Tuero

Buenos Aires (Argentina), 22 aprile 1978
Stagioni: 1998
GP disputati con Minardi: 16

Miglior risultato in gara: 8° (GP S. Marino 1998)

Punti conquistati: 0


Il piccolo Esteban inizia a gareggiare sui kart a 7 anni, nel 1985, continuando in questa disciplina sino al 1992. Trasferitosi in Formula Renault nel 1993 per disputarne il campionato argentino con il Crespi team, Tuero passa nel 1994 alla Formula Honda (con il Kissling team) dove si laurea campione, prendendo contemporaneamente parte anche ad alcune gare della F3 sudamericana. Il 1995 lo vede schierato in Formula 2000, in Italia, dove vince il campionato al volante di una Dallara 392 Volkswagen della RC Motorsport. L’anno dopo il diciottenne Esteban è impegnato addirittura su tre fronti: disputa il campionato di F3 italiana, prende parte a sei gare di Formula 3000 con il team Draco e svolge attività di collaudatore per la Minardi. Proprio grazie alla scuderia di Faenza, che lo schiera come titolare per il 1998 a fianco del giapponese Nakano, diviene il terzo pilota più giovane della storia ad aver esordito nella massima categoria. Pronosticato come un astro nascente di questo sport, alla sua prima stagione di F1 l’argentino dimostra in più occasioni di avere talento. Tuttavia la sua carriera, di fatto, termina invece al GP del Giappone di quell’anno. Al 29° passaggio una probabile incomprensione fra Tuero e Toranosuke Takagi provoca l’improvviso tamponamento della Tyrrell 026 del giapponese da parte della Minardi M198 che decolla e atterra violentemente al suolo. Estratto dalla monoposto con le vertebre del collo doloranti, Esteban matura probabilmente in questa occasione la decisione di abbandonare le competizioni. Minardi, che intendeva continuare ad avvalersi di Tuero anche per la stagione successiva viene colto di sorpresa quando a fine gennaio 1999 si vede opporre un netto rifiuto. Tuttora i reali motivi di quella scelta restano un mistero e fanno di lui uno dei pochissimi piloti nella storia che ha detto di no alla F1. Dopo la sua breve permanenza nella massima formula, ha iniziato a guidare vetture turismo nel suo paese, nella categoria TC2000, senza però ottenere risultati di rilievo nel triennio 1999-2001.