Zsolt Baumgartner

Share via email
Rigon.jpg'

Zsolt Baumgartner

Debrecen (Ungheria), 1º gennaio 1981.
Stagioni: 2004
GP disputati: 18
MMiglior risultato in gara: 8° (GP USA 2004)
Punti conquistati: 1


Baumgartner inizia a muovere i primi passi della sua carriera sui kart, nel periodo 1994-’97. Successivamente si impegna, fino al 1999, nella categoria Formula Renault per poi trascorrere il successivo biennio in Formula 3000: prima con il Prost Junior Team (2001) e poi con il Nordic Racing Team (2001-2002) ma senza ottenere risultati di rilievo. A fine 2002 si accorda con la scuderia italiana Coloni e nel 2003 alterna le competizioni nella categoria cadetta all’incarico di tester con la Jordan. È proprio grazie alla squadra irlandese che Zsolt fa il suo debutto nella massima formula proprio al GP d’Ungheria 2003 (come sostituto di Ralph Firman, infortunatosi in seguito ad un brutto incidente nelle prove libere), divenendo il primo pilota ungherese ad aver corso in Formula 1. L’esordio, seppur frustrato dal ritiro dovuto ad un guasto al propulsore, è seguito da una seconda apparizione, sempre con la Jordan, a Monza: in questa occasione, al volante della poco competitiva EJ13, termina la gara all’11° posto. L’anno seguente disputa l’intera stagione con la Minardi, a fianco dell’italiano Gianmaria Bruni, giungendo 9° a Monaco e cogliendo un prezioso 8° posto al GP degli Stati Uniti a Indianapolis, divenendo così il primo pilota dell’Europa dell’Est ad ottenere punti iridati in F1. Abbandonata definitivamente la categoria regina, nel marzo 2007 Baumgartner viene confermato come collaudatore e pilota di riserva per il Minardi Team USA (la squadra satellite, recentemente acquistata da Paul Stoddart, che disputa il campionato Champ Car) ma senza prendere il via in nessuna gara. Nel 2008, in seguito alla fusione della CART con la categoria rivale Indy Car Series, Stoddart e la Minardi abbandonarono la competizione, cosicché l’ungherese è divenuto test driver per il team Tottenham Hotspur F.C. che disputa il campionato Formula Superleague.