Kart | Minardi Management e The Race Box uniscono le forze

Giovanni Minardi e Alberto Tonti sono lieti di annunciare la nascita della nuova partnership con Alexandros Vernardis e la sua agenzia fotografica “The Race Box”

Grazie alla sua esperienza sui principali palcoscenici internazionali nel panorama del karting, Alexandros Vernardis catturerà i momenti più entusiasmanti dei week-end di gara dei piloti seguiti dalla Minardi Management che ad oggi vedono nel Campione del Mondo Karol Basz, Gianni Vigorito e Riccardo Negro i portacolori ufficiali.

Sono entusiasta di questa nuova collaborazione a lungo termine con una società di gestione del calibro della Minardi Management. Ho già avuto modo di lavorare con Alberto Tonti e alcuni piloti, come Karol Basz durante la stagione che l’ ha portato a vincere il titolo Mondiale” commenta Alexandros Vernardis

Siamo entusiasti di aver raggiunto la collaborazione con “Alex” che oltre ad essere un ottimo professionista è una splendida persona che conoscere molto bene il panorama del mondo del karting. Sarà un’importante risorsa per far crescere il nostro brand nell’ambiente

WSK, Sarno – Basz “Dopo la pole, week end rovinato ancora da incidenti”

Il fine settimana di Karol Basz sul circuito internazionale di Sarno, teatro del secondo appuntamento della WSK Super Master Series, al volante del materiale della Kosmic Racing era iniziato con una perentoria pole position nella categoria OK, proseguendo con un ottimo terzo posto nelle Qualifying Heats

Risultati che, oltre a confermare il grande valore tecnico e velocistico del driver polacco seguito dalla Minardi Management, facevano sperare in un finale di week-end esaltante dopo il rammarico per esser stato preso in mezzo alla carambola tra Sergeant e Van Leeuwen solamente quindici giorni fa durante la Finale ai 7 Laghi. Ancora una volta invece tutto il lavoro di messa a punto e preparazione viene vanificato dall’irruenza di giovani piloti

Karol è stato anche supervisore e coach driver del giovanissimo Andrea Antonelli, protagonista nella Mini

Ancora un week-end poco fortunato, dopo un’ottima qualifica conclusa con la pole position e il terzo posto nelle Heats. Purtroppo Pre-Finale e Finale  non sono andate come avremo voluto e quindi non mi resta altro che aspettare il prossimo appuntamento di La Concacommenta dispiaciuto Karol Basz

C’è poco da commentare purtroppo. Da una parte mi fa veramente piacere vedere quanto sia forte questo ragazzo. In tutte le occasioni è li davanti, pronto per lottare per un risultato importante. Dopo la pole position aveva conquistato anche il terzo posto nelle Qualifying Heats. Purtroppo, tutto il lavoro di Karol e della Kosmic Racing è stato vanificato da qualche giovane pilota, troppo irruentocommenta Alberto Tonti della Minardi Management

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

WSK – Week-end tanto grintoso quanto sfortunato per Karol Basz

Il circuito Internazionale 7 Laghi ha inaugurato la nuova stagione di Karol Basz nella SWK Super Master Series, che proseguirà con gli appuntamenti di Sarno (20 marzo), La Conca (3 aprile) e Adria (22 maggio). Forte dei due podi consecutivi nella WSK Champions Cup e Winter Cup, il Campione del Mondo in carica della Kosmic Racing ha vissuto un fine settimana che non è andato secondo quanto pianificato, vittima di un tamponamento incolpevole nel primo giro della Finale che lo ha messo fuori gioco. Una situazione anomala per il forte pilota della Minardi Management, abituato a vedere regolarmente la bandiera a scacchi. Bisogna tornare allo scorso maggio per registrare un ritiro.

Il week-end inizia in salita fin dalle prime battute quando Karol firma solamente la sedicesima posizione in qualifica, causa alcuni errori di valutazione. Determinato a risalire la classifica durante la giornata di sabato nel corso delle Qualifying Heat, ci pensa il maltempo a scompigliare i programmi costringendo gli organizzatori ad annullare tutte le sessioni (causa neve e freddo gelido), modificando il programma in corsa. Per la pre-finale restano validi i risultati delle qualifiche. Con la solita determinazione e velocità che lo contraddistinguono in tutte le gare, Karol si rende protagonista di una bella rimonta nonostante un problema alla valvola di scarico, prontamente risulto direttamente dal polacco in pista durante la corsa. Alla fine dei sedici giri Basz è ottavo. Con la Finale è pronto a completare la rimonta, ma la sua gara finisce al primo giro, preso in mezzo nella carambola tra Sergeant e Van Leeuwen

E’ stato un week-end difficile. Il maltempo e l’annullamento delle prove del sabato ci hanno penalizzato. In Pre-finale sono partito 16esimo, riuscendo a recuperare fino all’ottavo posto. In Finale poi sono stato spinto fuori riportando gravi danni al telaio del kart. A Sarno voglio tornare davanticommenta Karol Basz

E’ stato un fine settimana decisamente sfortunato e negativo, soprattutto se guardiamo il risultato finale. Il maltempo e la modifica del programma ci ha tolto la possibilità di recuperare, ma in Pre-finale Karol è stato molto bravo, risolvendo anche un problema alla valvola di scarica e recuperando otto posizioni. Il tamponamento in Finale ha vanificato lo sforzo. Nei prossimi giorni torneremo in pista per preparare al meglio la trasferta di Sarnoanalizza il manager Alberto Tonti

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart – Podio alla Winter Cup per Karol Basz

Ancora un trofeo per Karol Basz che al South Garda di Lonato conquista il terzo posto nella Winter Cup, confermandosi pilota di punta della nuova categoria OK dopo la vittoria e il secondo posto nel primo appuntamento della WSK Championship Cup conquistato solamente due settimane fa.

Al volante del materiale della Kosmic Racing il driver polacco, in orbita Minardi Management, si è reso protagonista di importanti recuperi, oltre ad aver effettuato diverse prove di set-up in vista dei prossimi appuntamenti internazionali fino a conquistare il terzo posto assoluto in una batteria composta da ben 32 piloti.

E’ stato un fine settimana non facile, ma siamo riusciti comunque a salire sul podio grazie ad un bel recupero.  Stiamo imparando a conoscere il nuovo motore OK e ogni gara è una nuova sfida. Questi primi risultati dimostrano che stiamo andando verso la direzione giustacommenta Karol Basz

Non posso che essere contento per questo nuovo trofeo e podio di Karol, che ancora una volta si è dimostrato pilota maturo, determinato e veloce. E’ stato un fine settimana volto al recupero in cui sono state fatte diverse prove sia di set-up che di materiale, utili per il proseguo della stagione in vista dei prossimi appuntamenti internazionali. Una rimonta conclusa con un bel podiocommenta il manager Alberto Tonti

Kart – Subito un podio per Karol Basz in OK

E’ partita da Adria la seconda stagione di Karol Basz col materiale della Kosmic Racing e nella nuova categoria OK. Sul tracciato rodigino, teatro della WSK Championship Cup, il driver polacco seguito dalla Minardi Management ha conquistato la vittoria nella pre-finale con un vantaggio di quasi 5 secondi sul primo degli inseguitori, chiudendo il primo week-end col secondo posto assoluto in Finale.

Ancora una volta Karol ha messo in mostra tutta la sua abilità  con pista bagnata, marchiando il giro più veloce della pre-finale B e il secondo miglior crono della Finale, dove si rende protagonista di una piacevole rimonta

“E’ bello iniziare la stagione con un secondo posto. Quest’anno abbiamo un motore completamente nuovo, quindi si ricomincia da zero. Non sarà una stagione facile e ci sarà molto lavoro da fare e tanto da imparare. Fin dal primo turno tutto ha funzionato nel modo corretto. Ci aspetta una stagione divertente commenta Karol Basz

Anche se è mancato il gradino più alto sono contento del risultato e dell’inizio di stagione di Karol. Vittoria nella Pre-finale e secondo posto in Finale, dopo esser scivolato in quarta piazza. Ancora una volta si è dimostrato molto veloce sotto la pioggiacommenta Alberto Tonti della Minardi Management

Da quest’anno Karol sarà anche ambasciatore della “Fondazione Bambini Atleti” con sede a Cracovia “Sono onorato di poter far parte e rappresentare questa fondazione. Potremo far conoscere ai bambini anche il nostro sport, incoraggiandoli a fare la loro migliore scelta. La fondazione riunisce tantissime discipline e farne parte mi rende orgoglioso. Fin da piccolo sono stato attirato dalla competizioni e mi sono innamorato del motor sport alla prima curva affrontata col go-kartcommenta Karol, sottolineando quanto sia impegnativo il motorsport essendo una disciplina di squadra “Un pilota senza una buona squadra non è nessuno, come un team non raggiungerà mai dei risultati importanti senza un buon pilota. Nel nostro mondo la vittoria si gioca sulle frazioni di un secondo. I dettagli fanno la differenza tra la vittoria e una sconfitta

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart – Riccardo Negro “KZ, obiettivo 2016”

Dopo aver chiuso il 2015 con l’appuntamento mondiale a Le Mans valido per l’International KZ2 Super Cup difendendo i colori ufficiali OK1, Riccardo Negro scalpita per tornare a correre con regolarità, dopo il successo nella WSK Euro Series e due stagioni caratterizzati da apparizioni col “contagocce”. Minardi.it ha raggiunto Riccardo per parlare del presenta, passato e futuro

Nel tuo palmares svetta il successo nella WSK Euro Series e il terzo posto nel Mondiale CIK-FIA nel 2013. Un 2014 lontano dalle gare e un 2015 a “singhiozzo” Come mai non sei riuscito a correre con regolarità nonostante i buoni risultati?

Difficile dare una risposta. Nel 2013 sono arrivati certamente risultati importanti, ma nonostante questo l’anno successivo ho avuto poche occasioni per correre, forse anche per scelte non corrette.

Nel 2015 sei tornato alle gare. Come valuti la tua stagione?

Ancora una volta è stata una stagione a “singhiozzo” dove non ho avuto l’opportunità di mettermi in evidenza correndo con regolarità. Sono tornato in pista dopo la bellezza di sei mesi e questo ha condizionato i risultati. A Le Mans avremo potuto raccogliere un risultato importante, ma ci siamo dovuto ritirare per un cedimento.

Andiamo più nel dettaglio. Hai iniziato l’anno con l’appuntamento di Adria nella WSK Super Master Series con CRG

Sono tornato alle corse dopo sei mesi di stop. Rientrare in una competizione di alto livello dopo un periodo lungo non è certamente facile, perché devi ritrovare ritmo e ossigeno Mi è servito per togliere un po’ di ruggine.

… e per preparare il Campionato Europeo FIA-CIK KZ2 col team Renda Motorsport

Abbiamo avuto qualche difficoltà nella prima tappa a Sarno, mentre in Spagna abbiamo mancato la finale per una squalifica. A quel punto abbiamo preso la difficile decisione di saltare l’appuntamento finale in Belgio, poiché eravamo fuori dai giochi per puntare al podio europeo.

… chiudendo l’anno con l’appuntamento mondiale a Le Mans come pilota ufficiale OK1 e motore Iame

Sono stato veramente contento per la chiamata di OK1, in vista di Le Mans. Prima di partire ho avuto l’occasione di fare due giornate di test, per imparare a conoscere il nuovo materiale e raggiungere il giusto feeling con team e ingegneri. Arrivati in circuito abbiamo dedicare diverso tempo per affinare tutto il materiale, ma sono riuscito comunque a conquistare la Finale, il nostro obiettivo minimo. Dopo una bella rimonta, girando su ottimi riscontri cronometrici, il manicotto dell’acqua ha ceduto costringendomi al ritiro

Quali sono gli obiettivi e i programmi per il 2016?

Per il momento il 2016 è una grande incognita. Il mio obiettivo è certamente di tornare a correre ai massimi livelli e con regolarità. Non nascondo che il mio obiettivo sia il KZ. Insieme a Giovanni Minardi e Alberto Tonti della Minardi Management stiamo lavorando per trovare la migliore soluzione.

Quanto è importante per un pilota di kart correre regolarmente?

Quando si corre a livelli importanti, è fondamentale guidare il kart regolarmente, sia per non perdere il ritmo sia per mantenere la forma fisica. Anche nei momenti di stop forzato, tra una gara e l’altra, è importante avere l’opportunità di scendere in pista per alcune sessioni di allenamento. Nel karting, l’unica regolare per restare allenati è “consumare l’asfalto”

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

 

Kart – Karol Basz e OTK ancora insieme per difendere il titolo

Dopo aver portato il titolo Mondiale KF al gruppo OTK grazie alla perentoria vittoria sul tracciato internazionale di La Conca col materiale della Kosmic Racing, anche nella prossima stagione Karol Basz si presenterà ai nastri di partenza dei campionati internazionali più importanti come pilota di riferimento e grande protagonista nel panorama karting professionale.

Con l’arrivo delle nuove motorizzazioni OK l’esperienza, la maturità e il talento del driver polacco, già  in orbita Minardi Management da questa stagione, saranno un valore aggiunto per il gruppo bresciano. Le nuove motorizzazioni prospettano un grande miglioramento delle prestazioni, grazie anche all’alleggerimento dei kart, rendendo la guida più piacevole. L’aumento del regime a 1000 giri/min renderà possibile l’uso del rapporto più corto, molto vantaggioso all’uscita dalle curve lente, il punto “critico” per il KF, come dichiara Ole Haugård al sito CIKFIA.com L’esperienza e la velocità di Karol saranno molto utili nello sviluppo e messa a punto del nuovo materiale in vista della prossima stagione sportiva. Restano comunque aperte le porte delle competizioni GT dove si stanno pianificando giornate di test e gare per cominciare ad assaporare la nuova avventura, nel pieno rispetto del programma karting stabilito col gruppo OTK di Roberto Robazzi.

Sono molto felice di poter continuare il lavoro con la Kosmic Racing. Con l’arrivo delle nuove motorizzazioni, la prossima stagione sarà completamente diversa e lotterò per difendere il titolo. Voglio ringraziare tutto il gruppo OTK, Roberto Robazzi e il team Kosmic Racing. Spero di poter fare anche qualche giornata di test e gare con vetture GT, in vista del passaggio alle auto nel 2017commenta Karol Basz

Ci ha fatto molto piacere la proposta arrivata da OTK nei confronti di Karol per la stagione 2016, riconoscendolo come vero professionista e pilota su cui puntare per lo sviluppo della nuova motorizzazione e messa a punto dei telai. Ora non aspettiamo altro che lavorare per difendere il titolo, tenendo sempre un occhio aperto verso le competizioni GTcommenta il manager Alberto Tonti

Sono contento e soddisfatto che il gruppo OTK abbiamo voluto premiare la stupenda stagione di Karol, conclusa col titolo mondiale. Con l’esordio del nuovo materiale OK ci sarà molto lavoro da fare e l’esperienza di Karol sarà un valore aggiunto. Resta l’amaro in bocca poiché avrei voluto vedere l’esordio di Karol con le vetture GT a tempo pieno, poiché sono sicuro che avrebbe ottenuto fin da subito ottimi risultati. I pochi chilometri fin qui percorsi hanno dato risultati importanti. In accordo con Roberto Robazzi, stiamo organizzando comunque delle giornate di test e delle gare, in preparazione del 2017commenta il manager Giovanni Minardi 

 

Kart – Ancora un podio per Karol Basz

Si chiude con un terzo posto nella WSK Final Cup la stagione del neo-Campione del Mondo KF Karol Basz. All’Adria Karting Raceway il driver polacco della Kosmic Racing ha salutato il 2015 con un nuovo podio, lottando costantemente coi migliori piloti per le posizioni di vertice, dando sempre il massimo. E’ mancata solamente la vittoria dopo aver marchiato il terzo posto nelle Qualifying Heats e nella Pre-Finale.

E’ bello finire la stagione con un podio. E’ stato un anno fantastico durante il quale, insieme al team Kosmic Racing, abbiamo dimostrato di poter raggiungere qualsiasi risultato. Abbiamo saputo vincere e conquistare podi nelle competizioni più importanti raggiungendo il titolo Mondiale. Presto spero di poter annunciare i programmi per la prossima stagionecommenta il pilota seguito dalla Minardi Management, Karol Basz

Nonostante la pole del venerdì che ci aveva fatto pensare ad un nuovo successo, siamo soddisfatti del podio di Karol, che ha proseguito la sua striscia di risultati positiva. Questa vittoria non era il nostro obiettivo principale della stagione, per cui abbiamo voluto provare anche materiali diversi e siamo contenti di quanto raccolto. Ora iniziamo a lavorare per il 2016commenta Alberto Tonti, responsabile Karting della Minardi Managemeng

Sono molto soddisfatto della stagione di Karol, in cui ha raggiunto a pieni voti l’obiettivo stagione con la conquista del titolo Mondiale KF. Ancora una volta ad Adria ha messo in mostra tutta la sua capacità lottando senza mai tirarsi indietro, conquistando il massimo. Da oggi lavoriamo per fare il salto di qualità nella prossima stagione” commenta Giovanni Minardi

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart – Karol Basz Campione del Mondo KF

Fine settimana sensazionale per Karol Basz che sul tracciato Internazionale di La Conca si è laureato Campione del Mondo KF. Vittoria netta e perentoria per il driver polacco di casa Kosmic Racing, seguito dalla Minardi Management di Giovanni Minardi e da Alberto Tonti, che ha dominato interamente tutte le sessioni dell’appuntamento più importante nel panorama internazionale del karting lasciando solamente le “briciole” agli avversari.

Nelle quattro manche di qualifica Karol mette il suo sigillo per ben tre volte, dovendosi “accontentare” del terzo posto nella seconda manche dopo una bella rimonta. Un rullino di marcia incredibile che gli consegna la pole-position della Pre-Finale, dove conquista un nuovo eclatante successo tagliando il traguardo con oltre 2,5” di vantaggio. La consacrazione arriva in Finale, con Basz ancora una volta primo al traguardo. A dimostrazione di tutto il suo talento e dell’ottimo feeling raggiungo con la pista e il materiale della Kosmic Racing, il driver di Cracovia firma anche il miglior crono della gara in 45”843, mettendo tra se e il secondo in classifica la bellezza di 3,1”. “Tutto il fine settimana è stato fantastico. La Finale non è stata facile come può sembrare guardando semplicemente la classifica. In partenza ho perso un po’ di tempo, ma poi sono riuscito a recuperare velocemente riuscendo ad imporre il mio ritmo fino alla fine. Tutto il team ha lavorato in modo ineccepibile, fin dalla giornata di test” commenta entusiasta Karol Basz, prima di passare ai ringraziamentiVoglio ringraziare la Kosmic, il Sig Robazzi, e tutto il gruppo OTK , Oliver Marechal, la mia famiglia che mi ha sempre sostenuto, la mia ragazzi Aga, i miei sponsor ilMio.PL, R8, Europart e la Minardi Management nelle persone di Giovanni Minardi e Alberto Tonti, oltre al mio preparatore atletico Olsh Coaching

“Cosa dire. E’ stato un fine settimana sensazionale. Karol ha imposto il suo ritmo in tutte le sessioni. Un dominio perentorio. Quando è andato male è arrivato terzo. Parliamo dell’appuntamento mondiale più importante. Questo fa capire il valore tecnico e velocistico di questo ragazzo. Sono veramente contento per Karol. Come Minardi Management era da diverso tempo che non mettevamo il nostro sigillo su un campionato. Per questo voglio ringraziarlo, perchè come primo trofeo abbiamo portato a casa un Mondiale di karing. Meglio di così non si potevacommenta il manager Giovanni Minardi

E’ stato tutto perfetto. Più di questo non si poteva chiudere. Il completamento di un lavoro durato un’intera stagione. Dal team Kosmic Racing, perfetto che non ha mai lasciato nulla al caso, al pilota che ha lavorato sempre in modo professionale, restando concentrato e determinato affrontando i sorpassi che gli hanno permesso di imporre la sua supremazia su piloti veramente bravi e preparati. E’ una soddisfazione per me aggiungere al mio palmares kartistico il titolo più importante: Il Mondiale KF. Fin da subito ci metteremo a lavorare sui prossimi impegni coi gli altri piloti, specialmente i più giovani, in vista della stagione 2016, puntando magari al Mondiale KZcommenta Alberto Tonti

Kart – Le Mans positiva per Negro e Vigorito con OK1

Il prestigioso circuito Internazionale di Le Mans è stato teatro degli appuntamenti nell’International KZ2 Super Cup e World KZ Champs. Sulla griglia di partenza del tracciato transalpino, a difendere i colori della Minardi Management, erano presenti Riccardo Negro e Gianni Vigorito col materiale della OK1, gestito da Lorenzo Foschiani, del gruppo IPKarting che racchiude anche i marchi Praga e FK.
Un fine settimana positivo sia per Riccardo (KZ2), tornato a difendere i colori di una compagine ufficiale grazie anche all’interessamento della Iame, che per Gianni (KZ), autori di una pausa forzata che li ha tenuti lontani dalle competizioni di alto livello.

Dopo una lunga cavalcata e una griglia composta da oltre 100 piloti, per Riccardo Negro si sono aperte le porte della Finale, grazie alla 32esima piazza assoluta conquistata nella Pre-Finale (16esimo nel gruppo 1). In Finale si rende protagonista di una bella rimonta dimostrando di poter puntare alla top 10, girando solamente a 1 dec dalla migliore prestazione della gara. Purtroppo la rottura del manicotto dell’acqua lo obbliga al ritiro.  Nella categoria regina KZ, Gianni Vigorito si rende protagonista di un’importante progressione al fianco dell’ OK1 spinto dalla TM, gestito dalla FG Racing di Udine, dopo la partecipazione nella WSK Super Master Series. Contro i “”mostri sacri”” del karting Gianni si difende adattandosi velocemente anche ai pneumatici Bridgestone e trovando un buon setup, chiudendo l’esperienza mondiale con un 23esismo posto assoluto.

Correre un mondiale nella categoria KZ è fantastico e non posso che essere soddisfatto per questo fine settimana. Col team ho lavorato molto bene e siamo sulla strada giusta. Temevo le gomme Bridgestone, ma sono riuscito ad adattarmi bene trovando dopo un paio di turni il giusto setupcommenta Gianni Vigorito

“I primi turni sono stati solamente di rodaggio, lasciando da parte la messa a punto. Il meteo molto incerto non mi è stato di aiuto, ma col 16esimo posto della pre-Finale sono riuscito ad agguantare la Finale. La pista nel frattempo si è asciugata e il mio passo gara era buono in quelle condizioni, ma purtroppo la rottura del manicotto dell’acqua mi ha costretto al ritiro prematurocommenta Riccardo Negro

Sono veramente contento del comportamento in pista sia di Riccardo che di Gianni. Sono tornati ad una competizioni di altissimo livello dopo diversi mesi di stop forzato. In particolar modo per Negro si sono riaperte le porte di un team ufficiale dopo oltre 9 mesi. Ha  ritrovato velocemente il ritmo e la forza come dimostrano gli ottimi tempi cronometrici fino alla fine, girando solamente ad 1 dec dalla migliore prestazione. Purtroppo il cedimento del manicotto dell’acqua gli ha negato un bel risultato in Finale. Autore di una bella rimonta avrebbe potuto lottare tranquillamente per la decima-dodicesima posizione. Molto bene anche Vigorito sia sul bagnato che con l’asciutto, alla prima esperienza in KZ. Ha gestito bene le impegnative gomme giapponesi, dopo aver corso l’intera stagione con LeCont, trovando dopo pochi giri un buon setupanalizza Alberto Tonti

Non possiamo che ritenerci più che soddisfatti per quanto visto in pista. Ritrovare il ritmo dopo un periodo così lungo di stop non è mai facile. Le Mans è stato il primo appuntamento di alto livello sotto la nostra gestione e non sarà che l’inizio. Riccardo e Gianni hanno dimostrato di meritarsi palcoscenici importantianalizza il manager faentino Giovanni Minardi

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart – Matteo Nannini ad Adria in ottica Finale Italiana e Mondiale

Week-end di apprendistato per il neo 12enne Matteo Nannini che sul circuito di Adria, teatro dell’ultimo appuntamento del Campionato Rok Nord, ha firmato il suo debutto coi colori della RB Racing. Le impervie condizioni climatiche che hanno caratterizzato l’area del tracciato rodigino, hanno permesso al forlivese di prendere le giuste misure col nuovo materiale Exprite in vista della Finale Italiana, in programma a inizio settembre, proprio all’Adria International Raceway e del Mondiale di Lonato.

Matteo ha avuto l’occasione di prendere confidenza con la pista bagnata, condizione in cui il giovane kartista vanta un’esperienza minima, soprattutto dopo il passaggio a stagione in corso alla categoria KFJ. Per l’occasione ha avuto l’appoggio di uno specialista come Karol Basz, di ritorno dalla tappa svedese nell’Europeo, che ha aiutato Matteo a cominciare a conoscere il materiale OTK.

E’ stato un week-end utile perché ho avuto la possibilità di percorrere chilometri col nuovo materiale in vista degli appuntamenti di Settembre. Mi sto trovando molto bene sia con il team che col kart. Per me era la prima volta con la pioggia al volante del 125 e così ho avuto la possibilità di fare anche questa esperienza, affiancato da karol. Il mio obiettivo è la Finale Italianecommenta Matteo Nannini

Abbiamo trovato un team molto disponibile che ha aiutato Matteo. Nonostante un week-end dai risultati a noi non favorevoli, Matteo ha avuto la possibilità di iniziare a lavorare in un vero team. Mi ha fatto piacere vederlo seguire attentamente i consigli di Karol Basz, uno specialista del bagnatoanalizza Alberto Tonti

Essendo arrivati in KFJ a stagione inoltrata, non avevamo nessun obiettivo nel Campionato. La tappa di Adria ci è stata molto utile per provare il nuovo materiale sia nelle condizioni di pista asciutta che bagnata. Un test molto importate in vista della Finale Italiana che si correrà proprio ad Adriacommenta il manager Giovanni Minardi

Kart – Karol Basz “Week-end intenso in Svezia. Ora penso al Mondiale”

In terra svedese, sul circuito internazionale Kristianstad, teatro dell’ultimo appuntamento del Campionato Europeo CIK FIA, il polacco Karol Basz ha messo in pista tutto il suo talento e la sua caparbietà confermandosi uno dei piloti più veloci.

Inserito nel gruppo C e alla guida del materiale preparato dalla Kosmic Racing Team, il driver polacco mette la firma su due (di quattro) manche delle Qualifying Heat segnando il giro più veloce nel secondo turno, portando a termine un’incredibile rimonta nella Heat di apertura. Al momento dello start il kart non si mette in moto costringendo Karol a schierarsi in ultima posizione. Inizia una bellissima rimonta, nonostante la pista resa umida dall’arrivo della pioggia, che lo porta a conquistare la quinta posizione finale. La terza manche va in archivio con un ottavo posto, prima di mettere il secondo sigillo che vale la sesta posizione assoluta in vista della Pre-Finale. Con uno scatto perfetto Karol piazza il suo Kart #106 al terzo posto, ma con l’arrivo della pioggia viene, ancora una volta, tamponato da un avversario facendolo scivolare nelle retrovie, costringendolo così ad accontentarsi dell’ottavo posto. Il portacolori Kosmic saluta la Svezia col sesto posto nella Finale portando il bottino complessivo a 27 punti, entrando nella top 10

E’ stato un fine settimana incredibile dove è successo di tutto. Il mio ritmo era molto buono come dimostrano i due successi nelle Qualifying Heat e il giro più veloce. Purtroppo nella prima manche il motore non è partito e così mi sono dovuto schierare in ultima posizione, riuscendo però a rimontare fino al quinto posto. Allo start in pre-finale ero riuscito a conquistare la terza posizione, ma al sesto giro sono stato tamponato da un avversario facendomi chiudere la corsa all’ottavo posto. In finale purtroppo ho perso molto tempo dietro alcuni avversari e ho chiuso al sesto posto. Sono molto contento della nostra velocità, ma bisognerà esserlo ancora di più a Muro Leccesecommenta il pilota della Minardi Management, Karol Basz

Da una parte siamo molto contenti perché ancora una volta sia Karol che la Kosmic hanno dimostrato di avere tutte le carte in regola per stare al vertice, come dimostrano anche i tempi segnati. Resta però il rammarico di aver visto nuovamente vanificare tutto il lavoro dall’irruenza di qualche pilota. L’ottavo posto assoluto e i 27 punti sono un risultato che ci vanno stretti. Ora ci prepareremo al meglio per il Mondiale a Muro Lecceseanalizza il talent-scout Alberto Tonti

“Sono molto dispiaciuto per Karol perchè anche questa volta la fortuna non è stata dalla sua. Gli è capitato di tutto. In tutte le occasioni ci siamo fatti trovare pronti, ma per fattori esterni non abbiamo raccolto quanto meritato. Spero che la bea bendata ci dia una mano in occasione del Mondiale perchè è certamente in debito con noi” commenta il manager Giovanni Minardi

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart – Matteo Nannini ad Adria con RB Racing

Questo fine settimana Matteo Nannini si prepara a tornare in pista all’Adria International Raceway, in occasione del nono appuntamento (per il forlivese il quinto week-end) nel Campionato Rok Nord – categoria KFJ

Sarà un fine settimana particolare – non solo perché si correrà in notturna – per Matteo che firmerà il suo debutto coi colori della RB Racing e il materiale Exprite. Sarà anche l’ultimo round prima della Finale Italiana (in programma il fine settimana del 6 settembre) sempre sul circuito rodigino e il Mondiale sul circuito Internazionale di Lonato. Ad Adria il neo-dodicenne proverà ad andare a caccia della vittoria, sfuggita ad oggi veramente per poco.

Ho provato insieme al team nei giorni scorsi compiendo 180 giri, nonostante i 40°. Fin da subito mi sono trovato molto bene sia coi ragazzi del team che con il kart. Ha una frenata molto diversa rispetto al materiale precedente. Vado ad Adria con la voglia di far bene, per cercare di lasciarmi alle spalle la difficile gara in Friuli, preparando al meglio anche la Finale Italianacommenta Matteo Nannini

Sono veramente contento per questo accordo tra Matteo ed RB Racing poiché parliamo di una compagine molto professionale e alla ribalta nel kart nazionale e internazionale. Siamo felici che abbia pensato a noi e a Matteo per il finale di stagione. Sarà un ottimo spunto per la carriera di Matteo, dove avrà la possibilità di imparare a stare in un vero team. Alessandro Villa è un grande conoscitore della categoria Junior e sono certo che potrà far bene fin da subitoanalizza il talent scout Alberto Tonti

Finalmente si torna a correre, dopo il sofferto appuntamento di Precenicco, con alcuni cambiamenti in termine di materiale e team. Nei giorni scorsi Matteo ha avuto la possibilità di provare il nuovo kart dimostrando di aver raggiunto fin dai primi passaggi un ottime feeling. Questa nuova parentesi potrà essere un’iniezione di fiducia per arrivare alla vittoria, anche in vista della Finale Italiana che sarà ospitata proprio dal tracciato di Adria, che ci potrebbe proiettare alla finalissima mondiale di Lonato come uno dei piloti da temereanalizza il manager Giovanni Minardi