Euro 3000 – Nuovo podio per il talento Rigon

Share via email

Dopo la pole position di domenica mattina Davide Rigon si è confermato al top anche in gara, dando vita insieme a Pastro Maldonado, il pilota della GP2 Manin Series, ad un’entusiasmante lotta al vertice, dimostrando ancora una volta tutte le sue qualità di guida nonostante non salisse sulle potenti monoposto da F.3000 da oltre sei mesi.

Davide Rigon.jpg

Al pronti via Rigon parte molto bene e riesce a tenere la leadership, ma a “La Sorse” Maldonado passa al comando davanti al vicentino e a Fabio Onidi, in bagarre con il brasiliano della ELK Motorsport Luiz Razia. Davide però non ci sta e prova in tutti i modi un nuovo attacca verso il venezuelano: al quinti giro il vicentino della TP Formula torna nuovamente al comando riuscendo a prendere anche un buon margine di vantaggio sul driver della GP Racing. Purtroppo una regolazione non perfetta del motore gli fa perdere molto terreno e Maldonado si riporta sotto. Rigon tenta di resistere ai numerosi attacchi, ma al decimo giro deve cedere definitivamente il passo e “accontentarsi del secondo posto in classifica”, un secondo posto che vale come una vittoria considerando che è arrivato in un momento in cui Rigon non corre nelle formule, ma nel Mondiale FIA GT con la F430.

Davide Rigon.jpg

Davide ha avuto la grande capacità di prendere per mano il suo team e indirizzarlo verso le soluzioni migliori che in qualifica gli hanno permesso di battere il team campione in carica e un pilota esperto come Pastor, al suo secondo anno in GP2

“Vincere è un’altra cosa…” Commenta Davide Rigon alla fine della corsa “Sono comunque soddisfatto di questo nuovo podio che dimostra che so ancora guidare una monoposto nonostante fossero 6 mesi che non ci salivo sopra. Mi sono trovato subito bene con il team TP Formula, insieme al quale siamo riusciti a conquistare prima la pole – insperata fino a qual momento – e poi il secondo posto dietro a Maldonado, un pilota molto più esperto di me alla sua seconda stagione in GP2 Main Series, l’anticamera alla F1. Spero di avere ancora occasione di correre in F.3000, sperando anche di poter tornare a guidare un giorno la Dallara GP2”

Davide Rigon.jpg

english.jpg

After the pole position for Sunday morning Davide Rigon was also confirmed to the top in the race, giving life to Pastro Maldonado, the pilot of Manin GP2 Series, for an exciting fight at the summit, proving once again all its qualities of leadership despite not salisse on powerful single-seater from F.3000 for over six months.

At ready by Rigon very well and manages to keep the leadership, but to “La Sourse” Maldonado switches to command front of the Vicenza and Fabio Onidi, bagarre with the Brazilian Luiz Razia ELK Motorsport. Davide, however, there is and try in every way a new attack towards the Venezuelan: to turn the Vicenza-fifths of TP Formula back again under the command managing to take a good margin lead over the driver GP Racing. Unfortunately adjustment not perfect engine makes him lose much ground and Maldonado, here below. Rigon tries to resist the many attacks, but the tenth round must give final step and “settle for the second place in the standings,” a second place that counts as a victory Whereas came at a time when Rigon not run in formulas, but in the FIA World GT with the F430.

David has had the great ability to take to hand his team and direct it toward the best solutions in qualifying that allowed him to beat the team champion in office and an expert pilot as Pastor, his second year in GP2.

“Winning is another thing…” Comment Davide Rigon at the end of the race “I am satisfied with this new podium showing that I still drive a single seat despite being 6 months that there salivo above. I found just fine with the team TP formula, together with which we managed to win the first pole – up to what unexpected moment – and then the second place behind Maldonado, a pilot much more experienced than I to his second season in GP2 Main Series, the antechamber to F1. I hope I still have chance to run in F.3000, hoping also to be able to return one day to drive the Dallara GP2 “