FIA WEC – Davide Rigon sul podio anche nella 6 Ore di Shanghai

Share via email

Dopo l’ottimo secondo posto ai Fuji tre settimane fa, Davide Rigon, in coppia con James Calado, conquista nuovamente il podio, grazie al terzo posto nella 6 Ore di Shanghai, teatro della sesta tappa stagione del Campionato del Mondo FIA Endurance.

Con questo prezioso risultato, il 27enne driver veneto conferma il suo feeling con la Cina, che proprio un anno fa gli aveva regalato la prima vittoria nel Mondiale, e con la sua Ferrari 458 GTE-Pro #71, preparata dal team AF Corse. Come da programma, dopo aver concesso qualcosa in qualifica, la vettura di Maranello ha recuperato il gap sulla distanza, permettendo alla giovane coppia Rigon/Calado di conquistare il terzo podio stagionale. “Non posso che essere felice per questo podio. Ringrazio la squadra, perché ha fatto un ottimo lavoro ai box. Qui a Shanghai abbiamo fatto una gara tirata fino all’ultimo e abbiamo cercato di dare il massimo”, commenta Davide Rigon.

Resta il rammarico per quanto successo ai compagni Bruni-Vilander, costretti al ritiro a pochi giri dal semaforo verde. Alla curva 10 dell’International Circuit di Shanghai, la Ferrari numero 51 del team AF Corse, condotta in quel momento da “Gimmi” Bruni, è stata coinvolta in un incidente con la vettura prototipo LMP2 del Team KCMG, rimasta ferma a causa di problema tecnico, fortunatamente senza alcuna conseguenza per i due piloti. Davvero difficile per “Gimmi” Bruni riuscire ad evitare il contatto, dal momento che il prototipo si trovava proprio sulla sua stessa traiettoria. “Sono veramente dispiaciuto per quanto successo ai nostri compagni di scuderia”, prosegue il pilota del Minardi Management.

Con questo nuovo podio, Davide prosegue la sua scalata nella classifica di classe, aggiungendo al bottino personale ulteriori quindici punti che valgono il settimo posto mondiale, tenendo in gioco la Ferrari  per la conquista del titolo costruttori nella massima competizione per le vetture GT. La Scuderia del Cavallino Rampante guida il gruppo, con ancora due appuntamenti in programma nel mese di novembre. “Avanti così. Ci sono ancora in calendario due appuntamenti importantissimi”, conclude Rigon, “che, sulla carta, dovrebbero essere  favorevoli alle caratteristiche della nostra vettura”.

“Un altro risultato importate per Davide. Come già successo tre settimane fa in Giappone, arrivando a correre su piste già conosciute, riesce ad esprimere il 100% del suo potenziale. Questo ci sarà utile sopratutto per la parte finale del mondiale. Non dobbiamo dimenticarci che il nostro principale obiettivo e compito è quello di portare il titolo Costruttori in casa Ferrari”, commenta il manager Giovanni Minardi. “Dispiace per quanto successo a Gimmi e Toni, ma sono certo che già in Brasile sapranno riprendersi la rivincita con gli interessi”.

Il prossimo 15 novembre si correrà in Bahrein, mentre il 30 novembre sarà la volta di San Paolo, in Brasile, per l’ultimo atto del Campionato del Mondo FIA Endurance.