Gp Germania – IL PUNTO

Share via email

Ancora una volta lo spettacolo non è mancato anche se troppo condizionato dagli pneumatici. Alcuni team scompaiono troppo velocemente nel buio per poi ricomparire nel gran premio successivo o, addirittura, cambiano le loro prestazione nello stesso week end al variare di pochi gradi di temperatura dell’asfalto. A questo punto mi domando cosa serve spendere tutti quei soldi in sviluppo e galleria del vento se poi basta un nonnulla per compromettere tutto il lavoro.

Detto questo non voglio togliere nulla alla grandissima prova di forza della Red bull che si è ripresa velocemente dalla debacle tecnica di Silverstone. Hanno certamente la migliore macchina guidata da un pilota che sa gestirla al meglio. Molto bravo anche Webber che ha saputo reagire al problema del pit stop entrando nella top ten e portando al team altri “punti mondiale” molto importanti.

Purtroppo al Nurburgring è mancata la Ferrari che le ha studiate tutte per ribaltare un risultato negativo. Saluta la Germania con una quarto posto di Alonso, sicuramente importante visto com’era iniziato il fine settimana, cedendo però altro terreno agli avversari.  Di questo passo il terzo posto nel mondiale costruttori sarà difficile da conservare in quanto abbiamo una Lotus che anche in Ungheria saprà farsi dare del “Lei”. Con un altro risultato importante Kimi potrebbe tentare l’aggancio allo spagnolo. Sarà importante capire anche cosa stia succedendo a Felipe Massa. Onestamente non ci sono ancora delle voci ufficiali, ma l’imbarcata presa mi sembra alquanto strana. Se fosse arrivato “lungo” la vettura avrebbe dovuto puntare verso destra, mentre il brasiliano è arrivato con le gomme bloccate per poi puntare a sinistra. Non mi sento di attribuirgli la colpa, ma purtroppo la scuderia ha perso punti anche sul fronte costruttori. Alonso non ha un valido copri spalle, diversamente dai suoi principali avversari.

Il campionato è ancora molto lungo anche se in questo momento la Red Bull è nettamente favorita. Speriamo che le tre settimane che ci separano dall’Ungheria e il mese sabbatico di agosto porti delle novità in Ferrari. Credo che l’ordine di arrivo di domenica rappresenti bene il valore tecnico attuale dei team con le prime nove posizioni occupate dai cinque top team. All’appello manca solo Massa e per questo si è inserito Hulkenberg, autore di una bellissima gara che ha regalato alla Sauber  un punto.

La McLaren è riuscita a sfruttare a suo favore il caldo, spodestando così Toro Rosso e Force India che sabato avevano portato le loro monoposto nella top 10.

Per quanto riguarda l’incidente ai box di Webber, già qualche gran premio fa mi ero voluto soffermare sulla pericolosità di questi cambi-gomme. Fino ad ora gli pneumatici si erano staccati in pista, mentre ora è accaduto in una spazio ridotto come la corsia box, dove solo per fortuna non è successo il peggio. Purtroppo un cameraman è rimasto ferito e, pertanto, dalla prossima gara dovranno stare solamente sui muretti. Anche se non è certamente facile porre dei rimedi mi pare che si “chiuda sempre il recinto quando i buoi sono ormai scappati”…

Prima di darvi appuntamento in Ungheria, vorrei parlare anche della richiesta della Mercedes di  partecipare ai test di Silverstone. Al di la delle numerose deroghe date al team tedesco, credo sia giusta la loro partecipazione in quanto è un test voluto al fine della sicurezza. Sarà importante che i commissari vigilino sul corretto svolgimento, mentre è altrettanto corretto la loro esclusione dalle due giornate aperte ai giovani