Kart – Subito un podio per Karol Basz in OK

Share via email

E’ partita da Adria la seconda stagione di Karol Basz col materiale della Kosmic Racing e nella nuova categoria OK. Sul tracciato rodigino, teatro della WSK Championship Cup, il driver polacco seguito dalla Minardi Management ha conquistato la vittoria nella pre-finale con un vantaggio di quasi 5 secondi sul primo degli inseguitori, chiudendo il primo week-end col secondo posto assoluto in Finale.

Ancora una volta Karol ha messo in mostra tutta la sua abilità  con pista bagnata, marchiando il giro più veloce della pre-finale B e il secondo miglior crono della Finale, dove si rende protagonista di una piacevole rimonta

“E’ bello iniziare la stagione con un secondo posto. Quest’anno abbiamo un motore completamente nuovo, quindi si ricomincia da zero. Non sarà una stagione facile e ci sarà molto lavoro da fare e tanto da imparare. Fin dal primo turno tutto ha funzionato nel modo corretto. Ci aspetta una stagione divertente commenta Karol Basz

Anche se è mancato il gradino più alto sono contento del risultato e dell’inizio di stagione di Karol. Vittoria nella Pre-finale e secondo posto in Finale, dopo esser scivolato in quarta piazza. Ancora una volta si è dimostrato molto veloce sotto la pioggiacommenta Alberto Tonti della Minardi Management

Da quest’anno Karol sarà anche ambasciatore della “Fondazione Bambini Atleti” con sede a Cracovia “Sono onorato di poter far parte e rappresentare questa fondazione. Potremo far conoscere ai bambini anche il nostro sport, incoraggiandoli a fare la loro migliore scelta. La fondazione riunisce tantissime discipline e farne parte mi rende orgoglioso. Fin da piccolo sono stato attirato dalla competizioni e mi sono innamorato del motor sport alla prima curva affrontata col go-kartcommenta Karol, sottolineando quanto sia impegnativo il motorsport essendo una disciplina di squadra “Un pilota senza una buona squadra non è nessuno, come un team non raggiungerà mai dei risultati importanti senza un buon pilota. Nel nostro mondo la vittoria si gioca sulle frazioni di un secondo. I dettagli fanno la differenza tra la vittoria e una sconfitta

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox