SF – Aspettando Jerez… con Davide Rigon

Share via email

Foto Superleague Formula – Gallery Davide Rigon
Testo SF: Tripletta per Davide Rigon. a Vallelunga. Il Campionato ad un passo

A meno di quindici giorni dalla finalissima in terra spagnola Davide Rigon ripercorre la sua stagione al volante della Elan/Panoz biancoverde del Racing Team Beijing Guoan, portato in pista dal team tedesco Zakspeed.

10 gare, 5 appuntamenti, 3 vittorie, 1 pole position, 1 terzo posto, 353 punti, 59 lunghezze di vantaggio sul primo degli inseguitori, solo 1 volta fuori dalla zona punti in seguito ad un contatto con l’attaccante rossonero dell’AC Milan Robert Doornbos: sono questi gli strepitosi numeri del vicentino Davide Rigon ad un appuntamento dalla fine del campionato Superleague Formula.

“Ho aspettato questo campionato fin da febbraio, quando mi sono reso conto che non avrei potuto partecipare alla GP2 Series per mancanza di budgets. Il 31 agosto finalmente c’è stato il fischio d’inizio a Donington Park e fin da subito, insieme al mio ingegnere, sono riuscito a trovare un ottimo assetto che mi ha portato prima in pole position e poi a conquistare il gradino più alto del podio alla fine di una gara condizionata dalla pioggia. Purtroppo con il proseguo del campionato abbiamo avuto qualche noia meccanica, come in Germania, al Nurburgring, dove un problema al propulsore ci ha praticamente rovinato il week end, in quanto l’inconveniente è stato risolto solamente tra gara-1 e gara-2, dove poi abbiamo imposto il nostro ritmo conquistando il terzo posto (seconda volta sul podio dopo due appuntamenti). Rispetto a come era partito il fine settimana, con il quattordicesimo posto in qualifica e il quinto in gara-1, il podio ci ha dato nuovamente grande fiducia in vista del terzo round in terra belga, anche perché è arrivato dopo tantissimi sorpassi.

Davide

Zolder era una pista completamente nuova per me e ho avuto solo due turni di prove libere per prendere confidenza: in condizioni di pista bagnata ancora una volta eravamo riusciti ad andare veramente forte, ma al momento delle qualifiche il tracciato si è asciugato e per questo nella prima fase ho cercato di studiare nuovamente la pista. Alla fine dei 15’ ho portato la mia Panoz al terzo posto entrando così di diritto nei quarti di finale, dove però sono stato eliminato dal Sevilla, qualificandomi così al sesto posto. Il primo ritiro stagionale in gara-1 dovuto ad un tamponamento di Robert Doornbos ha dato alla vittoria nel secondo appuntamento un sapore ancora migliore: ancora una volta i ragazzi al momento del pit stop sono stati fantastici e anche il set up della monoposto era fantastico. Grazie al quel successo sono riuscito a prendere un buon margine di vantaggio ed è iniziata anche la pressione.

Davide

Arriviamo così in Portogallo, sulla pista dell’Estoril sempre al comando della classifica con una gran voglia di continuare su questa strada. Purtroppo ancora una volta siamo stati rallentati da alcuni problemi di gioventù della nostra monoposto, anche se alla fine sono riuscito a portare a termine entrambe le gare al quinto posto dopo un grande recupero: in qualifica un problema con il riscaldamento dei pneumatici ci aveva relegati al sesto posto, mentre in gara-1 ho perso le prime tre marce perdendo di fatto la possibilità di lottare nuovamente per un posto sul podio. Nella sosta di due ore i meccanici hanno fatto il miracolo riuscendo a sostituire la scatola del cambio, permettendomi così di prendere il via dalla corsia box. Abbiamo dimostrato di essere i più forti e di meritarci la posizione che occupiamo in campionato.”

Il 1° novembre la Superleague Formula arriva anche in Italia, sul tracciato romano intitolato a Piero Taruffi di Vallelunga. Tutti gli occhi sono puntati sia sui due club tricolore, l’AC Milan e l’AS Roma, ma soprattutto sul leader di campionato Davide Rigon e sulla sua monoposto biancoverde “La pista la conoscevo molto bene e sapevo che avrei avuto tutti gli occhi puntati su di me e, con il terzo sigillo, credo di non aver tradito le attese. Non è stato certamente un fine settimana facile in quanto le tre sessioni di prove libere si sono svolte con pista bagnata, mentre le qualifiche con pista completamente asciutta. In poco tempo abbiamo dovuto cambiare set up della macchina e stile di guida, ma alla fine dei 15’ ero riuscito a segnare il miglior tempo, qualificandomi così per i quarti di finale dove ho affrontato e battuto la Roma di Frenk Perera. In semifinale, in seguito ad un’incomprensione con il team, non abbiamo montato le gomme nuove e questo ci ha fatto perdere la sfida con il Milan di Doornbos qualificandoci così solamente al terzo posto. In gara-1, dopo aver fatto i primi giri senza prendere troppi rischi, al momento dei pit stop ho iniziato a spingere al massimo senza risparmiare macchina e gomme. Al rientro con gomme nuove ho continuato a spingere e quando il Milan ha fatto la sua sosta ci siamo trovati appaiati: ai “cimini”, la seconda curva di Vallelugna, ha tirato una staccata che mi ha permesso di avere la meglio sul pilota rossonero, portandomi così al comando della gara. Da quel momento ho iniziato ad imporre il mio ritmo portando il mio vantaggio fino a 2 sec. In gara-2, partendo in ultima posizione, era fondamentale solo fare punti pensando al campionato, considerando che il punteggio è uguale a quello della prima gara e alla fine dei 45’ sono riuscito a risalire fino al quinto posto portando così il mio vantaggio a 59 punti.

Davide

Nella Superleague Formula impari a sfruttare al meglio ogni secondo in quanto tra una sessione e l’altra c’è veramente poco tempo a disposizione. Anche nel giro di rientro ai box nelle sessioni di prove libere continuo a parlare con il mio ingegnere per stabilire nel minor tempo possibile le modifiche da fare sulla macchina per poter così tornare immediatamente in pista. E’ una vettura molto impegnativa sia da punto di vista fisico che per la messa a punti in quanto è molto sensibile a qualsiasi cambiamento – atmosferico e di bilanciamento – Solo alla sera del sabato, dopo le qualifiche riesci ad analizzare la telemetrie apportando così i maggiori cambiamenti in vista delle due gare della domenica. Oltre al poco tempo, in qualifica non si possono commettere errori, perché qualsiasi indecisione viene pagata pesantemente: il format è sicuramente molto bello anche se a volte non premia il più veloce, ma una serie di circostanze favorevoli.”

Il prossimo 23 novembre Davide Rigon sbarcherà in Spagna, sulla pista di Jerz per l’appuntamento che deciderà questo campionato: proprio il pilota targato Minardi potrebbe diventare il primo driver a firmare l’albo della SF. “Sono carico per questo appuntamento e proprio due settimane fa ho avuto modo di provare per la prima volta questo tracciato al volante della Dallara GP2. Il team è pronto e speriamo di concludere al meglio questa avventura. Certamente non scenderò in pista pensando solamente alla classifica, ma proverò a conquistare la quarta vittoria stagionale”