SLF – Giovanni Minardi “In Germania abbiamo avuto una grande reazione”

Share via email

Dopo la deludente prestazione nella gara inaugurale della Superleague Formula a Donington Park, la Scuderia Playteam Sarafree con i suoi due Racing Team A.C. Milan e Galatasaray ha voluto dare subito in segno forte: pole position, vittoria e terzo posto in gara-1 e sesto e settimo posto in gara-2, dove la griglia e completamente invertita rispetto all’ordine di arrivo del primo appuntamento.

“Dopo la difficile trasferta di Donington Park, ctutto il team si è messo a lavorare duramente in stabilimento per preparare al meglio le vetture in vista della Germania” commenta il direttore sportivo Giovanni Minardi “Abbiamo controllato ogni dettaglio delle nostre due vetture, dagli assetti al rapporti, proprio per non lasciare nulla al caso. In Inghilterra purtroppo siamo stati sfortunati in quanto in problema ha condizionato l’intero week end di Doornbos e dell’A.C Milan: diversamente anche in quell’occasione avremmo potuto dire la nostra. Per quanto riguarda invece il Nurburgring sinceramente non ci aspettavano di conquistare subito pole position e vittoria, visto che arrivavamo da un week end poco felice. Il nostro principale obiettivo è sempre il gradino più alto del podio e, primo o dopo, lo riusciamo a raggiungere. Fortunatamente questa volta siamo riusciti ad avere un’ottima reazione portando a casa punti preziosi per il campionato.

AC

Per noi è tutto nuovo, in quanto è il nostro primo anno nel mondo delle Formula e per questo dobbiamo preparare la corsa sulla “carta”, con l’aiuto dei nostri ingegneri. I budgets di questa categoria, ad oggi, non ci consentono l’utilizzo di simulatori, ma in futuro non si sa mai.”

Giovanni Minardi, prima di approdare in Superleague Formula, ha lavorato in F.1 nel Minardi Team per poi passare in F.3000. “Nel mio passato c’è la F.1 e la F.3000 e la monoposto Elan / Panoz possiamo dire che si inserisce a metà strada, anche se come lavoro e impegno si avvicina molto ad una monoposto da Formula 1. Bisogna stare attenti ai minimo dettaglia, senza lasciare nulla al caso”