SLF – Qualifiche: Quinto posto per Davide Rigon a Zolder

Share via email

Sul tracciato belga di Zolder le due sessioni di prove libere e le spettacolari qualifiche hanno inaugurato il terzo week end della Superleague Formula.

Nei due turni Davide Rigon, nonostante non avesse mai corso su questo tracciato (a differenza di molti suoi colleghi con un passato in Champ Car o WSR) è riuscito a portare ancora una volta la sua Elan / Panoz bianco-verde del Racing Team Beijing Gouan nelle posizioni di vertice, concludendo il primo turno al terzo posto con il miglior crono di 1:33.356 alle spalle dei due spagnoli ex GP2 Main Series Andy Soucek e Borja Garcia e il secondo con la quarta migliore prestazione (1:19.604)

Davide

Dopo appena un’ora Davide Rigon deve entrare nuovamente nell’abitacolo della sua monoposto per prender parte alla prima fase delle qualifiche che, come da regolamento, vede i 17 clus della SF divisi in due schieramenti. Rigon e il Beijing Gouan vengono inseriti nel gruppo B, insieme a Galatasaray, Al-Ain, Flamengo, Porto, Tottenham Hotspur, Corinthians, Atletico Madrid e Anderlecht.

A metà sessione Davide Rigon porta ancora una volta il Beijing al comando con il miglior crono di 1:18.131, davanti all’Atletico Madrid, Galatasaray e Corinthians. Nei minuti finali però la migliore prestazione viene segnata da Andy Soucek seguito dal Porto. Alla fine dei quindici minuti il vicentino Davide Rigon occupa la terza piazza accedendo così alla fase finale, dove affronta il Sevilla di Borja Garcia. In questa occasione lo spagnolo ha la meglio sull’italiano che, domani mattina alle ore 11.00, prenderà il via dalla terza fila con il quinto tempo.

“Sinceramente sono un po’ deluso da questo risultato. Mi aspettavo qualcosa di più, ma nel mio giro veloce purtroppo ho commesso un errore. Non avevo mai corso su questa pista e così ho usato le due sessioni di prove libere sia per preparare l’assetto sua per imparare i segreti del tracciato. Domani partirò dalla terza fila e sarà importante non commettere errori. La gara è lunga e c’è la possibilità di recuperare. Ora con il mio team studieremo la migliore strategia: il mio obiettivo rimane comunque la vittoria per confermare la mia leadership”