Articoli

Kart – Matteo Nannini “Week-end rovinato dai contatti”

Prosegue il rapporto burrascoso di Matteo Nannini con l’Adria Karting Raceway, teatro della finale nazionale italiana Rok. Sul tracciato rodigino il giovane kartista forlivese e alfiere della RB Racing nella Junior Rok, ha provato ad andare alla conquistata del titolo italiano  mettendosi in evidenza fin dalle prove libere, portandosi nelle posizioni di vertice del suo gruppo fermando il cronometro a pochi decimi dalla pole position.

A rovinare e condizionare il risultato è un contatto che lo costringe a chiudere la Pre-finale al sedicesimo posto, ricevendo successivamente dai commissari sportivi una sanzione di 10”, precipitando così fino alla 26esima piazza. Nella Finale Matteo cerca il pronto riscatto, ma dopo aver recuperato diverse posizioni un nuovo contatto lo porta a chiudere fuori dalla top 20.

Non è certamente stato il fine settimana che auspicavo. E’ una pista che mi piace molto, ma ancora una volta il risultato è stato condizionato da un contatto. Il kart andava bene e questa è la cosa importante, in vista dei prossimi appuntamenti. Ora voglio lasciarmi alle spalle questa finale e pensare avanticommenta Matteo Nannini

 

Kart – Matteo Nannini ad Adria in ottica Finale Italiana e Mondiale

Week-end di apprendistato per il neo 12enne Matteo Nannini che sul circuito di Adria, teatro dell’ultimo appuntamento del Campionato Rok Nord, ha firmato il suo debutto coi colori della RB Racing. Le impervie condizioni climatiche che hanno caratterizzato l’area del tracciato rodigino, hanno permesso al forlivese di prendere le giuste misure col nuovo materiale Exprite in vista della Finale Italiana, in programma a inizio settembre, proprio all’Adria International Raceway e del Mondiale di Lonato.

Matteo ha avuto l’occasione di prendere confidenza con la pista bagnata, condizione in cui il giovane kartista vanta un’esperienza minima, soprattutto dopo il passaggio a stagione in corso alla categoria KFJ. Per l’occasione ha avuto l’appoggio di uno specialista come Karol Basz, di ritorno dalla tappa svedese nell’Europeo, che ha aiutato Matteo a cominciare a conoscere il materiale OTK.

E’ stato un week-end utile perché ho avuto la possibilità di percorrere chilometri col nuovo materiale in vista degli appuntamenti di Settembre. Mi sto trovando molto bene sia con il team che col kart. Per me era la prima volta con la pioggia al volante del 125 e così ho avuto la possibilità di fare anche questa esperienza, affiancato da karol. Il mio obiettivo è la Finale Italianecommenta Matteo Nannini

Abbiamo trovato un team molto disponibile che ha aiutato Matteo. Nonostante un week-end dai risultati a noi non favorevoli, Matteo ha avuto la possibilità di iniziare a lavorare in un vero team. Mi ha fatto piacere vederlo seguire attentamente i consigli di Karol Basz, uno specialista del bagnatoanalizza Alberto Tonti

Essendo arrivati in KFJ a stagione inoltrata, non avevamo nessun obiettivo nel Campionato. La tappa di Adria ci è stata molto utile per provare il nuovo materiale sia nelle condizioni di pista asciutta che bagnata. Un test molto importate in vista della Finale Italiana che si correrà proprio ad Adriacommenta il manager Giovanni Minardi

Kart – Matteo Nannini ad Adria con RB Racing

Questo fine settimana Matteo Nannini si prepara a tornare in pista all’Adria International Raceway, in occasione del nono appuntamento (per il forlivese il quinto week-end) nel Campionato Rok Nord – categoria KFJ

Sarà un fine settimana particolare – non solo perché si correrà in notturna – per Matteo che firmerà il suo debutto coi colori della RB Racing e il materiale Exprite. Sarà anche l’ultimo round prima della Finale Italiana (in programma il fine settimana del 6 settembre) sempre sul circuito rodigino e il Mondiale sul circuito Internazionale di Lonato. Ad Adria il neo-dodicenne proverà ad andare a caccia della vittoria, sfuggita ad oggi veramente per poco.

Ho provato insieme al team nei giorni scorsi compiendo 180 giri, nonostante i 40°. Fin da subito mi sono trovato molto bene sia coi ragazzi del team che con il kart. Ha una frenata molto diversa rispetto al materiale precedente. Vado ad Adria con la voglia di far bene, per cercare di lasciarmi alle spalle la difficile gara in Friuli, preparando al meglio anche la Finale Italianacommenta Matteo Nannini

Sono veramente contento per questo accordo tra Matteo ed RB Racing poiché parliamo di una compagine molto professionale e alla ribalta nel kart nazionale e internazionale. Siamo felici che abbia pensato a noi e a Matteo per il finale di stagione. Sarà un ottimo spunto per la carriera di Matteo, dove avrà la possibilità di imparare a stare in un vero team. Alessandro Villa è un grande conoscitore della categoria Junior e sono certo che potrà far bene fin da subitoanalizza il talent scout Alberto Tonti

Finalmente si torna a correre, dopo il sofferto appuntamento di Precenicco, con alcuni cambiamenti in termine di materiale e team. Nei giorni scorsi Matteo ha avuto la possibilità di provare il nuovo kart dimostrando di aver raggiunto fin dai primi passaggi un ottime feeling. Questa nuova parentesi potrà essere un’iniezione di fiducia per arrivare alla vittoria, anche in vista della Finale Italiana che sarà ospitata proprio dal tracciato di Adria, che ci potrebbe proiettare alla finalissima mondiale di Lonato come uno dei piloti da temereanalizza il manager Giovanni Minardi

Kart – A tu per tu con Matteo Nannini

Nella splendida cornice di Montecarlo, in occasione dell’inaugurazione del suo Fan Club, abbiamo avuto l’occasione di incontrare e fare due chiacchere con il kartista Matteo Nannini, classe 2003. Il nome è di quelli importanti che fa volare velocemente la mente ad un certo Alessandro Nannini che difese i colori di Minardi e Benetton in Formula 1 tra l’86 e il ’90, prima di passare alla casa del Biscione nel Campionato Italiano Turismo, per concludere la sua carriera nel Campionato FIA GT nel 1997.

Dopo aver vinto il Campionato Italiano nel 2014, per >Matteo quest’anno si sono aperte le porte della categoria KFJ nel Campionato Rok Nord

Nel 2009 le prime gare. Come ti sei avvicinato a questo sport
La prima volta è stata durante la fiera a Castrocaro dove erano esposti i kart della Delfino e così, dopo averlo provato, non volevo più scendere. Da quel momento ho partecipato ad alcune manifestazioni prima di iniziare coi Campionati

Nel 2012 segni già il primo record partecipando al Campionato ChampionKart – categoria Rocky 50 cc – col Team Sprintkart.  In tutte le tappe in calendario conquista il podio, chiudendo la stagione con il terzo posto in classifica. Nel 2014 arriva il Titolo di Campione Italiano – categoria 60 mini –  nel campionato Academy Promotion della Parolin grazie a otto vittore, cinque pole-position, tre secondi e un terzo posto.
Sono molto contento dei risultati fin qui raccolti. La vittoria dell’anno scorso è stata molto bella e importante poiché mi ha dato la possibilità di fare il salto di categoria per quest’anno. Ogni campionato e vittoria è molto importante perché lascia un segno indelebile che mi aiuta a crescere e a migliorarmi

Quest’anno sei passato al Campionato Rok categoria KFJ col 125. Quali sono le differenze col 60 e che difficoltà hai dovuto affrontare?
Le differenze principali sono fondamentalmente due: molto più veloce e più pesante. Per questo all’inizio facevo difficoltà a tenerlo in pista. Naturalmente ho dovuto adeguare anche il tipo di allenamento.

Fin dalle prime gare sono arrivati podi, sfiorando  anche la vittoria.
E’ stato un avvio molto promettente anche se purtroppo è sfuggita, ad oggi, la vittoria. Sono comunque contento perché sono arrivato in KFJ dopo aver iniziato il 2015 col 60. Per questo ho dovuto imparare tutto in pochissimo tempo, anche a conoscere i miei nuovi avversari. Nonostante questo sono già arrivati diversi podi e anche delle belle rimonte in cui mi sono divertito tantissimo, come ad Adria dove ho recuperato la bellezza di venti posizioni

Qual è il tuo obiettivo per questa stagione?
Dopo il titolo italiano dell’anno scorso, abbiamo deciso di anticipare il passaggio di categoria, arrivando a partecipare nella categoria KFJ col kart 125. Il mio obiettivo personale è sempre quello di cogliere il massimo risultato ad ogni gara, oltre che fare esperienza in un ambiente nuovo per me. Questi primi appuntamenti sono andati bene dove ho conquistato quei podi che mi hanno dato la giusta determinazione per non arrendermi anche nei momenti più difficili, come ad Adria o in Friuli. Finito il campionato mi dedicherò alla Finale Italiana di Adria e all’appuntamento Mondiale sul tracciato internazionale di Lonato

Oltre agli impegni in pista, hai anche la scuola e gli allenamenti. Come riesci a conciliare tutto?
Appena tornato da scuola mi metto subito a studiare e a fare i compiti, anche in vista dei giorni successivi per poter essere libero di andare a girare in pista durante il week end. Per fortuna ora la scuola è finita.

I prossimi passi quali saranno?
E’ ancora un po’ presto per dirlo. L’idea è di continuare nel campionato Rok Nord prima di  passare, appena compiuti 15 anni, al mondo delle monoposto e alla Formula 4

Qual è il tuo pilota preferito e che ti piacerebbe conoscere?
Veramente sono due, anche se purtroppo non ho avuto ancora occasione di incontrarli e conoscerli: Sebastian Vettel e Lewis Hamilton. Chissà, magari in occasione del Gran Premio d’Italia a Monza di F1, potrò coronare questo sogno

Tra i presenti alla serata nel Principato spicca anche il nome di Giovanni Minardi, manager faentino che ha voluto scommettere sul piccolo Matteo, dando vita ad una coppia che già in passato ha scritto una parte importante del Motor-sport italiano sia in F.2 che in F.1: Minardi-NanniniL’albero genealogico di Matteo comprende anche uno dei miei piloti preferiti che ha già corso sotto i nostri colori, ovvero il grande Alessandro Nannini. Matteo è un ragazzo molto veloce e determinato, con ottime prospettive di crescita. Ho avuto la possibilità di osservarlo da vicino l’anno scorso, dominando l’intera stagione nel  Campionato Mini Accademy di Parolin. Sono contento del lavoro svolto fino ad oggi da Matteo durante le gare del Campionato Rok Nord, raggiungendo ottimi risultati. Il nostro obiettivo, fin da inizio stagione, è quello di ben figurare nella finale Italiana ad Adria  e soprattutto nella tappa Mondiale a Lonato. Sono certo che Matteo non tradirà le attesecommenta Minardi

Con l’occasione voglio ringraziare il manager Giovanni Minardi, Michele Mazzavillani, Riccardo Errani, Giancarlo Brambilla, Boron e Piralla titolari della Carbon K Italia, la famiglia Dino Zoli della DZ Engineering, Stefania Celli dell’omonima ditta Celli e Mario Martelli per la partecipazione alla festa di Montecarlo. Un abbraccio speciale, naturalmente, a Mimmo e Giancarlo, titolari del ristorante “Casa Tua” per la fantastica ospitalitàconclude il pilota della Minardi Management Matteo Nannini

Kart – Matteo Nannini “Penso già alla prossima sfida a Lonato”

Sul circuito internazionale Friuli, teatro del settimo round del Campionato Rok Nord, il forlivese Matteo Nannini ha vissuto un week-end travagliato lottando con una non perfetta messa a punto del suo kart, che lo ha tenuto lontano dal podio.

Dopo i podi conquistati nei due appuntamenti sul circuito Internazionale 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo, e l’incredibile rimonta di Adria (dalla 33esima alla 13esima posizione finale), Matteo ha salutato il suo quarto appuntamento nella categoria KFJ con un quinto e sesto posto nelle gare, risultati che non rispecchiano certamente il suo potenziale dopo essersi ambientato velocemente al passaggio col 125 cc. Nonostante le difficoltà comunque l’undicenne di Forlì non si è arreso scendendo in pista con grinta, dimostrando ad ogni sessione la sua tenacità e capacità tecnica rimontando diverse posizioni “E’ stato un week end non felice e voglio lasciarmelo alle spalle il più velocemente possibile. Non vedo l’ora di tornare a guidare per cercare il pronto riscatto già dalla prossima garacommenta un dispiaciuto Matteo Nannini

Lasciamo il Friuli con un quinto e sesto posto che non rappresentato il reale potenziale di Matteo come hanno dimostrato i risultati raccolti fin qui in KFJ. Pensiamo già dalla prossima sfida sulla pista South Garda Karting in programma il prossimo 5 luglio. Mi ha fatto piacere però vedere un pilota che ha continuato a lottare dopo ogni sessione” analizza il manager Giovanni Minardi

Nonostante abbia saltato i primi tre appuntamenti stagionali, Matteo di conferma all’ottavo posto in classifica generale con 110 punti

Kart – Rimonta da campione per Matteo Nannini ad Adria

Anche in un week end-non facile come quello appena concluso sulla pista Adria International Raceway, teatro del sesto appuntamento del Campionato ROK area Nord (il terzo per Matteo nella categoria KFJ), Matteo Nannini ha messo in mostra tutta la sua caparbietà e il talento al volante del “125 Energy” della New Technology  di Fabio Urgnani

Nelle prove libere il driver forlivese riesce a portarsi ancora una volta nelle zone alte della classifica, ma in occasione delle qualifiche l’assetto non è ottimale e si deve accontentare dell’ottavo piazzamento. L’episodio clou arrivava nel giro di ricognizione della Pre-Finale quando Matteo viene tamponato, riportando gravi danni al kart che lo costringono al ritiro ancora prima dello start. Un ritiro che  lo costringe a scattare dalla 33esima, ed ultima, posizione in Finale. Con determinazione riesce a rimontare venti piazzamenti, chiudendo al 13esimo posto finale “Da una parte mi sono divertito veramente tantissimo nella Finale mettendo a segno numerosi sorpassi, che mi hanno portato dall’ultima alla tredicesima posizione, nonostante un kart non in perfette condizioni che concedeva diversi metri agli avversari sui rettilinei. E’ un peccato veder svanire il lavoro di un week end durante un giro di ricognizione, ma queste sono anche le gare. Ora voglio pensare alla prossima sfida, avendo un conto aperto con la fortunacommenta il pilota della Minardi Management, Matteo Nannini

Sono molto dispiaciuto per Matteo, poiché ha lavorato veramente tanto per preparare al meglio il kart per vedersi rovinare il lavoro nel giro di ricognizione della pre-qualifica. Nonostante l’inconveniente Matteo ha dimostrato nuovamente il suo valore, rimontano numerose posizioni con un mezzo non al 100%. Ora dobbiamo concentrarci sulla prossima garaanalizza il manager Giovanni Minardi

Kart – A Pavia Matteo Nannini si conferma con un secondo posto KFJ. Vittoria solo rimandata

Dopo il terzo posto al debutto in KFJ dello scorso 19 aprile sul circuito Internazionale 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo, domenica Matteo Nannini ha conquistato con autorevolezza e determinazione il secondo posto segnando anche il giro più veloce della Finale.

Per il quinto appuntamento della Rok Nord, il campionato è tornato nuovamente a Pavia e il talentuoso driver forlivese del New Technology  di Fabio Urgnani ha conquistato un ulteriore risultato prestigioso migliorando il terzo posto del debutto.  Un fine settimana non certamente facile in cui però Matteo non si è fatto condizionare dagli avvenimenti esterni, dimostrando tutto il suo valore col 125 Energy fin dalle prime battute del week-end segnando il secondo miglior crono nelle prove libere e il terzo posto in qualifica con un distacco di soli 16 millesimi (a pari merito col secondo) dal vincitore, preludio del terzo posto in gara-1 e giro più veloce.  In Finale Matteo compie ancora un passo in avanti in classifica, firmando il suo miglior risultato in campionato con un perentorio secondo posto, rafforzato nuovamente dal giro più veloce della gara: 50”432 e una velocità media di oltre 88 km/h “E’ stato un fine settimana non facile dove è successo praticamente di tutto, eventi extra gara compresi. A parte questo sono veramente contento per il secondo posto nella Finale con giro più veloce in gara e del terzo posto in gara-1 sempre segnando il giro più veloce della corsa. Posso dire di aver messo vittoria è nel mio mirinocommenta soddisfatto Matteo Nannini

Sono veramente molto soddisfatto dal week-end di Matteo. Siamo solamente alla seconda gara in KFJ e abbiamo già conquistato due podi, con un terzo posto al debutto e un secondo posto in questo fine settimana con giro più veloce in gara. Siamo pronti per la vittoriaanalizza il manager Giovanni Minardi

La prossima sfida per Matteo Nannini sarà sulla pista di Adria il week-end del 31 maggio, valido per il sesto appuntamento del Campionato Rok Nord

 

Kart – Battesimo con podio per Matteo Nannini in KFJ

Non poteva esserci un miglior battesimo per il giovanissimo Matteo Nannini nella classe KFJ. Impegnato nel circuito Internazionale 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo, il driver forlivese ha firmato con un ottimo terzo posto il suo primo week-end col 125 Energy preparato dal New Technology  di Fabio Urgnani.

Chiusa la parentesi nella Rok 60 col secondo posto di Nizza Monferrato nel mese di marzo, Matteo non si è fatto intimidire dai nuovi colleghi di campionato, mettendo  a segno due spettacolari sorpassi in curva e firmando il miglior crono della Finale in 50″444 con una velocità media poco sotto agli 83 km/h, dimostrando anche un’ottima preparazione atletica. Scattato in Finale dalla sesta posizione, chiude la sua prima apparizione in KFJ nel Campionato Rok Nord con un’importante terzo posto alla fine dei 18 giri. “Sono veramente contento per questo primo podio. Mi sono adattato velocemente al nuovo kart e anche dal punto di vista fisico non ho sofferto. La KFJ è una categoria molto più combattuta e impegnativa. Mi sono divertito tantissimo, soprattutto nei due sorpassi nella Finale, segnando anche il giro più veloce della garacommenta il pilota della Minardi Management, Matteo Nannini

Sono molto contento dell’esordio di Matteo in KF, anche se questo terzo podio non è una sorprese. Ero sicuro che sarebbe stato fin da subito competitivo e il podio ne è una conferma. L’aspetto più importante è come sia arrivato questo risultato, con un doppio sorpasso su un circuito in cui sorpassare non è cosa scontata. Bravo Matteo!” analizza il manager Giovanni Minardi

Il week end del 10 maggio Matteo tornerà nuovamente in azione a Pavia per il quinto appuntamento, il secondo in KFJ

 

Kart – Matteo Nannini saluta la Rok Nord 60 con un ottimo secondo posto “La nuova sfida è il 125”

Dal secondo posto di Lonato, al secondo posto di Nizza Monferrato. Matteo Nannini continua a stupire, proseguendo a ritmo serrato la nuova stagione sportiva col materiale Energy.

Fin dalle prime battute il giovanissimo Campione Italiano forlivese detta il ritmo firmando il miglior crono nelle prove libere ufficiali, prima di conquistare la pole position col miglior crono di 47”728 della Rok Nord 60 lasciandosi alle spalle ben 28 piloti. Nella prima gara Matteo è ancora una volta il più veloce in pista girando su tempi da qualifica, ma si deve accontentare del secondo posto. Nella finale Matteo è determinato a conquistare il gradino più alto dopo aver dimostrato sul campo di avere tutte le carte in regola. Purtroppo viene tamponato, togliendolo dalla lotta per la vittoria. Senza perdersi d’animo recupera, archiviando l’ultima gara nella Mini 60 con un quinto posto. Per Nannini si chiude un capitolo. Dalla prossima sfida, sul Circuito Internazionale 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo – Pavia – inizierà un nuovo capitolo nella KFJ coi 125.

Da una parte sono molto contento perché sono stato castamente il più veloce in pista. Purtroppo porto a casa solamente un secondo posto. Nella finale un contatto mi ha negato la possibilità di vincere. Un vero peccato. Però da domani inizierà una nuova sfida col 125, che ho già avuto modo di provare nei mesi scorsi segnando anche il miglior crono nei test. La gara di Pavia, essendo la prima, sarà un vero e proprio test per fare tutte le valutazione in vista degli appuntamenti successivi. Non vedo l’ora di iniziarecommenta un sorridente Matteo Nannini

Devo fare i complimenti a Matteo. Per tutto il week-end è stato il più veloce dimostrando il suo talento. Purtroppo in finale è stato toccato. La deroga finalmente è arrivata e con oggi chiude la parentesi del 60, ricca di successi e del titolo di Campione Italiano 2014. Da domani si volta pagina e si arriva a correre coi grandi. La prima gara sarà il punto “zero”. Sono certo che anche col 125 potrà lottare per le posizioni importantianalizza il manager Giovanni Minardi

Kart – Debutto con podio per Matteo Nannini nella Rok Nord 60

Ottima partenza per Matteo Nannini nel Campionato Rok Nord 60. Sulla pista South Garda Karting, teatro del 26° Trofeo Primavera, Matteo ha inaugurato la nuova stagione sportiva con un importante secondo posto.

Alla prima esperienza con il nuovo materiale Energy e nella nuova serie, il giovanissimo Campione Italiano 2014 forlinese ha messo in pista tutto il tuo talento, sfiorando nella Finale il secondo podio consecutivo del fine settimana, sfuggito solamente per 2 decimi. Dopo aver preso le misure con la pista e confidenza con team e kart, Matteo chiude le qualifiche con il decimo tempo assoluto (settimo della sua batteria), conquistando il secondo posto al termine di una bella rimonta la prima gara, dopo aver firmato il secondo miglior crono nel warm-up. In Finale solo un problema al motore toglie a Matteo la soddisfazione di conquistare nuovamente il podio, salutando il kartodromo di Lonato col quarto posto assoluto lasciandosi alle spalle ben 26 piloti.

Come prima gara è andata molto bene, anche perché ero al debutto sia nel campionato sia col nuovo kart. In qualifica ho fatto il settimo posto e in gara-1 sono riuscito a recuperare fino al secondo posto, accedendo così alla finale. Purtroppo un problema al motore mi ha rallentato in gara-2, chiusa ai piedi del podio. Ora non vedo l’ora di tornare in pista a fine mese sulla pista Winnercommenta il pilota della Minardi Management, Matteo Nannini

Sono contento dell’esordio di Matteo nella 60 Rok, poiché parliamo di una serie molto impegnativa con ben 30 piloti in griglia. Arrivando da un inverno di stop è stato veramente bravo a inaugurare la stagione con un podio e un quarto posto finale. Inoltre dalla prossima gara sarà chiamato al salto di categoria, passando alla KFJanalizza il manager faentino Giovanni Minardi

Kart – Minardi Management, benvenuto Matteo

La Minardi Management di Giovanni Minardi, insieme al talent-scout Alberto Tonti, è lieta di annunciare l’inizio della collaborazione con Matteo Nannini

L’accordo col giovanissimo faentino Matteo, classe 2003, consolida la presenza della Minardi Management nel mondo del karting, primo vero scalino della piramide della Motor-sport. Matteo si affianca ai kartisti Karol Basz, impegnato quest’anno coi colori della Kosmic Racing Team nel CIK FIA Europeo e CIK FIA Mondiale, e Gianni Vigorito, portacolori dell OK1 Racing Team nella WSK Series, e al brasiliano Joao Vieira impegnato nell’Italian F4 Championship powered by Abarth col team Antonelli Motorsport.

Nel 2009 Matteo inizia la sua avventura con il kart Delfino e, nel 2012 segna già il primo record partecipando al Campionato ChampionKart – categoria Rocky 50 cc – col Team Sprintkart.  In tutte le tappe in calendario conquista il podio, chiudendo la stagione con il terzo posto in classifica. Nel 2014 arriva il Titolo di Campione Italiano – categoria 60 mini –  nel campionato Academy Promotion della Parolin grazie a otto vittore, cinque pole-position, tre secondi e un terzo posto. Nell’Internazionale di Jesolo  si aggiudica gara-1, chiudendo la Finale con un bel secondo posto.

In questa stagione Matteo Nannina calcherà gli scenari della Rok – Area Nord – composta da dieci appuntamenti sulle piste Winner di Nizza Monferrato, South Garda Karting di Lonato, Pista 7 Laghi e all’Adria International Raceway.

Sono molto contento di aver siglato un contratto a lungo termine con Matteo. Finalmente torno alle origini. Dopo tanto tempo torno a lavorare insieme ad un “romagnolo” DOC. Era dai tempi di Luca Casadei che non avevo la fortuna di collaborare, e condividere la mia passione, con un conterraneocommenta il manager faentino Giovanni Minardi.

Si forma nuovamente una coppia che già nel passato ha scritto una parte importante del Motor-sport italiano sia in F.2 che in F.1: Minardi-NanniniL’albero genealogico di Matteo comprende anche uno dei miei piloti preferiti che ha già corso sotto i nostri colori, ovvero il grande Alessandro Nannini. Matteo è un ragazzo molto veloce e determinato, con ottime prospettive di crescita. Ho avuto la possibilità di osservarlo da vicino l’anno scorso dominando l’intera stagione nel  Campionato Mini Accademy di Parolin. Quest’anno è chiamato ad una nuova sfida nella Rok. Sono certo che lotterà comunque per la vittoria fin dalla prima gara” conclude Minardi

La nuova stagione finalmente sta per iniziare e questo fine settimana sarò in pista a Lonato per i test in vista della sfida al South Garda Karting del 13-15 marzo. Sarà un anno di novità e voglio iniziare al meglio. Nuovo campionato e nuovo kart, che nel rettilineo tocca i 120 km/h. Rispetto a quello dell’anno scorso è più pesante e per questo ogni sera seguo un allenamento preciso per le braccia” commenta Matteo Nannini.

Tramite la sua pagine Facebook, Matteo ha voluto presentare anche la livrea del nuovo casco