Articoli

Kart – Karol Basz Campione del Mondo KF

Fine settimana sensazionale per Karol Basz che sul tracciato Internazionale di La Conca si è laureato Campione del Mondo KF. Vittoria netta e perentoria per il driver polacco di casa Kosmic Racing, seguito dalla Minardi Management di Giovanni Minardi e da Alberto Tonti, che ha dominato interamente tutte le sessioni dell’appuntamento più importante nel panorama internazionale del karting lasciando solamente le “briciole” agli avversari.

Nelle quattro manche di qualifica Karol mette il suo sigillo per ben tre volte, dovendosi “accontentare” del terzo posto nella seconda manche dopo una bella rimonta. Un rullino di marcia incredibile che gli consegna la pole-position della Pre-Finale, dove conquista un nuovo eclatante successo tagliando il traguardo con oltre 2,5” di vantaggio. La consacrazione arriva in Finale, con Basz ancora una volta primo al traguardo. A dimostrazione di tutto il suo talento e dell’ottimo feeling raggiungo con la pista e il materiale della Kosmic Racing, il driver di Cracovia firma anche il miglior crono della gara in 45”843, mettendo tra se e il secondo in classifica la bellezza di 3,1”. “Tutto il fine settimana è stato fantastico. La Finale non è stata facile come può sembrare guardando semplicemente la classifica. In partenza ho perso un po’ di tempo, ma poi sono riuscito a recuperare velocemente riuscendo ad imporre il mio ritmo fino alla fine. Tutto il team ha lavorato in modo ineccepibile, fin dalla giornata di test” commenta entusiasta Karol Basz, prima di passare ai ringraziamentiVoglio ringraziare la Kosmic, il Sig Robazzi, e tutto il gruppo OTK , Oliver Marechal, la mia famiglia che mi ha sempre sostenuto, la mia ragazzi Aga, i miei sponsor ilMio.PL, R8, Europart e la Minardi Management nelle persone di Giovanni Minardi e Alberto Tonti, oltre al mio preparatore atletico Olsh Coaching

“Cosa dire. E’ stato un fine settimana sensazionale. Karol ha imposto il suo ritmo in tutte le sessioni. Un dominio perentorio. Quando è andato male è arrivato terzo. Parliamo dell’appuntamento mondiale più importante. Questo fa capire il valore tecnico e velocistico di questo ragazzo. Sono veramente contento per Karol. Come Minardi Management era da diverso tempo che non mettevamo il nostro sigillo su un campionato. Per questo voglio ringraziarlo, perchè come primo trofeo abbiamo portato a casa un Mondiale di karing. Meglio di così non si potevacommenta il manager Giovanni Minardi

E’ stato tutto perfetto. Più di questo non si poteva chiudere. Il completamento di un lavoro durato un’intera stagione. Dal team Kosmic Racing, perfetto che non ha mai lasciato nulla al caso, al pilota che ha lavorato sempre in modo professionale, restando concentrato e determinato affrontando i sorpassi che gli hanno permesso di imporre la sua supremazia su piloti veramente bravi e preparati. E’ una soddisfazione per me aggiungere al mio palmares kartistico il titolo più importante: Il Mondiale KF. Fin da subito ci metteremo a lavorare sui prossimi impegni coi gli altri piloti, specialmente i più giovani, in vista della stagione 2016, puntando magari al Mondiale KZcommenta Alberto Tonti

Kart – Le Mans positiva per Negro e Vigorito con OK1

Il prestigioso circuito Internazionale di Le Mans è stato teatro degli appuntamenti nell’International KZ2 Super Cup e World KZ Champs. Sulla griglia di partenza del tracciato transalpino, a difendere i colori della Minardi Management, erano presenti Riccardo Negro e Gianni Vigorito col materiale della OK1, gestito da Lorenzo Foschiani, del gruppo IPKarting che racchiude anche i marchi Praga e FK.
Un fine settimana positivo sia per Riccardo (KZ2), tornato a difendere i colori di una compagine ufficiale grazie anche all’interessamento della Iame, che per Gianni (KZ), autori di una pausa forzata che li ha tenuti lontani dalle competizioni di alto livello.

Dopo una lunga cavalcata e una griglia composta da oltre 100 piloti, per Riccardo Negro si sono aperte le porte della Finale, grazie alla 32esima piazza assoluta conquistata nella Pre-Finale (16esimo nel gruppo 1). In Finale si rende protagonista di una bella rimonta dimostrando di poter puntare alla top 10, girando solamente a 1 dec dalla migliore prestazione della gara. Purtroppo la rottura del manicotto dell’acqua lo obbliga al ritiro.  Nella categoria regina KZ, Gianni Vigorito si rende protagonista di un’importante progressione al fianco dell’ OK1 spinto dalla TM, gestito dalla FG Racing di Udine, dopo la partecipazione nella WSK Super Master Series. Contro i “”mostri sacri”” del karting Gianni si difende adattandosi velocemente anche ai pneumatici Bridgestone e trovando un buon setup, chiudendo l’esperienza mondiale con un 23esismo posto assoluto.

Correre un mondiale nella categoria KZ è fantastico e non posso che essere soddisfatto per questo fine settimana. Col team ho lavorato molto bene e siamo sulla strada giusta. Temevo le gomme Bridgestone, ma sono riuscito ad adattarmi bene trovando dopo un paio di turni il giusto setupcommenta Gianni Vigorito

“I primi turni sono stati solamente di rodaggio, lasciando da parte la messa a punto. Il meteo molto incerto non mi è stato di aiuto, ma col 16esimo posto della pre-Finale sono riuscito ad agguantare la Finale. La pista nel frattempo si è asciugata e il mio passo gara era buono in quelle condizioni, ma purtroppo la rottura del manicotto dell’acqua mi ha costretto al ritiro prematurocommenta Riccardo Negro

Sono veramente contento del comportamento in pista sia di Riccardo che di Gianni. Sono tornati ad una competizioni di altissimo livello dopo diversi mesi di stop forzato. In particolar modo per Negro si sono riaperte le porte di un team ufficiale dopo oltre 9 mesi. Ha  ritrovato velocemente il ritmo e la forza come dimostrano gli ottimi tempi cronometrici fino alla fine, girando solamente ad 1 dec dalla migliore prestazione. Purtroppo il cedimento del manicotto dell’acqua gli ha negato un bel risultato in Finale. Autore di una bella rimonta avrebbe potuto lottare tranquillamente per la decima-dodicesima posizione. Molto bene anche Vigorito sia sul bagnato che con l’asciutto, alla prima esperienza in KZ. Ha gestito bene le impegnative gomme giapponesi, dopo aver corso l’intera stagione con LeCont, trovando dopo pochi giri un buon setupanalizza Alberto Tonti

Non possiamo che ritenerci più che soddisfatti per quanto visto in pista. Ritrovare il ritmo dopo un periodo così lungo di stop non è mai facile. Le Mans è stato il primo appuntamento di alto livello sotto la nostra gestione e non sarà che l’inizio. Riccardo e Gianni hanno dimostrato di meritarsi palcoscenici importantianalizza il manager faentino Giovanni Minardi

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

F4 – Rimonta da campione per Vieira ad Adria, rallentato ancora da problemi al motore

Week-end agro-dolce per Joao Vieira che sul tracciato di Adria si è visto sfuggire, nuovamente, un podio certo per un problema al propulsore della sua Tatuus #50. Fin dalla gara di apertura il driver brasiliano di casa Antonelli Motorsport è stato rallentato da problemi all’unità motrice, condizionandone in modo pesante e negativo il cammino nell’Italian Formula 4 Championship powered by Abarth.

Il quinto fine settimana era iniziato con la conquista della seconda fila nelle qualifiche 2, grazie al quarto crono ad appena 2 dec dalla pole position, dopo aver firmato la settima posizione nelle qualifiche 1. La gara di apertura purtroppo dura solo poche curve costringendolo così a partire dalla venticinquesima posizione nella gara sprint da 18’+ 1 giro. Nonostante l’ingresso di due safety-car, Joao compie in un tracciato lungo appena 2,702 km un vero e proprio miracolo mettendo insieme la bellezze di 17 sorpassi in meno di 10 giri con bandiera verde, riuscendo a rimontare con grande determinazione fino all’ottava piazza finale. Forte di questo importante risultato si presenta ai nastri di partenza di gara-3 con la voglia di salire sul podio. Proprio mentre occupava saldamente la terza posizione il propulsore infrange ogni sogno “E’ stato un fine settimana veramente frustrante. Ancora una volta il podio mi è sfuggito per poco, sempre per colpa del motore. A Imola cambierò per la quinta volta il motore. Sono però molto contento della bellissima rimonta in gara-2. Fare tutti quei sorpassi in così pochi giri è stato esaltantecommenta Joao Vieira

Non c’è molto da dire, tranne che il potenziale e il valore tecnico di Joao si è visto tutto in gara-2. Passare dalla 25esima posizione all’ottava, nonostante due safety car, in 19’ di gara è qualcosa di sensazionale. Certamente il podio in gara-3 avrebbe dato un senso al fine settimana, ma ancora una volta siamo stati fermati da problemi al motore. E’ frustrante. Non ci arrendiamo a aspettiamo con ansia e voglia di riscatto Imolaanalizza il manager faentino Giovanni Minardi

F4 – La stagione di Joao Vieira riparte da Adria

Sul moderno impianto dell’Adria International Raceway, il driver brasiliano Joao Vieira è pronto a tornare in pista per il quinto round dell’Italian Formula 4 Championship powered by Abarth. Il tracciato tecnico, con curve dalle diverse caratteristiche, potranno mettere in risalto le qualità tecniche e velocistiche dell’alfiere dell’Antonelli Motorsport, determinato a dare una svolta alla stagione, condizionata da numerosi problemi al propulsore.

Dopo le tre giornate di test sui tracciati di Imola e Misano, Joao vuole ripartire dall’importante secondo posto conquistato tra i selettivi sali-scendi del Mugello per provare a puntare alla prima vittoria stagionale “E’ arrivato il momento di dare una svolta al campionato puntando per prepotenza alla vittoria. Questo periodo di pausa mi ha dato la possibilità di ricaricare le batterie tornando qualche giorno a casa in Brasile e ora non vedo l’ora di tornare a correre. Durante le tre giornate di test abbiamo avuto ottimi riscontri, anche se ancora una volta siamo stati rallentati da problemi al propulsorecommenta il pilota della Minardi Management, Joao Vieira

Dopo le tre giornate di prove tra Imola e Misano, sono sicuro che finalmente arriverà la sognata vittoria. Ho visto un Joao rigenerato dopo la sosta estiva e ancora più convinto dei suoi mezzi. Daremo filo da torcere fino alla fine e proveremo a portarci a casa almeno il terzo posto finaleanalizza il manager faentino Giovanni Minardi

Kart – Karol Basz “Week-end intenso in Svezia. Ora penso al Mondiale”

In terra svedese, sul circuito internazionale Kristianstad, teatro dell’ultimo appuntamento del Campionato Europeo CIK FIA, il polacco Karol Basz ha messo in pista tutto il suo talento e la sua caparbietà confermandosi uno dei piloti più veloci.

Inserito nel gruppo C e alla guida del materiale preparato dalla Kosmic Racing Team, il driver polacco mette la firma su due (di quattro) manche delle Qualifying Heat segnando il giro più veloce nel secondo turno, portando a termine un’incredibile rimonta nella Heat di apertura. Al momento dello start il kart non si mette in moto costringendo Karol a schierarsi in ultima posizione. Inizia una bellissima rimonta, nonostante la pista resa umida dall’arrivo della pioggia, che lo porta a conquistare la quinta posizione finale. La terza manche va in archivio con un ottavo posto, prima di mettere il secondo sigillo che vale la sesta posizione assoluta in vista della Pre-Finale. Con uno scatto perfetto Karol piazza il suo Kart #106 al terzo posto, ma con l’arrivo della pioggia viene, ancora una volta, tamponato da un avversario facendolo scivolare nelle retrovie, costringendolo così ad accontentarsi dell’ottavo posto. Il portacolori Kosmic saluta la Svezia col sesto posto nella Finale portando il bottino complessivo a 27 punti, entrando nella top 10

E’ stato un fine settimana incredibile dove è successo di tutto. Il mio ritmo era molto buono come dimostrano i due successi nelle Qualifying Heat e il giro più veloce. Purtroppo nella prima manche il motore non è partito e così mi sono dovuto schierare in ultima posizione, riuscendo però a rimontare fino al quinto posto. Allo start in pre-finale ero riuscito a conquistare la terza posizione, ma al sesto giro sono stato tamponato da un avversario facendomi chiudere la corsa all’ottavo posto. In finale purtroppo ho perso molto tempo dietro alcuni avversari e ho chiuso al sesto posto. Sono molto contento della nostra velocità, ma bisognerà esserlo ancora di più a Muro Leccesecommenta il pilota della Minardi Management, Karol Basz

Da una parte siamo molto contenti perché ancora una volta sia Karol che la Kosmic hanno dimostrato di avere tutte le carte in regola per stare al vertice, come dimostrano anche i tempi segnati. Resta però il rammarico di aver visto nuovamente vanificare tutto il lavoro dall’irruenza di qualche pilota. L’ottavo posto assoluto e i 27 punti sono un risultato che ci vanno stretti. Ora ci prepareremo al meglio per il Mondiale a Muro Lecceseanalizza il talent-scout Alberto Tonti

“Sono molto dispiaciuto per Karol perchè anche questa volta la fortuna non è stata dalla sua. Gli è capitato di tutto. In tutte le occasioni ci siamo fatti trovare pronti, ma per fattori esterni non abbiamo raccolto quanto meritato. Spero che la bea bendata ci dia una mano in occasione del Mondiale perchè è certamente in debito con noi” commenta il manager Giovanni Minardi

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart – A tu per tu con Matteo Nannini

Nella splendida cornice di Montecarlo, in occasione dell’inaugurazione del suo Fan Club, abbiamo avuto l’occasione di incontrare e fare due chiacchere con il kartista Matteo Nannini, classe 2003. Il nome è di quelli importanti che fa volare velocemente la mente ad un certo Alessandro Nannini che difese i colori di Minardi e Benetton in Formula 1 tra l’86 e il ’90, prima di passare alla casa del Biscione nel Campionato Italiano Turismo, per concludere la sua carriera nel Campionato FIA GT nel 1997.

Dopo aver vinto il Campionato Italiano nel 2014, per >Matteo quest’anno si sono aperte le porte della categoria KFJ nel Campionato Rok Nord

Nel 2009 le prime gare. Come ti sei avvicinato a questo sport
La prima volta è stata durante la fiera a Castrocaro dove erano esposti i kart della Delfino e così, dopo averlo provato, non volevo più scendere. Da quel momento ho partecipato ad alcune manifestazioni prima di iniziare coi Campionati

Nel 2012 segni già il primo record partecipando al Campionato ChampionKart – categoria Rocky 50 cc – col Team Sprintkart.  In tutte le tappe in calendario conquista il podio, chiudendo la stagione con il terzo posto in classifica. Nel 2014 arriva il Titolo di Campione Italiano – categoria 60 mini –  nel campionato Academy Promotion della Parolin grazie a otto vittore, cinque pole-position, tre secondi e un terzo posto.
Sono molto contento dei risultati fin qui raccolti. La vittoria dell’anno scorso è stata molto bella e importante poiché mi ha dato la possibilità di fare il salto di categoria per quest’anno. Ogni campionato e vittoria è molto importante perché lascia un segno indelebile che mi aiuta a crescere e a migliorarmi

Quest’anno sei passato al Campionato Rok categoria KFJ col 125. Quali sono le differenze col 60 e che difficoltà hai dovuto affrontare?
Le differenze principali sono fondamentalmente due: molto più veloce e più pesante. Per questo all’inizio facevo difficoltà a tenerlo in pista. Naturalmente ho dovuto adeguare anche il tipo di allenamento.

Fin dalle prime gare sono arrivati podi, sfiorando  anche la vittoria.
E’ stato un avvio molto promettente anche se purtroppo è sfuggita, ad oggi, la vittoria. Sono comunque contento perché sono arrivato in KFJ dopo aver iniziato il 2015 col 60. Per questo ho dovuto imparare tutto in pochissimo tempo, anche a conoscere i miei nuovi avversari. Nonostante questo sono già arrivati diversi podi e anche delle belle rimonte in cui mi sono divertito tantissimo, come ad Adria dove ho recuperato la bellezza di venti posizioni

Qual è il tuo obiettivo per questa stagione?
Dopo il titolo italiano dell’anno scorso, abbiamo deciso di anticipare il passaggio di categoria, arrivando a partecipare nella categoria KFJ col kart 125. Il mio obiettivo personale è sempre quello di cogliere il massimo risultato ad ogni gara, oltre che fare esperienza in un ambiente nuovo per me. Questi primi appuntamenti sono andati bene dove ho conquistato quei podi che mi hanno dato la giusta determinazione per non arrendermi anche nei momenti più difficili, come ad Adria o in Friuli. Finito il campionato mi dedicherò alla Finale Italiana di Adria e all’appuntamento Mondiale sul tracciato internazionale di Lonato

Oltre agli impegni in pista, hai anche la scuola e gli allenamenti. Come riesci a conciliare tutto?
Appena tornato da scuola mi metto subito a studiare e a fare i compiti, anche in vista dei giorni successivi per poter essere libero di andare a girare in pista durante il week end. Per fortuna ora la scuola è finita.

I prossimi passi quali saranno?
E’ ancora un po’ presto per dirlo. L’idea è di continuare nel campionato Rok Nord prima di  passare, appena compiuti 15 anni, al mondo delle monoposto e alla Formula 4

Qual è il tuo pilota preferito e che ti piacerebbe conoscere?
Veramente sono due, anche se purtroppo non ho avuto ancora occasione di incontrarli e conoscerli: Sebastian Vettel e Lewis Hamilton. Chissà, magari in occasione del Gran Premio d’Italia a Monza di F1, potrò coronare questo sogno

Tra i presenti alla serata nel Principato spicca anche il nome di Giovanni Minardi, manager faentino che ha voluto scommettere sul piccolo Matteo, dando vita ad una coppia che già in passato ha scritto una parte importante del Motor-sport italiano sia in F.2 che in F.1: Minardi-NanniniL’albero genealogico di Matteo comprende anche uno dei miei piloti preferiti che ha già corso sotto i nostri colori, ovvero il grande Alessandro Nannini. Matteo è un ragazzo molto veloce e determinato, con ottime prospettive di crescita. Ho avuto la possibilità di osservarlo da vicino l’anno scorso, dominando l’intera stagione nel  Campionato Mini Accademy di Parolin. Sono contento del lavoro svolto fino ad oggi da Matteo durante le gare del Campionato Rok Nord, raggiungendo ottimi risultati. Il nostro obiettivo, fin da inizio stagione, è quello di ben figurare nella finale Italiana ad Adria  e soprattutto nella tappa Mondiale a Lonato. Sono certo che Matteo non tradirà le attesecommenta Minardi

Con l’occasione voglio ringraziare il manager Giovanni Minardi, Michele Mazzavillani, Riccardo Errani, Giancarlo Brambilla, Boron e Piralla titolari della Carbon K Italia, la famiglia Dino Zoli della DZ Engineering, Stefania Celli dell’omonima ditta Celli e Mario Martelli per la partecipazione alla festa di Montecarlo. Un abbraccio speciale, naturalmente, a Mimmo e Giancarlo, titolari del ristorante “Casa Tua” per la fantastica ospitalitàconclude il pilota della Minardi Management Matteo Nannini

F4 – Podio e rimonta per Joao Vieira a Imola

Sul circuito Internazionale di Imola, teatro del terzo round dell’Italian F4 Championship Powered  by Abarth, Joao Vieira si è dimostrato ancora una volta più forte della sfortuna e degli eventi esterni che ne hanno condizionato l’esito fin dalle prime battute. Il brasiliano di casa Antonelli Motorsport saluta l’appuntamento all’Enzo e Dino Ferrari con un positivo terzo posto e una rimonta in gara-1, chiusa in top-10.

Durante il primo turno di qualifica Joao è costretto a restare per quasi l’intera sessione fermo ai box per colpa di un problema alla valvola del pneumatico posteriore sinistro, montata erroneamente proprio dal fornitore dei pneumatici, sfilando al 23esimo posto su 27 partenti. Nel secondo turno arriva il pronto riscatto del brasiliano che firma il quarto miglior crono a soli 309 millesimi dalla pole-position nonostante un maggiore carico di benzina. Memore della bellissima rimonta di Monza, Joao non si arrende e lungo i 4.909 m del tracciamo imolese firma un’altra eclatante rimonta chiudendo al nono posto assoluto con all’attivo ulteriori 14 sorpassi in appena 17 giri. Il podio arriva in chiusura del week end, in gara-3, dopo l’ingresso di due safety-car “Come già successo a Vallelunga e Monza, anche qui a Imola non abbiamo raccolto quanto avremo meritato. Il fine settimana è partito in salita, con Joao costretto a saltare Qualifica-1 per un problema alla valvola del pneumatico dovuto agli uomini Pirelli. In Qualifica-2 Joao è stato molto bravo perché nonostante i 10 kg in più di benzina, e una sbavatura alla Rivazza, ha chiuso in P4. In gara-1 ha portato a termine un’altra incredibile rimonta a dimostrazione del potenziale, salutando il fine settimana col podio. In gara-2 ha provato a portare a casa la vittoria, ma per un errore causato dalla fretta ha avuto un incidente. Purtroppo il week end di Imola ci ha messo fuori dai giochi per il Campionato, però sono sicuro che venderemo cara la pela fino alla fine, partendo già dalla prossima gara del Mugelloanalizza il manager Giovanni Minardi

E stato un week end condizionato da fattori esterni, ma anche da miei errori, come in gara-2. Sono errori che si pagano e che non si dovrebbero fare, ma queste sono le corse. Sono molto contento della qualifica-2 dove ho sfiorato la pole nonostante un carico maggiore di benzina e della rimonta in gara-1. Purtroppo in gara-3 più di così non ho potuto fare. I primi due erano veramente troppo veloce per noi. Non mi arrendo e penso alla prossima sfida al Mugellocommenta il pilota della Minardi Management, Joao Vieira

Kart – Rimonta mozzafiato per Karol Basz in Gran Bretagna

Fine settimana da umore altalenante per Karol Basz, impegnato sul circuito Internazionale PFI in Gran Bretagna per il secondo round del Campionato Europeo CIK-FIA categoria KF, che si chiuderà nei confini Svedesi il prossimo 26 luglio a Kristianstad.

Il fine settimana inglese per il driver originario di Cracovia era iniziato sotto la migliore stella, conquistando saldamente le zone alte della classifica nei quattro turni di prove libere, prima di scivolare nella ventesima posizione per un problema di set-up nel turno di qualifica e vedersi condizionati i risultati nei due turni delle Qualifying Heat da alcuni piloti anglosassoni troppo irruenti. Con determinazione e caparbietà il portacolori della Kosmic Racing Team si riprende la rivincita nelle Qualifying Heat 3-4 conquistando la top-four. In Prefinale, grazie ad una rimonta mozzafiato, mancando il giro più veloce solamente per 50 millesimi/secondo, Karol riesce a recuperare la bellezza di dieci posizioni, chiudendo nella top-ten e dimostrando che anche il materiale a disposizione non è da meno a nessuno, e continua ad essere al Top. Nella Finale purtroppo un problema al freno anteriore limita l’ennesima rimonta di Karol che deve accontentarsi dell’ottava posizione finale “E’ stato un fine settimana in cui la sfortuna e la troppa aggressività di certi piloti hanno negato a Karol la possibilità di conquistare il meritato podio. Durante le prove libere aveva dimostrato di poter essere della partita, ma un piccolo problema di set up nelle qualifiche e l’irruenza anglosassone  lo hanno fatto scivolare a centro gruppo. Karol resta un ottimo pilota nella messa a punto e nel passo gara, come dimostra la bellissima rimonta in Prefinale all’interno di una lotta infernale e i tempi sul giro. La nostra mente è già rivolta all’ultima tappa, in Svezia, dove vorremmo chiudere con un bel podio e una vittoriaanalizza Alberto Tonti

Il fine settimana inglese non è andato come ci saremmo aspettati, soprattutto dopo i risultati conquistati nelle prove libere. In Prefinale mi sono divertito tantissimo a rimontare portando a termine ben dieci sorpassi. Purtroppo in  Finale un problema al freno anteriore venuto a meno già nelle fasi finali mi ha costretto a chiudere all’ottavo postocommenta il pilota della Minardi Management Karol Basz

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart, Portogallo – Onboard Karol Basz

Sul circuito portoghese di Portimao si sono accesi i riflettori sul Campionato Europeo CIK-FIA, prima delle tre tappe. Tra i protagonisti anche il nostro Karol Basz, alfiere della Minardi Management coi colori della Kosmic Racing Team.

Karol ci regala due emozionati giri di pista durante il warm-up. Allacciate le cinture e buon divertimento

[media id=163 width=600 height=400]

Kart – Secondo posto per Karol Basz nella WSK Master in ottica FIA-CIK

Dopo il trionfo nella WSK Gold Cup e i successi nei primi due appuntamenti della WSK Super Master Series ad Adria e Castelletto, Karol Basz ha chiuso il quarto, ed ultimo, appuntamento del campionato con il secondo posto assoluto. Una vittoria sfuggita solamente all’ultima manche, dopo aver guidato la classifica fin dalla prima giornata.

Un risultato che darà al driver polacco della Kosmic Racing Team la giusta grinta e determinazione fin dal prossimo appuntamento in terra portoghese, a Portimao, nel primo racing week-end del Campionato Europeo.

Sul circuito internazionale di Sarno, Karol si era presentato in pista tra i favoriti portando il materiale della Kosmic nelle posizioni di vertice, conquistando il terzo, secondo e quinto posto nelle Qualifying Heat. “E’ stato un week-end difficile per noi, forse il più difficile dall’inizio della stagione. Nei primi due giorni sono stato molto veloce. Purtroppo dopo non siamo riusciti a ripeterci. Non capisco come mai. Speriamo di risolvere i nostri problemi in vista del primo appuntamento del Campionato Europeo” commenta Karol Basz, pilota della Minardi Management

Non è certamente il finale che avevamo in mente, ma sono contento per il lavoro svolto in questi primi mesi dell’anno. La vittoria nella Gold Cup e un secondo posto nella Master Series sono un ottimo biglietto da visita in vista del Campionato Europeo e del Mondiale. E’ sicuramente una lezione di maturità che farà crescere ancora di più Karol. La Finale è stata una bella gara, corsa con grinta. Non siamo però rimasti molto soddisfatti dei 10” di penalità inflitti a Karol, ma le gare sono anche questo e accettiamo il verdetto” commenta Alberto Tonti

Sono dispiaciuto per il secondo posto di Karol, poiché ha dimostrato di meritare la vittoria. Sono molto contento del suo lavoro. Sono certo che sia nell’Europeo che nel Mondiale saremo tra i protagonisti” analizza Giovanni Minardi

Karol è tornato subito al volante del kart per una due giorni di test sulla pista di Sarno con la Bridgestone, prima di volare in Portogallo per testare il materiale in vista della prima prova del campionato europeo, in programma il week end del 10 maggio.

Foto: Alex RaceBox

F4 – Joao Vieira a Vallelunga pensando al Campionato

Ultimi due giorni di lavoro per Joao Vieira che, in preparazione della gara di apertura dell’Italian F4 Championship powerd by Abarth, si è trasferito sul circuito capitolino di Vallelunga. Il driver verde-oro dell’Antonelli Motorsport è tornato al volante della Tatuus F4 focalizzando il lavoro sul racing week-end del 1-3 maggio, provando diversi set-up.

Lungo i 4.085 mt del tracciato internazionale “Piero Taruffi” Joao ha svettato nella prima giornata portando a termine il programma studiato dallo staff di Marco Antonelli, segnando il miglior crono della giornata in 1’34”414. Secondo giorno meno fortunato e condizionato da un problema al cambio che lo ha rallentato il lavoro, costringendolo a chiudere in anticipo la giornata. Con le due giornate di test di Vallelunga si è concluso il percorso pre-stagionale che ha visto il pilota della Minardi Management segnare il nuovo record a Monza e Imola, presentandosi ai nastri di partenza tra i pretendenti alla vittoria del Campionato “Sono stati due giorni intensi e molto importanti, in cui abbiamo provato diverse configurazioni. Dopo aver segnato il miglior crono alla fine della prima giornata, la sessione di sabato è stata condizionata da un problema al cambio che non ci ha permesso di girare. In vista della gara inaugurale del campionato però abbiamo già individuato il nostro set-up ideale e, per questo, restiamo fiduciosi. Abbiamo percorso molti chilometri durante i test, raccogliendo informazioni molto utili e fondamentali per la stagionecommenta Joao Vieria

“Sono soddisfatto del lavoro svolto da Joao in queste due giornate conclusive. Sono state provare diverse soluzioni in vista della gara di apertura in programma il prossimo week-end. Purtroppo siamo stati rallentati da un problema nell’ultima sessione, ma il miglior crono nella giornata di apertura è un’ulteriore segnale positivoanalizza il manager Giovanni Minardi

Kart – Battesimo con podio per Matteo Nannini in KFJ

Non poteva esserci un miglior battesimo per il giovanissimo Matteo Nannini nella classe KFJ. Impegnato nel circuito Internazionale 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo, il driver forlivese ha firmato con un ottimo terzo posto il suo primo week-end col 125 Energy preparato dal New Technology  di Fabio Urgnani.

Chiusa la parentesi nella Rok 60 col secondo posto di Nizza Monferrato nel mese di marzo, Matteo non si è fatto intimidire dai nuovi colleghi di campionato, mettendo  a segno due spettacolari sorpassi in curva e firmando il miglior crono della Finale in 50″444 con una velocità media poco sotto agli 83 km/h, dimostrando anche un’ottima preparazione atletica. Scattato in Finale dalla sesta posizione, chiude la sua prima apparizione in KFJ nel Campionato Rok Nord con un’importante terzo posto alla fine dei 18 giri. “Sono veramente contento per questo primo podio. Mi sono adattato velocemente al nuovo kart e anche dal punto di vista fisico non ho sofferto. La KFJ è una categoria molto più combattuta e impegnativa. Mi sono divertito tantissimo, soprattutto nei due sorpassi nella Finale, segnando anche il giro più veloce della garacommenta il pilota della Minardi Management, Matteo Nannini

Sono molto contento dell’esordio di Matteo in KF, anche se questo terzo podio non è una sorprese. Ero sicuro che sarebbe stato fin da subito competitivo e il podio ne è una conferma. L’aspetto più importante è come sia arrivato questo risultato, con un doppio sorpasso su un circuito in cui sorpassare non è cosa scontata. Bravo Matteo!” analizza il manager Giovanni Minardi

Il week end del 10 maggio Matteo tornerà nuovamente in azione a Pavia per il quinto appuntamento, il secondo in KFJ

 

Kart – Debutto in KZ per Gianni Vigorito a La Conca “Molto soddisfatto”

Debutto in grande stile per Gianni Vigorito che sul tracciato Internazionale di La Conca, teatro del terzo round della WSK Super  Master Series, ha firmato il suo debutto nella massima categoria KZ.

L’alfiere dell’OK1 Racing Team si è messo in gioco contro piloti con alle spalle esperienze nel Mondiale e nell’Europeo portando a termine una bella rimonta, che lo ha visto recuperare in Finale la bellezza di 14 posizioni in appena venti passaggi. Scattato dalla ventiseiesima posizione è riuscito a c’entrare la top-ten. Un fine settimana non certamente facile e privo di problemi tecnico che ha costretto il suo team anche a sostituirgli anche il telaio nel warm-up, mentre in pre-finale un problema ai freni lo costringe al ritiro dopo solamente quattro giri. Nonostante le disavventura il portacolori di casa Minardi Management non molla e in Finale mette in atto una preziosa rimonta che porta a conquistare la decima posizione.

E’ stata la mia prima gara in KZ e mi sono trovato a dover lottare con piloti di grande esperienza anche a livello internazione. Il passaggio di categoria era già programmato, ma insieme al team abbiamo deciso di anticiparlo di un week- end. I problemi purtroppo non sono mancati, ma in Finale è andato tutto per il meglio. Scattato dalla 24esima piazza sono riuscito a rimontare fino alla decima posizione. Niente male. Ora aspetto la sfida di Sarno con grande trepidazionecommenta Gianni Vigorito

Un debutto a livello internazionale in KZ per Gianni sopra le aspettative, risultando il secondo miglior telaio IPK conquistando anche la top-10. Il suo passaggio di categoria era già programmato da tempo, ma abbiamo pensato di anticiparlo in vista dell’ultimo appuntamento a Napoli. Un fine settimana non privo di problemi, ma ha saputo mantenere i nervi saldi continuando a lottare in pista. A Sarno potrà mettere in pista l’esperienza acquistata qui” analizza Alberto Tonti

Il prossimo appuntamento per Gianni Vigorito sarà il quarto, ed ultimo, round della WSK Super Master Serie in programma sul tracciato internazionale di Napoli dal 23 al 26 aprile.

Foto: Alex RaceBox