Campioni al microscopio

Share via email

Il parterre degli ultimi mondiali di F1 è stato animato da diversi Campioni del Mondo e anche l’attuale stagione non è da meno,  con ben cinque iridati pronti a darsi battaglia con il coltello tra i denti sfruttando ogni minima occasione senza regalare niente a nessuno. Tolto Rosberg, tutte le vittorie 2013 sono targate da questi campioni, con tre sigilli da parte di Vettel, due di Alonso e una di Raikkonen. Questo rende l’idea di quanto competitiva e difficile sia una stagione di Formula 1.

Dei cinque campioni ben quattro occupano le prime quattro posizioni della classifica con al comando il tre volte campione Sebastian Vettel (132), seguito dal bi-campione Fernando Alonso (96), da Kimi Raikkonen (88) e Lewis Hamilton (77). Più staccato Jenson Button (25) con il decimo posto.

In questo momento Sebastian Vettel ha l’abilità e la fortuna di guidare la migliore macchina in assoluto. Ha ottimizzato tutti i punti. Fortuna, perché fin da subito è approdato in una reaalla Red Bull che stava facendo un cambiamento epocale sfruttando i cambi di regolamenti. Su questo fronte non è andato altrettanto bene a Fernando Alonso che, dopo le vittorie targate Renault, si è trasferito in casa McLaren dove si è scontrato con un ottimo Lewis Hamilton, prima di emigrare verso una Ferrari che aveva già vinto tutto e che stava chiudendo un ciclo. Ora insieme al team stanno lavorando per aprirne uno nuovo, cosa non facile visto il livello del Mondiale. Fernando per me rimane il miglior pilota anche se purtroppo ha raccolto molto meno di quanto meritato  a causa di scelte sbagliate o, comunque, gestite poco bene. In questa prima parte di stagione ha tirato fuori costantemente il 110% del suo potenziale. E’ stato abile a recuperare e risalire da posizioni poco favorevoli, come in Canada. Purtroppo però lo “zero” in Malesia potrà essere determinante così come i punti persi in Bahrein.

Lewis Hamilton ha avuto un primo anno micidiale riuscendo a mettere alla frusta il Campione del Mondo Alonso facendo vedere cose importanti e vincendo il titolo al secondo anno, quando era il pilota di punta della McLaren. Anche l’inglese ha certamente raccolto meno di quanto meritato perché è un pilota molto veloce, anche  in qualifica. Ha subito la discesa del suo ex team. In Mercedes si è trovato un compagno di squadra sottovalutato che ha nel suo DNA velocità e costanza. E’ cresciuto step-by-step facendo tutta la gavetta. L’inglese ha senza alcun dubbio il compagno di squadra più forte e tosto.

Per quanto riguarda Kimi Raikkonen è un pilota completamente rigenerato e, forse, anche più forte di quando vinse il mondiale nel 2008 al volante della “rossa”. Due anni lontano dal circus gli hanno fatto sicuramente bene e lo vedo anche più forte atleticamente. Ha tra le mani una vettura nata molto bene come la Lotus che ha portato costantemente in zona punti. Sarà sicuramente l’uomo mercato 2014.

Infine Jenson Button. Ha avuto l’abilità di dare una svolta alla sua carriera vincendo il titolo al volante della Brawn GP. La vittoria gli ha dato quella fiducia che gli mancava ma dei “cinque” rimane il più vulnerabile. Per vincere deve sfruttare certe situazioni, come il bagnato, anche se è molto bravo nella gestione delle gomme. E’ un onesto lavoratore e un buon professionista, ma anche con una macchina competitiva lo vedo più in difficoltà.