C’è Rookie e Rookie

Share via email

Insieme agli idoli della Formula 1 già conosciuti la griglia di partenza 2013 ci ha presentato ben cinque volti nuovi, se così possiamo dire, perché sono tutti piloti che si sono messi in mostra nei campionati propedeutici più importanti.

Tre dei cinque debuttanti hanno trovato posto tra le due scuderia cenerentola, Marussia e Caterham con il francese Bianchi che sta vincendo la sfida tra i  suoi più diretti avversari, primo tra tutti il compagno Chilton, e il binomio Pic/Van der Garde. Il 24enne, portacolori anche del Ferrari Driver Academy, sta confermando di meritarsi il posto nonostante una vettura non certamente competitiva.

Williams e Sauber, i due team che stanno rispettando di meno le aspettative di inizio hanno, hanno affiancato a Pastor Maldonado e Nico Hulkenberg il finlandese Voltteri Bottas, proveniente dalla GP3, e il messicano Esteban Gutierrez. Proprio questi due ragazzi hanno interpretato al meglio l’inizio di stagione, aiutati certamente da una vettura più performante. Proprio nell’ultimo appuntamento a Motreal il finnico ha riportato la Williams nelle posizioni alte della classifica centrando un’importante seconda fila oltre a  chiudere diversi Gran Premi davanti al  proprio compagno di squadra.

Siamo solo all’inizio della stagione e i ragazzi dovranno dimostrare gara dopo gara di meritare il palcoscenico della Formula 1. Le scuderia dovranno essere in grado di aiutarli a crescere senza mettergli troppo pressione. Purtroppo, causa questi regolamenti ridicoli, i giovani arrivano nel mondiale con pochissima esperienza al volante di una F1. “Un pilota ha bisogno almeno di 5000 km prima di essere valutato” analizza Gian Carlo Minardi “Le prove libere del venerdì mattina per me sono determinanti per la crescita di un Pilota, in quanto danno la possibilità al ragazzo non soltanto di conoscere i tracciati, ma al tempo stesso di fare esperienza e km in pista  insieme ai Top Drivers” spiega il manager faentino