GP Australia | IL PUNTO di MINARDI “Differenza Mercedes-Ferrari dettata dal motore”

Share via email

Per analizzare il gran premio di Melbourne, bisogna fare un passo indietro tornando alle qualifiche dove in Q1 abbiamo avuto 16 piloti racchiusi in un 1” – che conferma il compattamento verso l’alto delle prestazione dei team in cui basta un minimo errore per esser tagliati fuori – , la cui forbice è cresciuta ad un secondo e mezzo in Q2 fino ai 2” nella Q3, con un gap di 7dec tra la Mercedes di Hamilton e la Ferrari di Vettel.

Il vantaggio Mercedes, a mio avviso, è da ricercarsi principalmente nel propulsore e nella capacità della gestione della potenza così come ha dimostrato Bottas in occasione del record in gara marchiato al penultimo passaggio, in cui è riuscito ad aumentando il suo passo gara di 1” con una facilità estrema (1’25″580), strappando a Verstappen il giro più veloce (1’26”2). La Ferrari, con Leclerc, si è fermata a 1’26”9.

Abbiamo assistito ad una gara molto tirata vinta da Valtteri Bottas che si è reso protagonista della sua migliore corsa. Il finlandese è stato imbattibile soprattutto nella parte centrale, dove ha marchiato costantemente il giro più veloce per sei volte tra il 31esimo e 42esimo passaggio, con un passo gara nettamente superiore alla concorrenza racchiuso tra il 1’26”7 e 1’27”2.

In casa Ferrari bisognerà analizzare questo risultato negativo, dettato non tanto dalla quarta e quinta posizione di Vettel e Leclerc, ma soprattutto dal notevole distacco pagato in gara. Sebastian e Charles hanno tagliato il traguardo con un ritardo di 57” e 58” su Bottas. Un’enormità se pensiamo ai risultati dei test a Barcellona. Vettel si è lamentato molto delle gomme e, onestamente, sono rimasto esterrefatto dalle scelte di tutti i team di portare solamente un set di gomma hard, che si è dimostrata la migliore mescola in gara come si è visto con la Ferrari numero 16 durante il suo recupero.

Ottimo il risultato di Verstappen che con la Red Bull-Honda ha agguantato un podio (il primo per i giapponesi dal rientro in F1) molto importante. L’olandese ha tenuto un ritmo, soprattutto nella parte finale, che la Ferrari faceva fatica a replicare. Un plauso anche a Kvyat, che festeggia il ritorno nel mondiale col decimo posto davanti alla Red Bull di Gasly, e a Kimi Raikkonen per l’ottimo ottavo posto con Alfa Romeo Racing. Antonio Giovinazzi ha pagato una qualifica non perfetta in cui gli è mancato l’accesso in Q3, oltre ad una strategia non ottimale in gara da parte del team. A parità di gomme, però, il suo ritmo non era lontano da quello di Kimi.

Ora aspettiamo con ansia il Gran Premio del Bahrain (31 marzo).

Gian Carlo Minardi