Articoli

Kart, WSK Super Master Series | Karol Basz sfiora il podio a Castelletto di Branduzzo dopo un week-end incredibile

Sul circuito internazionale 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo, teatro del secondo appuntamento della WSK Super Master Series, Karol Basz si è reso protagonista di piazzamenti e rimonte importanti dimostrando nervi saldi, concentrazione e freddezza anche nelle situazioni più delicate.

Nelle tre manche delle Qualifying Heat il driver polacco della Kosmic Racing conquista in sequenza una vittoria, un terzo ed un secondo posto, prenotando un risultato eccellente in vista della fase finale. La doccia fredda arriva proprio alla conclusione della terza Heat quando i commissari squalificano il kart 202 per sottopeso, facendolo precipitare in diciassettesima posizione assoluta.

Inserito nel gruppo A della pre-finale, il portacolori della Minardi Management recupera quattro posizioni risalendo in quinta posizione, completando il lavoro in Finale con un quarto posto, frutto di altre cinque posizioni recuperate.

Tra quindici giorni Karol Basz tornerà in pista a Muro Leccese per il terzo round della WSK Super Master Series.

Il fine settimana era iniziato veramente molto bene per me con una vittoria, un terzo e un secondo posto nelle Qualifying Heat. Purtroppo la squalifica ha vanificato il risultato. In Finale ho perso un po’ di tempo con qualche pilota, ma il campionato è ancora lungo e il nostro materiale è ok” commenta Karol Basz

Anche se è mancato il podio, devo fare assolutamente i complimenti a Karol. In una pista molto tecnica e stretta come questa di Castelletto, ha mantenuto i nervi saldi senza commettere il minimo errore, rendendosi protagonista di rimonte importanti sia in pre-finale che in Finale. Dobbiamo sistemare ancora qualcosa nella performance, ma siamo sulla strada giusta per tornare sul podio a partire già da Muro Leccese” commenta il manager Alberto Tonti

Photos by Alex Vernardis & Loredana LRN / The RaceBox

 

WSK | Karol Basz , Re di Adria

Forte dei successi conquistati nel campionato tedesco a Wackersdorf e nell’appuntamento inaugurale dell’europeo CIK-FIA a Zuera, Karol Basz ha calato il tris dominando la scena sul tracciato di Adria, teatro dell’ultimo appuntamento del WSK Super Master Series.

Il driver polacco seguito dalla Minardi Management, ha regalato ai colori della Kosmic Racing un successo perentorio conquistando non solamente la Finale, ma anche il primo posto nella Pre-Finale dopo aver chiuso i tre turni delle qualifiche Heats con un secondo posto e due vittorie. Un traguardo importante per il Campione del Mondo, in vista del prossimo appuntamento europeo OK proprio sulla pista rodigina dell’Adria International Raceway

Fantastico lavoro e terza vittoria nel mese. E’ stato un fine settimana favoloso. Abbiamo avuto un ritmo ottimo portando a termine un importante lavoro e programma in vista del prossimo appuntamento europeo proprio qui ad Adria” commenta entusiasta Karol Basz

Un successo netto, iniziato fin dalle prime manche e concluso con la vittoria della Pre-Finale e Finale. Un bellissimo modo per chiudere la WSK Super Master Series, in vista di proseguire, tra due settimane, il cammino nel Campionato Europeo dove ci presenteremo in testa alla classifica. In questo fine settimana Karol ha avuto l’occasione di fare diverse prove e ho visto un pilota molto concentrato e determinato. Complimenti a Olivier Marechal e  a tutta la Kosmic Kart per l’ottimo lavoro” commenta il manager Alberto Tonti

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart – Karol Basz e OTK ancora insieme per difendere il titolo

Dopo aver portato il titolo Mondiale KF al gruppo OTK grazie alla perentoria vittoria sul tracciato internazionale di La Conca col materiale della Kosmic Racing, anche nella prossima stagione Karol Basz si presenterà ai nastri di partenza dei campionati internazionali più importanti come pilota di riferimento e grande protagonista nel panorama karting professionale.

Con l’arrivo delle nuove motorizzazioni OK l’esperienza, la maturità e il talento del driver polacco, già  in orbita Minardi Management da questa stagione, saranno un valore aggiunto per il gruppo bresciano. Le nuove motorizzazioni prospettano un grande miglioramento delle prestazioni, grazie anche all’alleggerimento dei kart, rendendo la guida più piacevole. L’aumento del regime a 1000 giri/min renderà possibile l’uso del rapporto più corto, molto vantaggioso all’uscita dalle curve lente, il punto “critico” per il KF, come dichiara Ole Haugård al sito CIKFIA.com L’esperienza e la velocità di Karol saranno molto utili nello sviluppo e messa a punto del nuovo materiale in vista della prossima stagione sportiva. Restano comunque aperte le porte delle competizioni GT dove si stanno pianificando giornate di test e gare per cominciare ad assaporare la nuova avventura, nel pieno rispetto del programma karting stabilito col gruppo OTK di Roberto Robazzi.

Sono molto felice di poter continuare il lavoro con la Kosmic Racing. Con l’arrivo delle nuove motorizzazioni, la prossima stagione sarà completamente diversa e lotterò per difendere il titolo. Voglio ringraziare tutto il gruppo OTK, Roberto Robazzi e il team Kosmic Racing. Spero di poter fare anche qualche giornata di test e gare con vetture GT, in vista del passaggio alle auto nel 2017commenta Karol Basz

Ci ha fatto molto piacere la proposta arrivata da OTK nei confronti di Karol per la stagione 2016, riconoscendolo come vero professionista e pilota su cui puntare per lo sviluppo della nuova motorizzazione e messa a punto dei telai. Ora non aspettiamo altro che lavorare per difendere il titolo, tenendo sempre un occhio aperto verso le competizioni GTcommenta il manager Alberto Tonti

Sono contento e soddisfatto che il gruppo OTK abbiamo voluto premiare la stupenda stagione di Karol, conclusa col titolo mondiale. Con l’esordio del nuovo materiale OK ci sarà molto lavoro da fare e l’esperienza di Karol sarà un valore aggiunto. Resta l’amaro in bocca poiché avrei voluto vedere l’esordio di Karol con le vetture GT a tempo pieno, poiché sono sicuro che avrebbe ottenuto fin da subito ottimi risultati. I pochi chilometri fin qui percorsi hanno dato risultati importanti. In accordo con Roberto Robazzi, stiamo organizzando comunque delle giornate di test e delle gare, in preparazione del 2017commenta il manager Giovanni Minardi 

 

Kart – Matteo Nannini ad Adria in ottica Finale Italiana e Mondiale

Week-end di apprendistato per il neo 12enne Matteo Nannini che sul circuito di Adria, teatro dell’ultimo appuntamento del Campionato Rok Nord, ha firmato il suo debutto coi colori della RB Racing. Le impervie condizioni climatiche che hanno caratterizzato l’area del tracciato rodigino, hanno permesso al forlivese di prendere le giuste misure col nuovo materiale Exprite in vista della Finale Italiana, in programma a inizio settembre, proprio all’Adria International Raceway e del Mondiale di Lonato.

Matteo ha avuto l’occasione di prendere confidenza con la pista bagnata, condizione in cui il giovane kartista vanta un’esperienza minima, soprattutto dopo il passaggio a stagione in corso alla categoria KFJ. Per l’occasione ha avuto l’appoggio di uno specialista come Karol Basz, di ritorno dalla tappa svedese nell’Europeo, che ha aiutato Matteo a cominciare a conoscere il materiale OTK.

E’ stato un week-end utile perché ho avuto la possibilità di percorrere chilometri col nuovo materiale in vista degli appuntamenti di Settembre. Mi sto trovando molto bene sia con il team che col kart. Per me era la prima volta con la pioggia al volante del 125 e così ho avuto la possibilità di fare anche questa esperienza, affiancato da karol. Il mio obiettivo è la Finale Italianecommenta Matteo Nannini

Abbiamo trovato un team molto disponibile che ha aiutato Matteo. Nonostante un week-end dai risultati a noi non favorevoli, Matteo ha avuto la possibilità di iniziare a lavorare in un vero team. Mi ha fatto piacere vederlo seguire attentamente i consigli di Karol Basz, uno specialista del bagnatoanalizza Alberto Tonti

Essendo arrivati in KFJ a stagione inoltrata, non avevamo nessun obiettivo nel Campionato. La tappa di Adria ci è stata molto utile per provare il nuovo materiale sia nelle condizioni di pista asciutta che bagnata. Un test molto importate in vista della Finale Italiana che si correrà proprio ad Adriacommenta il manager Giovanni Minardi

Kart – Karol Basz “Week-end intenso in Svezia. Ora penso al Mondiale”

In terra svedese, sul circuito internazionale Kristianstad, teatro dell’ultimo appuntamento del Campionato Europeo CIK FIA, il polacco Karol Basz ha messo in pista tutto il suo talento e la sua caparbietà confermandosi uno dei piloti più veloci.

Inserito nel gruppo C e alla guida del materiale preparato dalla Kosmic Racing Team, il driver polacco mette la firma su due (di quattro) manche delle Qualifying Heat segnando il giro più veloce nel secondo turno, portando a termine un’incredibile rimonta nella Heat di apertura. Al momento dello start il kart non si mette in moto costringendo Karol a schierarsi in ultima posizione. Inizia una bellissima rimonta, nonostante la pista resa umida dall’arrivo della pioggia, che lo porta a conquistare la quinta posizione finale. La terza manche va in archivio con un ottavo posto, prima di mettere il secondo sigillo che vale la sesta posizione assoluta in vista della Pre-Finale. Con uno scatto perfetto Karol piazza il suo Kart #106 al terzo posto, ma con l’arrivo della pioggia viene, ancora una volta, tamponato da un avversario facendolo scivolare nelle retrovie, costringendolo così ad accontentarsi dell’ottavo posto. Il portacolori Kosmic saluta la Svezia col sesto posto nella Finale portando il bottino complessivo a 27 punti, entrando nella top 10

E’ stato un fine settimana incredibile dove è successo di tutto. Il mio ritmo era molto buono come dimostrano i due successi nelle Qualifying Heat e il giro più veloce. Purtroppo nella prima manche il motore non è partito e così mi sono dovuto schierare in ultima posizione, riuscendo però a rimontare fino al quinto posto. Allo start in pre-finale ero riuscito a conquistare la terza posizione, ma al sesto giro sono stato tamponato da un avversario facendomi chiudere la corsa all’ottavo posto. In finale purtroppo ho perso molto tempo dietro alcuni avversari e ho chiuso al sesto posto. Sono molto contento della nostra velocità, ma bisognerà esserlo ancora di più a Muro Leccesecommenta il pilota della Minardi Management, Karol Basz

Da una parte siamo molto contenti perché ancora una volta sia Karol che la Kosmic hanno dimostrato di avere tutte le carte in regola per stare al vertice, come dimostrano anche i tempi segnati. Resta però il rammarico di aver visto nuovamente vanificare tutto il lavoro dall’irruenza di qualche pilota. L’ottavo posto assoluto e i 27 punti sono un risultato che ci vanno stretti. Ora ci prepareremo al meglio per il Mondiale a Muro Lecceseanalizza il talent-scout Alberto Tonti

“Sono molto dispiaciuto per Karol perchè anche questa volta la fortuna non è stata dalla sua. Gli è capitato di tutto. In tutte le occasioni ci siamo fatti trovare pronti, ma per fattori esterni non abbiamo raccolto quanto meritato. Spero che la bea bendata ci dia una mano in occasione del Mondiale perchè è certamente in debito con noi” commenta il manager Giovanni Minardi

Foto: Alexandros Vernardis/The Racebox

Kart – Matteo Nannini ad Adria con RB Racing

Questo fine settimana Matteo Nannini si prepara a tornare in pista all’Adria International Raceway, in occasione del nono appuntamento (per il forlivese il quinto week-end) nel Campionato Rok Nord – categoria KFJ

Sarà un fine settimana particolare – non solo perché si correrà in notturna – per Matteo che firmerà il suo debutto coi colori della RB Racing e il materiale Exprite. Sarà anche l’ultimo round prima della Finale Italiana (in programma il fine settimana del 6 settembre) sempre sul circuito rodigino e il Mondiale sul circuito Internazionale di Lonato. Ad Adria il neo-dodicenne proverà ad andare a caccia della vittoria, sfuggita ad oggi veramente per poco.

Ho provato insieme al team nei giorni scorsi compiendo 180 giri, nonostante i 40°. Fin da subito mi sono trovato molto bene sia coi ragazzi del team che con il kart. Ha una frenata molto diversa rispetto al materiale precedente. Vado ad Adria con la voglia di far bene, per cercare di lasciarmi alle spalle la difficile gara in Friuli, preparando al meglio anche la Finale Italianacommenta Matteo Nannini

Sono veramente contento per questo accordo tra Matteo ed RB Racing poiché parliamo di una compagine molto professionale e alla ribalta nel kart nazionale e internazionale. Siamo felici che abbia pensato a noi e a Matteo per il finale di stagione. Sarà un ottimo spunto per la carriera di Matteo, dove avrà la possibilità di imparare a stare in un vero team. Alessandro Villa è un grande conoscitore della categoria Junior e sono certo che potrà far bene fin da subitoanalizza il talent scout Alberto Tonti

Finalmente si torna a correre, dopo il sofferto appuntamento di Precenicco, con alcuni cambiamenti in termine di materiale e team. Nei giorni scorsi Matteo ha avuto la possibilità di provare il nuovo kart dimostrando di aver raggiunto fin dai primi passaggi un ottime feeling. Questa nuova parentesi potrà essere un’iniezione di fiducia per arrivare alla vittoria, anche in vista della Finale Italiana che sarà ospitata proprio dal tracciato di Adria, che ci potrebbe proiettare alla finalissima mondiale di Lonato come uno dei piloti da temereanalizza il manager Giovanni Minardi

Kart – A tu per tu con Matteo Nannini

Nella splendida cornice di Montecarlo, in occasione dell’inaugurazione del suo Fan Club, abbiamo avuto l’occasione di incontrare e fare due chiacchere con il kartista Matteo Nannini, classe 2003. Il nome è di quelli importanti che fa volare velocemente la mente ad un certo Alessandro Nannini che difese i colori di Minardi e Benetton in Formula 1 tra l’86 e il ’90, prima di passare alla casa del Biscione nel Campionato Italiano Turismo, per concludere la sua carriera nel Campionato FIA GT nel 1997.

Dopo aver vinto il Campionato Italiano nel 2014, per >Matteo quest’anno si sono aperte le porte della categoria KFJ nel Campionato Rok Nord

Nel 2009 le prime gare. Come ti sei avvicinato a questo sport
La prima volta è stata durante la fiera a Castrocaro dove erano esposti i kart della Delfino e così, dopo averlo provato, non volevo più scendere. Da quel momento ho partecipato ad alcune manifestazioni prima di iniziare coi Campionati

Nel 2012 segni già il primo record partecipando al Campionato ChampionKart – categoria Rocky 50 cc – col Team Sprintkart.  In tutte le tappe in calendario conquista il podio, chiudendo la stagione con il terzo posto in classifica. Nel 2014 arriva il Titolo di Campione Italiano – categoria 60 mini –  nel campionato Academy Promotion della Parolin grazie a otto vittore, cinque pole-position, tre secondi e un terzo posto.
Sono molto contento dei risultati fin qui raccolti. La vittoria dell’anno scorso è stata molto bella e importante poiché mi ha dato la possibilità di fare il salto di categoria per quest’anno. Ogni campionato e vittoria è molto importante perché lascia un segno indelebile che mi aiuta a crescere e a migliorarmi

Quest’anno sei passato al Campionato Rok categoria KFJ col 125. Quali sono le differenze col 60 e che difficoltà hai dovuto affrontare?
Le differenze principali sono fondamentalmente due: molto più veloce e più pesante. Per questo all’inizio facevo difficoltà a tenerlo in pista. Naturalmente ho dovuto adeguare anche il tipo di allenamento.

Fin dalle prime gare sono arrivati podi, sfiorando  anche la vittoria.
E’ stato un avvio molto promettente anche se purtroppo è sfuggita, ad oggi, la vittoria. Sono comunque contento perché sono arrivato in KFJ dopo aver iniziato il 2015 col 60. Per questo ho dovuto imparare tutto in pochissimo tempo, anche a conoscere i miei nuovi avversari. Nonostante questo sono già arrivati diversi podi e anche delle belle rimonte in cui mi sono divertito tantissimo, come ad Adria dove ho recuperato la bellezza di venti posizioni

Qual è il tuo obiettivo per questa stagione?
Dopo il titolo italiano dell’anno scorso, abbiamo deciso di anticipare il passaggio di categoria, arrivando a partecipare nella categoria KFJ col kart 125. Il mio obiettivo personale è sempre quello di cogliere il massimo risultato ad ogni gara, oltre che fare esperienza in un ambiente nuovo per me. Questi primi appuntamenti sono andati bene dove ho conquistato quei podi che mi hanno dato la giusta determinazione per non arrendermi anche nei momenti più difficili, come ad Adria o in Friuli. Finito il campionato mi dedicherò alla Finale Italiana di Adria e all’appuntamento Mondiale sul tracciato internazionale di Lonato

Oltre agli impegni in pista, hai anche la scuola e gli allenamenti. Come riesci a conciliare tutto?
Appena tornato da scuola mi metto subito a studiare e a fare i compiti, anche in vista dei giorni successivi per poter essere libero di andare a girare in pista durante il week end. Per fortuna ora la scuola è finita.

I prossimi passi quali saranno?
E’ ancora un po’ presto per dirlo. L’idea è di continuare nel campionato Rok Nord prima di  passare, appena compiuti 15 anni, al mondo delle monoposto e alla Formula 4

Qual è il tuo pilota preferito e che ti piacerebbe conoscere?
Veramente sono due, anche se purtroppo non ho avuto ancora occasione di incontrarli e conoscerli: Sebastian Vettel e Lewis Hamilton. Chissà, magari in occasione del Gran Premio d’Italia a Monza di F1, potrò coronare questo sogno

Tra i presenti alla serata nel Principato spicca anche il nome di Giovanni Minardi, manager faentino che ha voluto scommettere sul piccolo Matteo, dando vita ad una coppia che già in passato ha scritto una parte importante del Motor-sport italiano sia in F.2 che in F.1: Minardi-NanniniL’albero genealogico di Matteo comprende anche uno dei miei piloti preferiti che ha già corso sotto i nostri colori, ovvero il grande Alessandro Nannini. Matteo è un ragazzo molto veloce e determinato, con ottime prospettive di crescita. Ho avuto la possibilità di osservarlo da vicino l’anno scorso, dominando l’intera stagione nel  Campionato Mini Accademy di Parolin. Sono contento del lavoro svolto fino ad oggi da Matteo durante le gare del Campionato Rok Nord, raggiungendo ottimi risultati. Il nostro obiettivo, fin da inizio stagione, è quello di ben figurare nella finale Italiana ad Adria  e soprattutto nella tappa Mondiale a Lonato. Sono certo che Matteo non tradirà le attesecommenta Minardi

Con l’occasione voglio ringraziare il manager Giovanni Minardi, Michele Mazzavillani, Riccardo Errani, Giancarlo Brambilla, Boron e Piralla titolari della Carbon K Italia, la famiglia Dino Zoli della DZ Engineering, Stefania Celli dell’omonima ditta Celli e Mario Martelli per la partecipazione alla festa di Montecarlo. Un abbraccio speciale, naturalmente, a Mimmo e Giancarlo, titolari del ristorante “Casa Tua” per la fantastica ospitalitàconclude il pilota della Minardi Management Matteo Nannini

Kart – Rimonta da campione per Matteo Nannini ad Adria

Anche in un week end-non facile come quello appena concluso sulla pista Adria International Raceway, teatro del sesto appuntamento del Campionato ROK area Nord (il terzo per Matteo nella categoria KFJ), Matteo Nannini ha messo in mostra tutta la sua caparbietà e il talento al volante del “125 Energy” della New Technology  di Fabio Urgnani

Nelle prove libere il driver forlivese riesce a portarsi ancora una volta nelle zone alte della classifica, ma in occasione delle qualifiche l’assetto non è ottimale e si deve accontentare dell’ottavo piazzamento. L’episodio clou arrivava nel giro di ricognizione della Pre-Finale quando Matteo viene tamponato, riportando gravi danni al kart che lo costringono al ritiro ancora prima dello start. Un ritiro che  lo costringe a scattare dalla 33esima, ed ultima, posizione in Finale. Con determinazione riesce a rimontare venti piazzamenti, chiudendo al 13esimo posto finale “Da una parte mi sono divertito veramente tantissimo nella Finale mettendo a segno numerosi sorpassi, che mi hanno portato dall’ultima alla tredicesima posizione, nonostante un kart non in perfette condizioni che concedeva diversi metri agli avversari sui rettilinei. E’ un peccato veder svanire il lavoro di un week end durante un giro di ricognizione, ma queste sono anche le gare. Ora voglio pensare alla prossima sfida, avendo un conto aperto con la fortunacommenta il pilota della Minardi Management, Matteo Nannini

Sono molto dispiaciuto per Matteo, poiché ha lavorato veramente tanto per preparare al meglio il kart per vedersi rovinare il lavoro nel giro di ricognizione della pre-qualifica. Nonostante l’inconveniente Matteo ha dimostrato nuovamente il suo valore, rimontano numerose posizioni con un mezzo non al 100%. Ora dobbiamo concentrarci sulla prossima garaanalizza il manager Giovanni Minardi

Kart – A Pavia Matteo Nannini si conferma con un secondo posto KFJ. Vittoria solo rimandata

Dopo il terzo posto al debutto in KFJ dello scorso 19 aprile sul circuito Internazionale 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo, domenica Matteo Nannini ha conquistato con autorevolezza e determinazione il secondo posto segnando anche il giro più veloce della Finale.

Per il quinto appuntamento della Rok Nord, il campionato è tornato nuovamente a Pavia e il talentuoso driver forlivese del New Technology  di Fabio Urgnani ha conquistato un ulteriore risultato prestigioso migliorando il terzo posto del debutto.  Un fine settimana non certamente facile in cui però Matteo non si è fatto condizionare dagli avvenimenti esterni, dimostrando tutto il suo valore col 125 Energy fin dalle prime battute del week-end segnando il secondo miglior crono nelle prove libere e il terzo posto in qualifica con un distacco di soli 16 millesimi (a pari merito col secondo) dal vincitore, preludio del terzo posto in gara-1 e giro più veloce.  In Finale Matteo compie ancora un passo in avanti in classifica, firmando il suo miglior risultato in campionato con un perentorio secondo posto, rafforzato nuovamente dal giro più veloce della gara: 50”432 e una velocità media di oltre 88 km/h “E’ stato un fine settimana non facile dove è successo praticamente di tutto, eventi extra gara compresi. A parte questo sono veramente contento per il secondo posto nella Finale con giro più veloce in gara e del terzo posto in gara-1 sempre segnando il giro più veloce della corsa. Posso dire di aver messo vittoria è nel mio mirinocommenta soddisfatto Matteo Nannini

Sono veramente molto soddisfatto dal week-end di Matteo. Siamo solamente alla seconda gara in KFJ e abbiamo già conquistato due podi, con un terzo posto al debutto e un secondo posto in questo fine settimana con giro più veloce in gara. Siamo pronti per la vittoriaanalizza il manager Giovanni Minardi

La prossima sfida per Matteo Nannini sarà sulla pista di Adria il week-end del 31 maggio, valido per il sesto appuntamento del Campionato Rok Nord

 

Kart – Gianni Vigorito a Sarno affina il feeling in KZ2

Sul circuito internazionale di Sarno, teatro del quarto e ultimo appuntamento del Campionato WSK Super Master Series, Gianni Vigorito ha proseguito il suo feeling col nuovo materiale dell’OK1 Racing Team nella selettiva KZ2, iniziato a La Conca.

Il talentuoso driver sturnese ha lavorato in funzione dei prossimi impegni, da programmare successivamente all’esame di maturità in Scienze Umane, con la mente però rivolta al Mondiale e soprattutto ad un 2016, il cui obiettivo sarà quello di essere presente in pista con maggiore costanza, per affrontare i principali impegni. Senza perdersi d’animo Gianni ha lottato con determinazione raccogliendo informazioni utili sia a lui che al team “E’ stato un week end certamente non facile, ricco di insidie. In qualifica ho raccolto il diciassettesimo posto dopo aver accusato anche la rottura della frizione. E stato importante fare tanti giri raccogliendo informazioni utili in questa categoria che vede al via piloti con grande esperienza a livello mondialecommenta Gianni Vigorito

Gianni sta dimostrato di avere una buna base su cui lavorare. Ha firmato il suo passaggio in KZ2 e La Conca e l’appuntamento di Sarno è stata l’occasione giusta per proseguire il suo affinamento col nuovo materiale. Parliamo di una categoria in cui ci sono “mostri sacri” del karting, con esperienza mondiale. Insieme al suo team proveremo a programma gli impegni futuri, anche in funzione all’esame di maturità. Certamente Gianni è un pilota che avrebbe bisogno di correre con costanza per mostrare il suo valoreanalizza Alberto Tonti

Sul circuito internazionale di Sarno, teatro del quarto e ultimo appuntamento del Campionato WSK Super Master Series, Gianni Vigorito ha proseguito il suo feeling col nuovo materiale dell’OK1 Racing Team nella selettiva KZ2, iniziato a La Conca.

Il talentuoso driver sturnese ha lavorato in funzione dei prossimi impegni, da programmare successivamente all’esame di maturità in Scienze Umane, con la mente però rivolta al Mondiale e soprattutto ad un 2016, il cui obiettivo sarà quello di essere presente in pista con maggiore costanza, per affrontare i principali impegni. Senza perdersi d’animo Gianni ha lottato con determinazione raccogliendo informazioni utili sia a lui che al team “E’ stato un week end certamente non facile, ricco di insidie. In qualifica ho raccolto il diciassettesimo posto dopo aver accusato anche la rottura della frizione. E stato importante fare tanti giri raccogliendo informazioni utili in questa categoria che vede al via piloti con grande esperienza a livello mondiale” commenta Gianni Vigorito

“Gianni sta dimostrato di avere una buna base su cui lavorare. Ha firmato il suo passaggio in KZ2 e La Conca e l’appuntamento di Sarno è stata l’occasione giusta per proseguire il suo affinamento col nuovo materiale. Parliamo di una categoria in cui ci sono “mostri sacri” del karting, con esperienza mondiale. Insieme al suo team proveremo a programma gli impegni futuri, anche in funzione all’esame di maturità. Certamente Gianni è un pilota che avrebbe bisogno di correre con costanza per mostrare il suo valore” analizza Alberto Tonti

Foto: Alex RaceBox

Kart – Secondo posto per Karol Basz nella WSK Master in ottica FIA-CIK

Dopo il trionfo nella WSK Gold Cup e i successi nei primi due appuntamenti della WSK Super Master Series ad Adria e Castelletto, Karol Basz ha chiuso il quarto, ed ultimo, appuntamento del campionato con il secondo posto assoluto. Una vittoria sfuggita solamente all’ultima manche, dopo aver guidato la classifica fin dalla prima giornata.

Un risultato che darà al driver polacco della Kosmic Racing Team la giusta grinta e determinazione fin dal prossimo appuntamento in terra portoghese, a Portimao, nel primo racing week-end del Campionato Europeo.

Sul circuito internazionale di Sarno, Karol si era presentato in pista tra i favoriti portando il materiale della Kosmic nelle posizioni di vertice, conquistando il terzo, secondo e quinto posto nelle Qualifying Heat. “E’ stato un week-end difficile per noi, forse il più difficile dall’inizio della stagione. Nei primi due giorni sono stato molto veloce. Purtroppo dopo non siamo riusciti a ripeterci. Non capisco come mai. Speriamo di risolvere i nostri problemi in vista del primo appuntamento del Campionato Europeo” commenta Karol Basz, pilota della Minardi Management

Non è certamente il finale che avevamo in mente, ma sono contento per il lavoro svolto in questi primi mesi dell’anno. La vittoria nella Gold Cup e un secondo posto nella Master Series sono un ottimo biglietto da visita in vista del Campionato Europeo e del Mondiale. E’ sicuramente una lezione di maturità che farà crescere ancora di più Karol. La Finale è stata una bella gara, corsa con grinta. Non siamo però rimasti molto soddisfatti dei 10” di penalità inflitti a Karol, ma le gare sono anche questo e accettiamo il verdetto” commenta Alberto Tonti

Sono dispiaciuto per il secondo posto di Karol, poiché ha dimostrato di meritare la vittoria. Sono molto contento del suo lavoro. Sono certo che sia nell’Europeo che nel Mondiale saremo tra i protagonisti” analizza Giovanni Minardi

Karol è tornato subito al volante del kart per una due giorni di test sulla pista di Sarno con la Bridgestone, prima di volare in Portogallo per testare il materiale in vista della prima prova del campionato europeo, in programma il week end del 10 maggio.

Foto: Alex RaceBox

Kart – Battesimo con podio per Matteo Nannini in KFJ

Non poteva esserci un miglior battesimo per il giovanissimo Matteo Nannini nella classe KFJ. Impegnato nel circuito Internazionale 7 Laghi di Castelletto di Branduzzo, il driver forlivese ha firmato con un ottimo terzo posto il suo primo week-end col 125 Energy preparato dal New Technology  di Fabio Urgnani.

Chiusa la parentesi nella Rok 60 col secondo posto di Nizza Monferrato nel mese di marzo, Matteo non si è fatto intimidire dai nuovi colleghi di campionato, mettendo  a segno due spettacolari sorpassi in curva e firmando il miglior crono della Finale in 50″444 con una velocità media poco sotto agli 83 km/h, dimostrando anche un’ottima preparazione atletica. Scattato in Finale dalla sesta posizione, chiude la sua prima apparizione in KFJ nel Campionato Rok Nord con un’importante terzo posto alla fine dei 18 giri. “Sono veramente contento per questo primo podio. Mi sono adattato velocemente al nuovo kart e anche dal punto di vista fisico non ho sofferto. La KFJ è una categoria molto più combattuta e impegnativa. Mi sono divertito tantissimo, soprattutto nei due sorpassi nella Finale, segnando anche il giro più veloce della garacommenta il pilota della Minardi Management, Matteo Nannini

Sono molto contento dell’esordio di Matteo in KF, anche se questo terzo podio non è una sorprese. Ero sicuro che sarebbe stato fin da subito competitivo e il podio ne è una conferma. L’aspetto più importante è come sia arrivato questo risultato, con un doppio sorpasso su un circuito in cui sorpassare non è cosa scontata. Bravo Matteo!” analizza il manager Giovanni Minardi

Il week end del 10 maggio Matteo tornerà nuovamente in azione a Pavia per il quinto appuntamento, il secondo in KFJ

 

Kart – Debutto in KZ per Gianni Vigorito a La Conca “Molto soddisfatto”

Debutto in grande stile per Gianni Vigorito che sul tracciato Internazionale di La Conca, teatro del terzo round della WSK Super  Master Series, ha firmato il suo debutto nella massima categoria KZ.

L’alfiere dell’OK1 Racing Team si è messo in gioco contro piloti con alle spalle esperienze nel Mondiale e nell’Europeo portando a termine una bella rimonta, che lo ha visto recuperare in Finale la bellezza di 14 posizioni in appena venti passaggi. Scattato dalla ventiseiesima posizione è riuscito a c’entrare la top-ten. Un fine settimana non certamente facile e privo di problemi tecnico che ha costretto il suo team anche a sostituirgli anche il telaio nel warm-up, mentre in pre-finale un problema ai freni lo costringe al ritiro dopo solamente quattro giri. Nonostante le disavventura il portacolori di casa Minardi Management non molla e in Finale mette in atto una preziosa rimonta che porta a conquistare la decima posizione.

E’ stata la mia prima gara in KZ e mi sono trovato a dover lottare con piloti di grande esperienza anche a livello internazione. Il passaggio di categoria era già programmato, ma insieme al team abbiamo deciso di anticiparlo di un week- end. I problemi purtroppo non sono mancati, ma in Finale è andato tutto per il meglio. Scattato dalla 24esima piazza sono riuscito a rimontare fino alla decima posizione. Niente male. Ora aspetto la sfida di Sarno con grande trepidazionecommenta Gianni Vigorito

Un debutto a livello internazionale in KZ per Gianni sopra le aspettative, risultando il secondo miglior telaio IPK conquistando anche la top-10. Il suo passaggio di categoria era già programmato da tempo, ma abbiamo pensato di anticiparlo in vista dell’ultimo appuntamento a Napoli. Un fine settimana non privo di problemi, ma ha saputo mantenere i nervi saldi continuando a lottare in pista. A Sarno potrà mettere in pista l’esperienza acquistata qui” analizza Alberto Tonti

Il prossimo appuntamento per Gianni Vigorito sarà il quarto, ed ultimo, round della WSK Super Master Serie in programma sul tracciato internazionale di Napoli dal 23 al 26 aprile.

Foto: Alex RaceBox