Affidabilità e consumi, parole chiave 2014

Share via email

Con l’arrivo del nuovo anno siamo entrati in un mese caldo per la Formula 1. Nelle prossime settimane alcuni team sveleranno – almeno in modo virtuale – le forme della loro vettura, in attesa del primo test in programma il 28 gennaio sulla pista di Jerez. Ad oggi però non sappiamo ancora quante compagini saranno presenti al primo appuntamento Spagnolo. Di certo per ora c’è l’assenza – per ragioni finanziarie o strategiche – del team Lotus, che in questi mesi è stato “saccheggiato” dei suoi tecnici. Non dimentichiamoci però che il team è composto da uno zoccolo duro che ha radici radicate fin dalla nascita del Team Toleman,  riuscendo sempre a riemergere, rigenerando il personale partito verso nuove sfide e sopravvivendo ai vari cambiamenti societari.

Ci troviamo di fronte ad un nuovo capitolo e i team sono chiamati ad affrontare numerose problematiche e i ritardi sulle tabelle di marcia sono palpabili. Alcuni team clienti hanno ricevuto il “manichino” del propulsore – intorno al quale viene costruito l’impiantistica e la carrozzeria – solamente qualche settimana prima di Natale. Pertanto Ferrari e Mercedes potrebbero avere qualche vantaggio in questi termini.

Sarà una stagione difficile da decifrare le cui parole d’ordine saranno Affidabilità e Consumi. Quest’anno non si tratta solamente di realizzare la macchina più performante, ma soprattutto più affidabile e dai minori consumi.  Dopo otto anni di regolamenti praticamente congelati si dovrà ripartire da zero. Si esploreranno nuovi campi legati al recupero dell’energia e la ricerca farà passi da gigante. Sarà altrettanto importante quindi raggiungere le giuste partnership con i fornitori, per assemblare al meglio tutte le componenti della vettura.

Rispetto alle ultime stagioni, i test pre-stagionali assumeranno un ruolo più importante. Quasi certamente i team si nasconderanno molto meno e pertanto sono ansioso di vedere l’intensità dei primi giri.

Mentre nelle passate stagioni avere la migliore coppia piloti assumeva un valore aggiunto non di poco conto nel panorama 2014,  poter contare su campioni del calibro di Alonso, Vettel, Rosberg o Hamilton potrebbe non bastare. Vincere vorrà dire vedere la bandiera scacchi per primo, non necessariamente essere il più veloce in pista………….