Focus MessicoGP – Minardi “Usati due pesi due misure. Colpa anche delle vie di fuga”

Share via email

Il fantastico pubblico che ha colorato l’intero fine settimana del Gran Premio del Messico non merita uno spettacolo come quello di domenica. Nel giro di poche ore sono cambiati tre piloti per il terzo gradino del podio. Da Verstappen siamo passati a Vettel, per chiudere la serata, dopo alcune ore e a festeggiamenti conclusi, con Ricciardo terzo e il ferrarista al quinto posto (penalizzato di 10”)

Quanto vissuto è l’ennesima dimostrazione che i regolamenti non sono chiari e che si continuano ad usare pesi diversi.

La colpa però è soprattutto di queste vie di fuga moderne, asfaltate e con l’erba, che danno un eccesso di sicurezza ai piloti. Il primo esempio lo abbiamo visto a pochi metri dal via della corsa.

Lewis Hamilton, arrivato lungo alla frenata, ha tagliato la curva, consapevole di trovare una via “pulita”. In presenza della classica ghiaia, quasi sicuramente si sarebbe insabbiato. Certamente non sarebbe rientrato in pista con un vantaggio così importante sul gruppo. Forse non avrebbe neanche tentato l’attraversamento

Stesso discorso vale per Max Verstappen. Al via si è appoggiato a Rosberg – per fortuna senza danni per entrambi – Successivamente, non trovando nessuno da speronare, è andato dritto (senza perdere tempo), così come Daniel Ricciardo. Stando ai nuovi regolamenti – modificati a cinque gare dalla fine (e già questa è un’altra assurdità) – Sebastian Vettel non avrebbe potuto cambiare direzione una volta superato il punto di frenato, ma al tempo stesso il pilota della Red Bull – senza la presenza del ferrarista – sarebbe andato dritto alla curva. E’ arrivato a ruote fumanti. Da parte sua, Vettel aveva lasciato lo spazio a Ricciardo, come richiesto da regolamento.

Ancora una volta sono stati usati dei metri diversi poiché non vedo così tante differenze tra gli episodi di Hamilton, Verstappen, Vettel. Mi viene da pensare che si voglia arrivare a tutti i costi all’ultima gara con ancora il titolo da assegnare, come possono aver pesato i team-radio di Vettel sulla decisione finale.

Non condivido assolutamente il comportamento di Vettel, poiché durante il fine settimana ha gridato (insultato) contro  colleghi e commissari. Sono convinto che la radio vada usata solamente per gestire al meglio la macchina e la corsa. Tutte le altre esternazioni sarebbero da reprimenda.

Sono rammaricato dal comportamento di Horner, che difende a spada tratta il suo giovane pilota. E’ compito del Team Principal insegnare e tenere calmo i suoi piloti, specialmente quando si ha un ragazzino di 19 anni.

La Formula 1 deve decidersi a cambiare rotta. Gli ascolti sono in caduta libera così come la credibilità di questo sport…