Gian Carlo Minardi “Azione brusca dettata da motivi economico-finanziari”

Share via email

Dal 13 ottobre, dopo ben 23 anni, in casa Ferrari inizierà una nuova era. L’attuale Amministratore Delegato di Fiat-Chrysler, Sergio Marchionne, subentrerà a Luca Cordero di Montezemolo al comando della “Rossa”.

Il cambio al vertice che avverrà, di fatto, lo stesso giorno in cui è prevista la quotazione di FCA a Wall Street, era già nell’aria ma ha subito una brusca accelerazione. “Personalmente sono molto legato all’Avv. Montezemolo poiché è stato il primo interlocutore che mi ha portato a conoscere Enzo Ferrari. Il cambio al vertice era nell’aria e trova le sue motivazioni radicate non tanto nei risultati sportivi, quanto piuttosto in aspetti economico-finanziari, certamente legati all’ingresso del gruppo FCA a Wall Street” commenta Gian Carlo Minardi sul sito www.minardi.it, “Il marchio torinese ha bisogno di attrarre interesse nel modo statunitense mostrando grande solidità. E’ facile intuire che il risultato sarà raggiunto con un grandioso effetto immagine. Ferrari è, in questo momento, il miglior Brand a livello mondiale! In ogni caso, non dobbiamo dimenticare che oggigiorno tutti i team di F1, Williams esclusa, sono gestiti da manager che devono fare capo ad un Consiglio di Amministrazione i cui obiettivi sono principalmente economici e nell’interesse del gruppo di appartenenza. Si è trattata comunque di un’azione brusca nei confronti di una persona che per oltre un ventennio ha ottenuto importantissimi risultati su tutti i fronti, sportivi ed anche economici” prosegue il manager faentino.

L’avvicendamento Montezemolo-Marchionne ha già creato un primo ed inaspettato movimento all’interno dell’azienda. “Roberto Fedeli, uomo chiave della produzione, è passato alla BMW”. Al nuovo Presidente spetta quindi un compito importante: creare un nuovo ciclo vincente riportando serenità all’interno dell’ambiente. “Ora auguriamoci che le scelte fatte possano restituire serenità ed entusiasmo alla Squadra. Alla Ferrari non manca proprio niente per tornare al vertice. Hanno gli uomini e le strutture, ma occorreranno maggiori investimenti nel settore tecnologico; la Power-Unit è il tallone d’Achille principale della F14-T