Gian Carlo Minardi “Giochi in F1. Honda scatenata a caccia di un Top Driver”

Share via email

Il tam-tam mediatico intorno all’annuncio di Max Verstappen ha monopolizzato anche il Gran Premio del Belgio, distogliendo l’attenzione sia dai risultati in pista che dalle grandi manovre dietro le quinte. La mossa della Red Bull, che ‘maestra nel marketing’ ha di fatto calamitato tutte le attenzioni su di se creando un vero e proprio evento mediatico, ha negato le prime pagine dei giornali e dei network ai leader incontrastati di questo campionato. “Con questa mossa la Red Bull è stata in grado di veicolare l’attenzione su di se, distraendo gli addetti ai lavori dai risultati in pista o dalle manovre legate al mercato piloti. In questi ultimi giorni si è parlato prevalentemente del passaggio lampo del giovanissimo Max Verstappen in Toro Rosso, appannando l’incredibile risultato delle qualifiche che hanno visto due Mercedes rifilare in qualifica la bellezza di 2” a due campioni del mondo come Sebastian Vettel (terzo) e Fernando Alonso (4°), performance ribadite in Gara dimostrando una superiorità incredibile a livello complessivo (telaio – Power Unit – elettronica), seppure vanificate da errori da parte dei Piloti” analizza Gian Carlo Minardi al sito www.minardi.it

La Red Bull ha aperto i giochi, ma in questi giorni sono attese grandi manovre, “Dopo gli importanti investimenti in seno alla McLaren, la Honda è alla ricerca di un Top Driver. Le recenti dichiarazioni di fedeltà da parte di Fernando Alonso alla Ferrari hanno di fatto tolto uno degli ‘scontenti’. Restano quindi in gioco Vettel ed Hamilton. Dal Giappone mi viene suggerita una manovra molto forte giocata nei giorni scorsi dalla Honda per aggiudicarsi la coppia Newey/Vettel. Proprio a Spa-Francorchamps Bernie Ecclestone ha avvicinato Sebastian Vettel. Come già successo in altre occasioni Mr. E, spinto dai vari attori, avrà provato a metterci del  suo per convincere il campione tedesco ad accettare la nuova sfida senza coinvolgere Newey. Allo stesso Ecclestone farebbe comodo vedere un top-driver nella ritrovata coppia McLaren-Honda”.

L’interessamento del costruttore giapponese nei confronti di Sebastian Vettel rimetterebbe così in gioco anche l’approdo in Formula 1 di Carlos Sainz Jr. Gian Carlo Minardi auspica una Toro Rosso in versione molto “Young” con Verstappen-Sainz Jr. e il russo Kvyat promosso in Red Bull Racing al fianco di Daniel Ricciardo, come già anticipato qualche giorno fa “In base a queste notizie il mosaico inizia a prendere forma. Mettendo sotto contratto il giovane Max, la Red Bull (un brand fortemente rivolto ai giovani) ha messo a segno un’importante azione di marketing, oltre ad aver acquisito un possibile nuovo talento. Inoltre si potrebbe concretizzare l’operazione che tutti davano praticamente per certa: Carlos Sainz Jr. in F1, sponda Toro Rosso. A questo punto vien facile pensare ad una promozione del giovane russo Kvyat al fianco di Ricciardo, nel caso in cui si concretizzasse il passaggio ad Honda da parte di Sebastian Vettel

Resta l’enigma Hamilton. Scontento più che mai dopo il ‘contatto ravvicinato’ con Rosberg, è stato difeso per la prima volta in modo fermo e deciso dal Team Principal Toto Wolff  e da Niki Lauda. Si apre un nuovo scenario che può modificare le future strategie della Mercedes? Si profila all’orizzonte un nuovo pretendente …. Valtteri Bottas? Un giovane che ha mostrato il suo valore sul campo alle cui spalle  c’è un manager di tutto rispetto: Toto Wolff!” conclude Gian Carlo Minardi

I giochi stanno entrando nel vivo e a Monza sapremo se e come si concretizzeranno tutti questi movimenti dietro le quinte.