Gian Carlo Minardi “Sicurezza, prima di tutto”

Share via email

Continuano a far discutere le nuove regole di questa Formula 1. Già alla fine della prima giornata di test a Jerez Gian Carlo Minardi aveva posto l’attenzione sulla pericolosità dei nuovi musi soprattutto in caso di collisione laterale o ancora peggio tamponamento, tesi avvalorata anche da ingegneri e tecnici del calibro di Adrian Newey e Gabriele Tredozi.

Proprio in questi giorni il geniale ingegnere della Red Bull è tornato a parlare di sicurezza legata ai musi e al posizionamento delle nuove batterie. Il manager faentino però vuole andare oltre parlando di pericoli a 360° “Dal quel terribile 1994 che ci ha privati di uno tra i più forti piloti della storia dell’automobilismo mondiale, la Formula 1 ha fatto passi da gigante in termini di sicurezza. Ma oggi a che punto siamo? In questi giorni sento sempre parlare da tutti dei nuovi propulsori turbo e dell’affidabilità, ma solamente da Newey di sicurezza. Quello che mi piacerebbe capire, ma soprattutto sentire dire da un organo come la FIA, è che tutto è sotto controllo. La Formula 1 ha introdotto tantissime novità che saranno epocali, ma anche pericolose, come le nuove batterie che in caso di surriscaldamento possono  innescare incendi non prevedibili” commenta Minardi al sito www.minardi.itSulle vetture sono stati installati dei led (rosso, giallo, verde) che mettono in allarme meccanici e tecnici per poter intervenire o meno  sulla vettura e procedere ai lavori.  Il pilota è stato informato che quando esce dalla vettura deve saltare evitando di creare un ponte di messa a terra, ma i commissari di pista sono stati addestrati? Dalle mie informazioni mi risulta che i team abbiano fatto dei corsi sulla sicurezza ai loro meccanici e di potersi avvalere di semplici autocertificazioni che ogni Costruttore di motori ha redatto per i propri Clienti. Ritengo che la FIA debba redigere un apposito protocollo ufficiale sia  per i team che per i commissari di pista”.

Non dimentichiamoci che i primi ad intervenire in casi di incidente o avaria sono i commissari di percorso dei circuiti stessi “Alcune piste ospitano solamente una gara all’anno di livello internazionale. Questi ragazzi sono preparati? Sanno come muoversi e agire sulle vetture? Sanno con quale led acceso si può intervenire sulla vettura? Le mie vogliono essere semplici domande da appassionato e non da tecnico su un argomento che ritengo di vitale importanza come la sicurezza su un luogo di lavoro. Da quello che ho saputo i circuiti non hanno avuto informazioni a riguardo e alcun protocollo ufficiale …” conclude l’ex costruttore faentino “Non parliamo poi dei possibili problemi di trasporto. Già in passato le batterie, più piccole e meno tecnologiche, dovevano viaggiare in box dedicati, ora dovranno viaggiare in apposite strutture, sia per i viaggi aerei che per strada sui truck”  Tutto questo alla faccia del contenimento dei costi.