GP Germania – PRESENTAZIONE

Share via email

Arriviamo al Nurburgring in un momento molto caldo della stagione e dopo troppi pochi giorni da Silverstone. Per i team sarà stato alquanto difficile portare aggiornamenti e correttivi. In Germania la Pirelli si presenterà in pista con le nuove mescole che porteranno a nuove incognite. E’ fuori dubbio che non si potesse tornare a correre con le incertezze e defaillance tecniche degli pneumatici di Silverstone e sono certo che il costruttore fornirà gomme super collaudate della passata stagione (Soft e Medium), anche se in questi ultimi sei mesi l’evoluzione delle macchine è stata notevole, anche dal punto di vista del carico aerodinamico.

Abbiamo una Ferrari che dovrà ribaltare una situazione difficile sia in qualifica che in gara in quanto, al di la del talento e della buona prestazione di Alonso, il divario da Red Bull e Mercedes era consistente come ha dimostrato la bella rimonta di Webber.  La Red Bull rimane certamente la macchina di riferimento e da battere.  Per la lotta alla pole vedo una sfida tutta Red Bull-Mercedes, mentre in gara la Ferrari potrà inserirsi.

Grande attenzione sarà rivolta ancora una volta agli outsider Force India e Toro Rosso che si sono dimostrati in grado di portare via punti importanti ai top team. La Lotus dovrà invece fare un passo indietro dopo l’introduzione della nuova sospensione, che le aveva restituito la competitività di inizio anno. Sul fronte climatico normalmente in Germania le temperature non sono molto alte.

I RICORDI Il Nurburgring mi riporta a dei bellissimi ricordi. In Formula 2 abbiamo partecipato all’ultima gara a ruote coperte sul tracciato lungo, conquistando un prezioso secondo posto con Nannini dopo una bella lotta con la March-BMW. In quell’occasione Nannini tagliò il traguardo addirittura con solo tre ruote, dopo che un contatto all’ultima curva lo portò fuori pista.

Arrivando in Formula 1, nel 1999 conquistammo con Mark Genè un sesto posto determinante in una stagione difficile.  La festa sarebbe potuta essere doppia perché grazie a strategie ottime, cambiamenti climatici e a pit stop perfetti, avevamo un Luca Badoer in rimonta e certamente da podio. Purtroppo a pochi giri dalla fine un’incrinatura nella scatola del cambio causò una perdita d’olio costringendolo a parcheggiare la sua vettura  a bordo pista. E’ stata una di quelle gare in cui passammo dalle Stelle alle Stalle. Sarebbe stato un risultato molto importante e magari avrebbe cambiato la storia del Minardi Team

Nel 600esimo GP la Williams ha sfiorato i primi punti mondiale chiudendo all’11 e 12esimo posto. Sinceramente ho sperato nella top ten proprio per festeggiare in modo speciale questo traguardo straordinario. Un plauso va sicuramente a Frank che ancora oggi lotta per far crescere il suo team. Gli auguro veramente di poter tornare un primo attore