Gp Russia – PAGELLE

Share via email

Dare un voto a questo Gran Premio non è cosa facile per via delle poche difficoltà del tracciato. L’asfalto si è dimostrato per nulla abrasivo,  la Pirelli è stata troppo conservativa e le preoccupazioni del pre-week end riguardo alle curve si sono rivelate infondate. In un circuito molto bello dal punto di vista scenografico, ma insignificante su tutti gli altri fronti, andiamo a dare i voti:

Mercedes – 10 conquistano il loro primi titolo Mondiale Costruttori. Un titolo più che meritato, avendo realizzato una corazzata praticamente perfetta. Un risultato che ha dello storico

Lewis Hamilton – 9 ha interpretato molto bene il circuito fin dalle prime prove, dettando il suo ritmo, guidando l’ennesima doppietta

Nico Rosberg – 5/6 ha gettato via un gran premio alla prima curva, rendendosi autore di una bella “rimonta” (da ultimo a secondo), grazie alla sua macchina e ad un asfalto che non rovina per nulla le gomme. Infatti, ha completato la bellezza di 51 giri con le stesse mescole, segnando il miglior giro della gara proprio sul finale. Per questo motivo, non posso dargli un voto alto. Troppo facile così

Valtteri Bottas – 8 ancora un podio per il finnico che sta facendo crescere la Williams, salda al terzo posto tra i costruttori

Jenson Button e Kevin Magnussen – 7.5 stanno contribuendo a far crescere il team, sostenuti anche da un’ottima PU Mercedes. Sono il team che ha messo insieme la crescita più importante nell’ultimo periodo e si preparano ad attaccare il quarto posto della Ferrari

Fernando Alonso – 8 solo lui tiene a galla questa Ferrari, essendo il primo tra i non “Mercedes”. Lotta come solo lui sa fare

Daniel Ricciardo – 7 si conferma saldamente al terzo posto nella classifica piloti e, ancora una volta, finisce davanti al compagno

Sebastian Vettel – 6 forse ha la testa altrove. Non l’ho visto lottare come dovrebbe fare un quattro volte campione del mondo

Felipe Massa – 5 completamente disperso nel mare di Sochi

Tutti gli altri non vanno oltre il 6. Non tanto per colpa loro, ma per la semplicità di questa pista.