Gp Spagna – IL PUNTO

Share via email

La Ferrari e la F1 ci hanno fatto vivere un gran premio e una domenica pomeriggio eccezionale. Ho vissuto dal vivo i primi due giorni del gran premio di Spagna e fin dalle prove libere la scuderia di Maranello si era dimostrata molto veloce nei long run con entrambe le mescole, dando una grande sensazione di tranquillità.

La F138 deve certamente migliorare sul giro secco, che rimane il suo tallone d’Achille, anche se questa F.1 permette numerosi sorpassi grazie a Kers, DRS e al forte degrado delle gomme Pirelli. Buona parte del successo è stato costruito da Alonso alla curva tre, mettendo a segno un sorpasso da manuale che rimarrà certamente negli annuali. Sono quelle manovre che riabilitano questo sport e che ci danno la possibilità di vivere e assistere ad una stagione entusiasmante.

Il risultato di oggi è la chiara dimostrazione che i ribaltoni sono possibili e si possa passare velocemente da delusioni importanti a gare eccelse. Secondo successo stagionale per Alonso che si sta avvicinando velocemente alla vetta, ora lontana diciassette lunghezze. Ora ci aspettano due appuntamenti, Monaco e Canada, dove lo spagnolo potrà fare nuovamente la differenza. Bravo anche Felice Massa, autore di una bella rimonta. Ha saputo gestire nel migliore dei modi i problemi con le gomme posteriori portando a casa un terzo posto prezioso che lancia il team al secondo posto nel mondiale. Impeccabili anche nei pit stop. Stefano Domenicali si è fatto certamente un bellissimo regalo di compleanno e, con l’occasione, rinnovo i miei auguri.

L’ottimo week end di Maranello è stato completato dal secondo successo in Formula Renault 2.0 di Antonio Fuoco, pilota FDA. Sul tracciato di Imola, Fuoco ha bissato il successo conquistato a Vallelunga in occasione della gara di apertura. Anche le nuove leve della FDA contribuiscono a rendere ancora più bella questa storia.

Fin dalle prove libere ho temuto Raikkonen. Se la Lotus non avrà un calo di budgets, il finlandese sarà il primo avversario di Fernando. Kimi sta facendo una stagione egregia così come la Force India che, grazie al settimo posto di Paul Di Resta, si conferma quinta forza del mondiale davanti alla McLaren, che ha salvano il fine settimana con una gara chiusa a punti con i suoi due piloti. Ancora una volta Button ha fatto la differenza con le hard.

Molto bene anche la Toro Rosso che in una gara così dura con tantissimi detriti in pista e l’incognita di incorrere in un errore banale conquista un punto con Ricciardo consolidando la settima posizione.

La Mercedes si è dimostrata una vettura molto valida sul giro secco, ma con molti problemi ingara. Non erano certamente loro a far paura e i primi avversari anche se sono molto contento per Nico Rosberg che in qualifica ha messo a segno un giro strepitoso lasciandosi alle spalle Hamilton. E’ stato un osso molto duro da superare in gara e grazie al suo sesto posto la Mercedes conserva la quarta posizione. Hanno una vettura che consuma eccessivamente le gomme, ma sono convinto che da qui a qualche gran premio potranno migliorare.

Ora ci aspetta Montecarlo in cui troveremo le mescole Super Soft e Soft. Anche in questo caso ci sarà da soffrire. Nonostante i numerosi sorpassi tra le stradine del Principato la qualifica rimane molto importante.

 

 

 

 

 

Gp Barcellona

1. Fernando Alonso – Ferrari – 66 giri
2. Kimi Raikkonen – Red Bull-Renault – +9″3
3. Felipe Massa – Ferrari – +26″0
4. Sebastian Vettel – Red Bull-Renault – +38″2
5. Mark Webber – Red Bull-Renault – +47″9
6. Nico Rosberg – Mercedes – +1’08″0
7. Paul di Resta – Force India-Mercedes – +1’08″9
8. Jenson Button – McLaren-Mercedes – +1’19″5
9. Sergio Perez – McLaren-Mercedes – +1’21″7
10. Daniel Ricciardo – Toro Rosso-Ferrari – +1 giro
11. Esteban Gutierrez – Sauber-Ferrari – +1 giro
12. Lewis Hamilton – Mercedes – +1 giro
13. Adrian Sutil – Force India-Mercedes – +1 giro
14. Pastor Maldonado – Williams-Renault – +1 giro
15. Nico Hulkenberg – Sauber-Ferrari – +1 giro
16. Valtteri Bottas – Williams-Renault – +1 giro
17. Charles Pic – Caterham-Renault – +1 giro
18. Jules Bianchi – Marussia-Cosworth – +2 giri
19. Max Chilton – Marussia Cosworth – +2 giri

La classifica del Mondiale Piloti:

1. Vettel 89; 2. Raikkonen 85; 3. Alonso 72; 4. Hamilton 50; 5. Massa 45; 6. Webber 42; 7. di Resta e Grosjean 26; 9. Rosberg 22; 10. Button 17; 11. Perez 12; 12. Ricciardo 7; 13. Sutil 6; 14. Hulkenberg 5; 15. Vergne 1.

La classifica del Mondiale Costruttori:

1. Red Bull-Renault 131; 2. Ferrari 117; 3. Lotus-Renault 111; 4. Mercedes 72; 5. Force India-Mercedes 32; 6. McLaren-Mercedes 29; 7. Toro Rosso-Ferrari 8; 8. Sauber-Ferrari 5.