GP Ungheria – IL PUNTO

Share via email

Il Gran Premio di Ungheria ci ha consegnato una Mercedes in grande spolvero, che ha saputo ribaltare un inizio anno molto deludente. Oltre ad essere molto veloci in qualifica hanno dimostrato di essere in forma anche sulla distanza. Potevano essere un elemento di disturbo tra Red Bull e Ferrari, ma si stanno proponendo velocemente come nuova forza in campo e pretendenti al successo. Ci aspettano 9 Gran Premio tiratissimi.

Indubbiamente chi esce con le orecchie basse è la Ferrari. Ha deluso sia in qualifica che in gara. Se non ritroveranno lo smalto dei primi appuntamenti sarà un fine 2013 molto difficile. Abbiamo diversi primi attori e questo rende ancora più incerto il risultato, oltre al recupero. Le forze in campo sono cambiate nuovamente con Red Bull sempre al comando, ma seguita da Mercedes e Lotus. Attualmente la Ferrari è la quarta forza del mondiale e Fernando ha sbagliato a non partecipare ai test di Silverstone. Lo spagnolo dovrebbe iniziare a parlare di meno.  I risultati non si fanno con le parole. La Lotus si prepara ad insidiare la Ferrari, sostenuta da due piloti che portano a casa punti pesanti. Senza la penalità, Grosjean avrebbe potuto lottare con Webber. Gli sviluppi non portano i risultati sperati e di sta venendo meno la capacità della “rossa” di recuperare in corsa  che li aveva contraddistinti nei campionati precedenti. Certamente la situazione si può ancora ribaltare, ma bisogna lavorare e rimboccarsi le maniche

Finalmente è arrivato il primo punto per la Williams grazie al decimo posto di Maldonado. Entrare nella top ten sarà sempre più difficile in quanto i top five non regaleranno niente. Questa volta il tassello lasciato libero da Rosberg è stato occupato del venezuelano mentre è venuta a mancare la Force India, che ha visto ridurre di molto il suo vantaggio sulla McLaren, cosa prevedibie. In questo momento della stagione i team di serie B dovranno essere molto bravi a calibrare le forze e le risorse anche in ottica 2014.

Ora mandiamo tutti in vacanza e restiamo in attesa di vedere cosa succederà a Spa.