Minardi “Arrivabene, l’uomo giusto al momento giusto”

Share via email

Con l’insediamento di Maurizio Arrivabene, in casa Ferrari è iniziata la nuova era. Si vuole archiviare velocemente una stagione ricca di difficoltà, che ha portato a diversi cambiamenti nel suo organico. Cambiamenti che però sono destinati a proseguire, come da tempo sostiene Gian Carlo Minardi “Devo fare i complimenti al Dott. Sergio Marchionne, poiché la prima scelta è stata più che azzeccata. Maurizio Arrivabene è certamente l’uomo giusto per questa Ferrari che vuole voltare velocemente pagina” commenta il manager faentino alle colonne di www.minardi.itGli faccio un grande in bocca al lupo, in quanto è chiamato ad un lavoro non semplice. Nonostante gli impegni in questo momento siano veramente tanti, e il tempo pochissimo, dovrà apportare velocemente dei cambiamenti tempestivi. Nel passato c’era la fila per andare a lavorare in Ferrari, mentre ora il vento sembra cambiato.  Maranello sembra aver perso “credibilità” nei suoi progetti ricevendo dei dinieghi da personaggi importanti che hanno vinto tanto a Maranello. Serve un uomo con un carisma forte per invertire questa rotta

In questi mesi il nome di Ross Brawn è stato spesso affiancato a quello della Ferrari. L’ingegnere britannico potrebbe quindi appendere la canna da pesca al chiodo per riabbracciare il mondo delle corse “Voci in arrivo dalla Germania parlano di un Ross Brawn pronto ad accettare nuove sfide, lontane però dalla Ferrari. Si parla infatti di un forte interessamento da parte di Audi. Per questo Arrivabene dovrà prendere decisioni anche impopolari e rischiose sul fronte tecnico scrivendo un nuovo libro oppure provando a fare pressioni sull’uomo in questo momento più ricercato e richiesto, come appunto Brawn” Con l’arrivo di Sebastian Vettel alcune novità si sono già intraviste “In questi giorni abbiamo visto il tedesco circondato dagli ingegneri Resta e Adami” entrambi con un passato (in periodi diversi) a Faenza, sponda prima MinardiTeam e poi Toro Rosso. Riccardo Adami sarà il nuovo ingegnere di pista del quattro volte campione del mondo. “Di conseguenza qualcosa è già cambiato” In attesa del passaggio di testimone tra Mattiacci e Arrivabene, Sebastian Vettel ha fatto il suo ingresso ufficiale in rosso, girando a Fiorano con la F2012, lavorando al simulatore e visitando la factory “Devo fare i complimenti all’artefice di questa mossa politica-pubblicitaria. Sono riusciti ad attirare su di se tutta l’attenzione dei media dando una nuova immagine sia a Vettel che alla Ferrari stessa. Un’operazione di immagine azzeccatissima” conclude Minardi “che segna una svolta importante all’interno della scuderia