F1 – Gp Abu Dhabi: IL PUNTO

Share via email

E’ andata in archivio un’altra stagione con un gran premio che ha messo in evidenza le forze in campo del momento: Mercedes-Ferrari-Williams. Un 2015 in cui la Ferrari è stata in grado di recuperare riprendendosi il secondo posto in classifica proprio ai danni della Williams, anche se il gap tecnico coi tedeschi resta ampio

Il cronometro è un termometro che rende molto bene l’idea. Sebastian Vettel ha firmato il suo miglior giro con le SuperSoft in 1.44.550 mentre Hamilton con le Soft ha messo lo zampino sul giro più veloce della gara (1.44.517).

Fine campionato favorevole a Nico Rosberg che si è portato a casa pole position (sesta consecutiva) e vittoria. Risultati che lo rilanceranno in vista della prossima stagione. Peccato che si sia svegliato troppo tardi, poichè ci avrebbe potuto far divertire. In casa Mercedes sono stati molto bravi a gestire le tensioni tra i due portacolori proseguendo per la loro strada, usando stesse strategie e lasciandoli liberi di battagliare in pista.

Un plauso alla Force India, e in particolare a Sergio Perez, che ha piazzato ancora una volta due vetture nella zona punti confermandosi al quinto posto, dietro alla Red Bull e davanti ad una Lotus dal futuro ancora incerto. Il sesto posto rappresenta un’importante boccata d’ossigeno per le casse di Enstone.

Anche se sono finiti fuori dalla zona punti, non mi è dispiaciuta la prestazione della Toro Rosso con un Verstappen, ancora una volta, determinato ma sfortunato nel ricevere la penalizzazione da commissari troppo severi. La battaglia con Button sinceramente la posso leggere solamente come un segnale positivo per questo sport. Fortunatamente oggi abbiamo assistito a diverse lotte e sorpassi. Abbiamo la “fortuna” di avere autodromi con vie di fuga eterne e asfaltate. Dovrebbero lasciarci vedere sorpassi e dare la possibilità ai piloti di lottare liberamente. Auspichiamoci che l’inverno possa portare consigli per migliorare le regole sportive e far si che la F1 sia uno sport costruito anche sulle “sportellate”

Molto bravi anche in casa Ferrari, dopo il pasticcio nelle qualifiche con Vettel. Ottimi pit stop e bel recupero da parte del tedesco.

Da martedì 1 dicembre sarà già 2016 col test Pirelli a porte chiuse. Entreranno in azione le Ultra-morbide. Una variabile in più per la prossima stagione.