F1 | Gp America – Presentazione

Share via email

Entriamo nella parte incandescente del calendario con solamente quattro appuntamenti alla bandiera a scatti. Ogni gara potrebbe essere decisiva per Nico Rosberg e Lewis Hamilton. I trentatré punti di vantaggio su Hamilton sono un vantaggio molto importante per Nico, anche sotto l’aspetto psicologico poiché gli bastano quattro secondi posti per laurearsi campione del mondo. Con la macchina che si ritrova tra le mani, salvo problemi di affidabilità, è un risultato più che raggiungibile. In casa Mercedes continueranno a giocare in difesa sul fronte dei motore, essendosi già aggiudicati il titolo costruttori (per il terzo anno di fila).

L’anno scorso il fine settimana è stato condizionato fortemente dalla pioggia (il Q3 non si è corso), creando non pochi danni agli organizzatori. Nonostante sia inserito in calendario senza alcun asterisco, Austin è uno di quei circuiti in difficoltà per il proseguimento. Gli auguro un fine settimana sereno (sotto tutti i profili).

E’ una pista molto selettiva dove il motore resta al massimo per il 60% del giro e la safety-car è una variabile da tenere conto. Sul fronte delle strategie Mercedes, Ferrari e Red Bull hanno puntato su mescole diverse. La Ferrari punta con decisione sulle Supersoft portando sette set per ciascun pilota, contro i sei di casa Mercedes e Red Bull. Una sola mescola di Medium, contro i quattro in casa Red Bull e tre per Hamilton e due per Rosberg. Cinque Soft per Vettel , Raikkonen e Rosberg, quattro per Hamilton e tre per la coppia Ricciardo/Verstappen.

Dopo il quarto e quinto posto conquistato in Giappone, in casa Ferrari dovranno guardarsi dalla Red Bull. Il silenzio che avvolge la struttura di Maranello è sinonimo di nervosismo. L’anno scorso Seb era riuscito a chiudere alle spalle delle Mercedes, stando davanti alla Toro Rosso di Verstappen e Force India di Perez. Occhi puntati anche su Hamilton, dopo le sparate al team, e sul Mercato Piloti.

Hulkenberg passerà in Renault nel 2017, che vedrà l’arrivo dal 18enne Lance Stroll (la cui firma arriverà a novembre al raggiungimento della maggiore età) in Williams. Mi auguro di vedere anche la bandiera italiana…