F1 – Gp Giappone: PAGELLE

Share via email

Tra i vari problemi motoristici legati a Honda, Red Bull e Lotus/Renault, con Gian Carlo Minardi diamo voti ai protagonisti del Gran Premio del Giappone

Lewis Hamilton – 9 perfetto in gara, ma ha preso la “paga” dal compagno di box in qualifica. Ancora una volta ha dimostrato tutta la superiorità della sua Mercedes segnando anche un giro veloce fantastico, lasciando tutta la concorrenza ad oltre 1”

Max Verstappen – 8,5 per la seconda volta è partito dal fondo, riuscendo a recuperare fino alla nona posizione grazie ad un ritmo interessante e a sorpassi esaltanti. Un risultato insperato forse ad inizio gara, considerando anche le caratteristiche del tracciato giapponese

Sebastian Vettel – 8 molto bravo in partenza sopravanzando Bottas. Ha portato a casa il miglior risultato possibile per la Ferrari in un circuito non certamente favorevole alla rossa

Nico Rosberg – 7 voto legato soprattutto alla qualifica conclusa con la pole position. In gara mi è sembrato incolore e non aggressivo come dovrebbe essere un pilota nella sua situazione. Con la macchina che si ritrovare, il secondo posto è il risultato peggiore a cui puntare. Mi sembra rassegnato a dover fare la seconda guida

Nico Hulkenberg – 7 un sesto posto importante sia per lui che per la Force India. E’ la dimostrazione che il quinto posto tra i Costruttori è un risultato conquistato in pista

Valterii Bottas – 6,5 Si è fatto sorprendere in partenza perdendo la sfida con l’avversario diretto: la Ferrari. Porta punti alla Williams che si conferma terza forza del mondiale

Romain Grosjean e Pastor Maldonado – 6,5 in un momento così difficile per il loro team, entrambi riescono ad entrare nella zona punti. Una bella prova di forza per i due alfieri Lotus. Mentre Mandonado è stato confermato anche per la prossima stagione, per Grosjean si dovrebbero aprire le porte del team Haas

Carlos Sainz Jr – 6,5 ha perso il confronto col compagno di box, il primo degli avversari, commettendo anche una leggerezza entrando ai box perdendo tempo per la sostituzione del musetto.

Fernando Alonso – 4 al di la della sua cattiveria in pista per la conquista dell’undicesimo posto migliorando costantemente i tempi, voto legato al suo team-radio. Un’uscita veramente infelice soprattutto perché rivolta verso chi lo ha voluto alla McLaren. La Honda ha rimandato qualsiasi decisione al team che tramite Ron Dennis, a quanto pare, vorrebbe farlo fuori. Certamente un’uscita infelice, ma resta il fatto che le comunicazioni dovrebbero essere maggiormente filtrate. E’ la FIA stessa a decidere quali team-radio far ascoltare. In questa occasione è stata usata un’arma poco elegante per tenere viva l’attenzione sulla F1. Questi episodi fanno parlare.

Mercedes – 10 Pole position e vittoria coi suoi due piloti. Hanno dimostrato di non aver perso la bussola e di essere tornati quella macchina perfetta e imbattibile del pre-Singapore.

Ferrari – 8,5 Con il terzo e quarto posto hanno consolidato il secondo posto tra i Costruttori, conquistando con Vettel il decimo podio stagionale. Un buon risultato considerando le caratteristiche tecniche di Suzuka poco favorevoli alla rossa

Lotus – 7,5 nonostante la mancanza di liquidità e della hospitality, tutto lo staff sta lavorando con la speranza del salvataggio da parte di Renault. Punti che danno morale e consolida la sesta posizione

Williams – 7 si è difesa in qualifica, ma in gara ha corso sotto le sue possibilità. In un circuito come questo, adatto alle caratteristiche della Power-Unit Mercedes, mi sarei aspettato qualcosa in più.

Toro Rosso – 7 chiudono il weekend addirittura davanti ai cugini della Red Bull, a dimostrazione che stanno lavorando bene. Spero che possano trovare una soluzione motoristica adeguata alla loro crescita, che gli permetta di proseguire la linea giovane che tanto ci fa divertire

Red Bull – 5 oltre a non aver confermato il risultato di Singapore, hanno perso il confronto con la Toro Rosso. Certamente sono disturbati da tutti i problemi legati al motore. Stanno pagando pesantemente la loro arroganza, soprattutto nei confronti di una Renault con cui hanno vinto quattro mondiali. Alle prime problematiche non si sono fatti scrupoli puntando il dito pesantemente contro il costruttore francese. Un atteggiamento aggressivo che spaventa certamente Ferrari e Mercedes. Dovrebbero farsi un esame di coscienza.