F1 | Gp Malesia, IL PUNTO di Minardi “Occasione persa per la Ferrari. Red Bull termometro del mondiale”

Share via email

Nella sua ultima apparizione nel calendario del Mondiale di Formula 1 il circuito di Sepang ci ha regalato uno dei weekend più emozionanti della stagione con duelli importanti sia in testa alla classifica che nelle retrovie, oltre alla rimonta di Sebastian Vettel costretto a partire dal fondo dopo il problema nelle qualifiche. Dopo diciannove edizioni la Malesia saluta il Circus, anche se mi auguro di poterla rivedere nel prossimo futuro.

Si chiude con un quarto posto il weekend nero della Ferrari. Un risultato che va decisamente stretto agli uomini di Maranello vedendo i tempi segnati da Vettel e la sua gara perfetta (con giro più veloce). Un vero peccato perché in due gare in cui la Ferrari aveva mostrato di essere presente e una competitività importante il lavoro e’ stato vanificato da problemi di affidabilità ed errori dei piloti. Singapore e Sepang sarebbero state due tappe importanti nella lotta al titolo. La rimonta su Ricciardo nell’ultima parte ha causato un maggiore consumo delle gomme, negandogli l’affondo finale. La Ferrari ha pagato un dazio estremamente pesante qui a Sepang e ora il tedesco è chiamato ad una rimonta non facile, ma neanche impossibile. Resta il rammarico anche per il problema accusa da Kimi Raikkonen.

Lewis Hamilton invece esce rafforzato nonostante una vittoria sfuggita in favore di un Verstappen e una Red Bull che si stanno confermando vero termometro del campionato. Molto bello il sorpasso dell’olandese ai danni del campionato britannico.

Si sta confermando un mondiale condizionato dagli errori.

Gian Carlo Minardi