F1 | Gp Malesia, Minardi “Per Vettel inizia la prima finale”

Share via email

Per Sebastian Vettel e la Ferrari inizia la prima di sei finali. Sepang sarà una tappa cruciale dopo la débâcle di Singapore per tentare di ridurre il divario da Lewis Hamilton. Proprio l’anno scorso il campione britannico, con la rottura del motore, ha perso il titolo mentre nel 2015 Vettel ha festeggiato il primo sigillo coi colori della Ferrari. Il tedesco è il pilota che può vantare il maggior numero di successi (quattro) lungo i 5.543 metri di Sepang che quest’anno saluterà il mondiale dopo diciannove edizioni.

L’abbandono della Malesia deve far riflettere la nuova proprietà poiché ci sono tante altre realtà (vedi Monza e Silverstone) che faticano a coprire gli esorbitanti costi nonostante numeri record di presenze. L’attuale sistema non funziona e non può reggere poiché gli organizzatori hanno solamente l’introito dei biglietti per far fronte ai costi di gestione. Troppo poco per sopravvivere.

Tornando al weekend, sarà una gara molto tattica dalle molte variabili, a iniziare dal meteo. Tradizionalmente abbiamo assistito a piogge importanti, ma ci sono state edizioni in cui l’asfalto ha raggiunto anche i 59°C. Sul fronte delle gomme la Pirelli porterà all’esordio su questa pista le SuperSoft, sui cui la Ferrari ha puntato in modo decisivo al contrario di Mercedes che ha privilegiato le Soft. Altra grande variabile sarà la safety-car.

Con la doppietta dell’anno scorso, ma soprattutto forte degli ultimi risultati, Daniel Ricciardo e Max Verstappen saranno due avversari molto temibili che potrebbero infastidire la rimonta delle rosse di Maranello.

La Toro Rosso intanto ci ha riservato un’importante sorpresa portando al debutto Pierre Gasly al fianco del confermatissimo Carlos Sainz che però saluterà la scuderia a fine stagione per passare sotto le vesti della Renault. Appiedato quindi il russo Kvyat autore di una stagione travagliata in cui è riuscito a raccogliere solamente quattro punti. La Toro Rosso vuole giocare tutte le carte per conservare il sesto posto, provando ad attaccare la Williams, attualmente davanti in classifica. Per farlo i soli punto dello spagnolo non bastano, provando a sfruttare la voglia di emergere del giovane driver francese.

Gian Carlo Minardi