F1 | GP Ungheria, Banco di prova per Mercedes e Ferrari

Share via email

Questo weekend la Formula 1 sbarca a Budapest, inaugurando la seconda parte di stagione. Si arriva su un tracciato tradizionalmente baciato dal sole e dalle alte temperature in cui i team dovranno scoprire velocemente la migliore mescola (tra Medie, Soft e SuperSoft) da usate su un asfalto stradale e poco usato durante la stagione. Le condizioni del tracciato cambieranno velocemente dopo ogni sessione così come le performance delle vetture andranno migliorando.

Sulla carta parliamo di un layout (molto simile ad un kartodromo) favorevole a Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, anche se l’anno scorso dietro alle due Mercedes arrivarono le Red Bull, anche oggi sono in fase di recuperato giocando un ruolo da guastafeste.

Davanti ad una Mercedes così competitiva c’è poco da stare tranquilli e a Maranello ne sono consapevoli. Dopo il difficile fine settimana britannico, è stato molto apprezzabile il supporto alla squadra arrivato dal Presidente Sergio Marchionne.

L’Hungaroring sarà un bel banco di prova per Mercedes, ma soprattutto per la Ferrari in ottica campionato. Se i ragazzi di Toto Wolff dovessero ripetere il risultato eclatante di quindici giorni fa su una pista che la vede meno favorita, il campionato si può (quasi) ritenere concluso, aprendo ad un’estata bollente sul fronte dei rinnovi contrattuali in casa del Cavallino Rampante.

Non dimentichiamoci che da martedì inizieranno due giorni di test in cui rivedremo in pista Robert Kubica al volante della Renault R.S. 17. Davanti ad un risultato positivo l’ambiente potrebbe destabilizzarsi. Sarà una sfida importate per il polacco che firmerà il suo debutto sulla vettura di nuova generazione. Con grande piacere ho appreso la notizia dell’esordio (mercoledì) di Luca Ghiotto al volante della Williams FW40. Un ragazzo che ho avuto modo di seguire insieme alla Scuola Federali fin dai suoi esordi nelle formule. Antonio Giovinazzi, terzo pilota Ferrari, sarà invece al volante della Haas motorizzata Ferrari durante le prove libere del gran premio.

Gian Carlo Minardi