F1 | Gp Ungheria, la PRESENTAZIONE di Gian Carlo Minardi

Share via email

A una settimana dalla vittoria in rimonta di Lewis Hamilton e dall’errore di Sebastian Vettel, la Formula 1 è pronta a riaccendere i propulsori all’Hungaroring per il dodicesimo appuntamento (il quarto in cinque settimane che concluderà il tour-de-force aprendo al periodo di vacanza).

Sicuramente una buona occasione per il ferrarista che avrà modo di tenere alta la concentrazione senza rimuginare troppo sulla vittoria sfuggita in Germania, in un momento in cui non era necessario prendere dei rischi eccessivi. Si arriva in Ungheria, dove l’anno scorso la Ferrari conquistò una doppietta. Un tracciato in cui la qualifica ha un ruolo importante così come l’uscita della safety-car. Ancora una volta mi aspetto una griglia di partenza disegnata sul filo dei centesimi con una lotta tra Mercedes e Ferrari, con l’inserimento della Red Bul sempre se non si inventeranno strategie impossibili come sette giorni fa.

Un tracciato che col Minardi Team mi ha regalato diverse gioie, come il settimo posto di Michele Alboreto nel ’94 o la top-ten con Luca Baldoer (8°) e Pedro Lamy (9°) l’anno successivo, ma anche il rammarico per l’occasione persa con Martini nel 1993.

Saranno giorni caldi anche per il mercato piloti. Dopo i rinnovi in casa Mercedes, si aspettano le decisioni di Ricciardo, Alonso e Raikkonen.

Intanto durante le FP1 scenderà in pista nuovamente Giovinazzi al volante della Sauber di Leclerc. Il team svizzero è sicuramente in un buon momento e si è messa in scia alla Toro Rosso per la conquista dell’ottavo posto tra i costruttori. Al momento solamente due punti divide i due team. Lotta aperta anche per la quinta posizione con un testa a testa tra Haas e Force India (appaiate) e McLaren in ritardo di 11 punti.

Gian Carlo Minardi