F1 | Jost Capito e David Redding lasciano Woking. Minardi «La F1 non può perdere anche McLaren”

Share via email

E’ una McLaren che continua a perdere pedine importanti, mentre si avvicinano inesorabilmente i giorni della presentazione e dei primi test ufficiali sulla pista di Barcellona. Dopo l’allontanamento di Ron Dennis sul finire dell’anno scorso, il CEO Jost Capito  e il team manager David Redding si sono lasciati alle spalle la factory di Woking.

Segnali sinonimo di sfacelo all’interno di un team glorioso, simbolo della Formula 1, che sta vivendo un importante passaggio di competenze e proprietà. Jos Capito poteva essere una figura importante visto il suo passato. L’abbandono, unito a quello del team manager, ci raccontano momenti di tensione all’interno della scuderia. Nei giorni scorsi avevamo ventilato la possibilità di un accordo tra McLaren e BMW anche sul fronte del Circus, smentito dalla stessa casa bavarese. Si era aperto certamente uno spiraglio, chiuso proprio per il caos che sta regnando all’interno del team.

In questo momento la Formula 1 non può permettersi di perdere una scuderia come McLaren. Un tempo c’era un abile burattinaio che sapeva muovere molto bene i fili. Ora Liberty Media è chiamata ad un compito delicato.

Il 2017 sarà un anno delicato per la McLaren, ma soprattutto per la Honda. I test invernali ci potranno dare le prime risposte, poiché non ho molta fiducia nella continuità del costruttore nipponico.