F1 | Minardi “Ferrari non ha sparato tutte le cartucce. Buon compleanno”

Share via email

Se il buongiorno si vede dal mattino, tra quindici giorni potremo assistere ad un bell’inizio di mondiale in Australia. Il condizionale è certamente d’obbligo in questo momento poiché ho l’impressione che alcuni team (vedi Ferrari e Mercedes) non abbiano giovato completamente a carte scoperte.

I chilometri percorsi sono però un bel biglietto da visita: 5102 km per la W08 di Hamilton e Bottas e 4450 km per la SF70H di Vettel e Raikkonen contro i 3184 km della Red Bull e i 3700 km della Williams

Ferrari – Sebastian Vettel prima, Kimi Raikkonen dopo, hanno firmato le due migliori prestazioni in assoluto di questi otto giorni di test collettivi. La pole position virtuale è di Kimi Raikkonen che è sceso sotto il muro del 1’19” fermandosi a 1’18”634. Le simulazioni però parlano di tempi sul giro sotto l’1’18”. Questo mi fa pensare che la SF70H non abbia dimostrato ancora tutto il suo potenziale. L’affidabilità raggiunta è un traguardo importante in virtù delle tante novità sia regolamentari che all’interno della squadra. Possono lavorare con maggiore serenità concentrandosi sullo sviluppo della performance.

Il 12 marzo 1947 partiva l’avventura Ferrari. Siamo entrati nel settantesimo compleanno. Una ricorrenza importante per un eccellenza italiana. Speriamo che insieme agli ottimi traguardi raggiunti dalla produzione, si possano unire altrettanti successi conquistati in pista da parte di Vettel e Raikkonen. Buon Compleanno Ferrari!

Mercedes – hanno intrapreso la strada di una vettura col passo lungo. Un azzardo che ruota intorno alla distribuzione dei pesi. Questo potrebbe portare ad un handicap con una zavorra maggiore sull’anteriore. Non ci resta che aspettare le qualifiche di sabato 25 marzo. Mi hanno dato l’impressione di essere rimasti molto coperti, così come i team clienti Williams e Force India. La power-unit potrebbe essere l’arma  in più.

Williams  e Force India – Potrebbero essere la sorpresa in Australia grazie al supporto della Power-Unit Mercedes. Felipe Massa sembra essere galvanizzato e rigenerato da questo rientro lampo, ventilando già la possibilità di prolungare il suo contratto per un’altra stagione. Positivo inizio di stagione anche per la Force India   che può contare sui giovani Perez-Ocon.

Red Bull e Toro Rosso – In questo momento il lavoro è stato rallentato dalla power-unit transalpina. Un progetto completamente nuovo che al momento non sta dando i frutti sperati, soprattutto sul fronte affidabilità. Come da sua tradizione, la Red Bull può contare su un’aerodinamica molto estrema.

McLaren – Fanalino di coda nel chilometraggio e penultimo posto nella classifica dei tempi. La situazione è decisamente catastrofica, soprattutto per colpa della Honda. Non so come faranno a ridare vitalità ad un team interessato da un’importante riassetto. Non sarà facile e questo potrebbe favorire Williams e Force India nella corsa della classifica costruttori.