F1 | Nuovo ciclo tecnico. Minardi “Presa una direzione sbagliata”

Share via email

Il 2017 rappresenta una nuova era per la Formula 1. Non solo per l’arrivo di Liberty Media in qualità di proprietà, ma anche sul fronte dei regolamenti tecnici. Per la prima volta dal 1994, la nuova stagione sportiva partirà con un regolamento rivisitato che ci consegnerà macchine decisamente più veloci e performanti rispetto alla fine dell’anno precedente.

Ciclicamente, la FIA rimetteva in discussione le regole per avere macchine più lente rispetto alla fine del ciclo tecnico precedente. Solamente grazie all’ingegno dei tecnici i team riuscivano a portare in pista monoposto nuovamente performanti,

Oggi invece ci troviamo davanti a simulazioni che parlano di vetture più veloci di 4-5 secondi sul giro rispetto alla fine del 2016 con una velocità di percorrenza in curva superiore di 40 km/h.

Tutto questo a vantaggio di chi?
Dello spettacolo?

Non credo proprio poiché chi è seduto in tribuna o davanti alla TV non si rende conto se le macchine vanno più veloci. Avremo vetture molto più difficili da guidare e molto più pericolose. Non oso pensare cosa potrà succedere dopo uno sviluppo di un’intera stagione o dopo qualche anno. Di contro, con una nota, la FIA ha informato i circuiti che dovranno adeguarsi ai nuovi standard di sicurezza, come se fosse una cosa semplice e immediata. Lo trovo demenziale.

La Formula 1 deve ritrovare lo spettacolo in pista, con lotte e duelli. Mi fa piacere che anche Liberty Media, la nuova proprietà, la pensi allo stesso modo. Saranno chiamati ad un compito non facile i cui risultati saranno visibili solamente tra qualche anno. L’arrivo di Ross Brawn nell’entourage potrà dare un contributo determinante nella stesura dei regolamenti tecnici. Bisogna tornare ad avere due-tre team in grado di contrastarsi e lottare per la vittoria.

Sarà importante anche il ruolo dei commissari. Il gruppo di lavoro deve essere il medesimo per tutti i gran premi, evitando decisioni soggettive.

(foto fonte McLaren.com)