Gian Carlo Minardi “Priorità al presente”

Share via email

Siamo entrati in una settimana cruciale per la Formula 1. Nella giornata di mercoledì, Team Principal e Presidente FIA Jean Todt si incontreranno intorno ad un tavolo per discutere dei provvedimenti presenti e futuri, a cui farà seguito la presentazione (virtuale) di alcune monoposto e la prima sessione di prove collettive sulla pista spagnola di Jerez, in programma a partire dal 28 gennaio

Il Salary Cap in previsione 2015 è certamente un argomento fondamentale per la sopravvivenza del Circus, ma  nella scaletta di mercoledì sarà importante mettere in cima i problemi attuali che attanagliano la Formula 1 di oggi, nonostante le dichiarazioni di rito dei diretti interessati.

In questo momento abbiamo diverse realtà che lottano con gli aumenti esponenziali dei costi, derivanti dalle importanti novità tecnologiche introdotte, e la mancanza di sponsorizzazioni. Ad esclusione  dei primi due-tre team del mondiale, gli altri navigano in acque molto agitate. Una volta il tam-tam classico era la sopravvivenza o la chiusura di un piccolo team come la Minardi, mentre ora sentiamo di una Lotus – quarta forza del mondiale – in forte difficoltà o di una McLaren che non supera i crash test, ecc…

La Formula 1 è sempre stata la massima espressione della tecnologia e la strada intrapresa abbraccia quelle che saranno le caratteristiche delle prossime auto di serie: recupero dell’energia, riduzione dei consumi e i motori turbo. Solo la competizione sportiva può aiutare velocemente la ricerca, ma a mio avviso sono errate le tempistiche. Non sono stati presi correttamente in esame i campanelli d’allarme sulla difficile situazione economica mondiale. Non dimentichiamoci che la Formula 1 è l’evento mediatico più seguito, dopo le Olimpiadi e i Mondiali di calcio – che arrivano però solo ogni 4 anni – mentre i Gran Premi si corrono ogni 15 giorni. Pertanto il Circus non può permettersi scelte poco ponderate, come il raddoppio dei punti per rendere più spettacolare un mondiale, che per la mia storicità è assolutamente fuori logica.  A mio avviso l’attuale regolamento è troppo penalizzante. In questo momento il numero di motori e di cambi a disposizione per ogni pilota è troppo ridotto così come le giornate di prove, soprattutto in virtù delle numerose novità introdotte e delle problematiche che i team stanno affrontando. I ritardi sulla tabella di marcia sono evidenti e questo inciderà sull’affidabilità, sulla performance delle vetture e sulla sicurezza.

Siamo arrivati oltre metà gennaio e a breve inizierà la prima giornata di test collettivi sulla pista di Jerez. Chi ci sarà? In che condizioni gireranno? Come affronteranno i primi appuntamenti? Ho l’impressione che il Mondiale potrà essere vinto non da chi avrà le migliori soluzioni tecniche, ma da chi riuscirà a tagliare il traguardo. L’affidabilità diventerà la vera arma vincente. In un ambiente competitivo e tecnologico come il Circus, i problemi economici si ripercuotono non solamente sulla ricerca tecnologica, ma anche sull’affidabilità delle varie componentistiche.

La F1 sta vivendo un momento difficile; i problemi di Mr E. si ripercuoteranno sull’ambiente? Nonostante dichiari di avere il pieno appoggio dei team, sarà sempre il punto di riferimento o da questa riunione emergeranno nuove figure?

Mi auguro che vengano presi in esame i numerosi problemi in ottica 2014 per garantire credibilità,  uno spettacolo e una competitività degna di questo sport, prima di pensare al futuro prossimo