Il lato oscuro della F1. Minardi «Scelta Mercedes discutibile»

Share via email

Lo sa molto bene Felipe Nasr che, dopo aver salvato la Sauber da una stagione disastrosa (ai danni della rivale Manor motorizzata Mercedes) rischia il licenziamento dal suo stesso team in favore di Pascal Wehrlein (pilota Manor)

Dobbiamo fare un passo indietro tornando precisamente alla domenica del 12 novembre, week-end del gran premio del Brasile nonchè penultimo appuntamento del mondiale. La Manor di Esteban Ocon e Pascal Wehrlein occupa la decima posizione nella classifica mondiale costruttori forte del punto conquistato in Austria col suo pilota tedesco. Fanalino di cosa, e fuori dalla top-ten, la Sauber.

Sotto il diluvio di San Paolo, in una gara caratterizzata da bandiere rosse, safety-car e dall’incredibile corsa di Max Verstappen, Felipe Nasr trascina scuderia svizzera al nono posto, scalzando così la Manor dalla top-ten e regalando alla Sauber un carico prezioso di milioni di dollari provenienti dai diritti televisivi. Ad Abu Dhabi nessuno dei due team conquista la zona punti e la classifica resta invariata. Il mancato introito – salvagente per i piccoli team –  porta la Manor in amministrazione controllata col forte rischio di non prendere parte alla stagione 2017.

Dopo aver sistemato Esteban Ocon alla Force India (motorizzata anch’essa Mercedes) al posto di Nico Hulkenger (passato in Renault) Toto Wolff starebbe dirottando Wehrlein (manca ancora l’ufficialità) in Sauber al fianco del confermato Erikkson, proprio al posto del brasiliano Nasr.

Più volte il nome del giovane driver tedesco era stato affiancato alla Mercedes per sostituire Nico Rosberg al fianco di Lewis Hamilton, dov’è invece atteso il finlandese Bottas, il quale dovrebbe lasciare il suo posto in Williams al rientrante Felipe Massa al fianco del neo-18enne Lance Stroll

Un’azione della Mercedes che fa discutere, avendo di fatto contribuito al fallimento della sua scuderia satellite.