Articoli

Minardi Management | Andrea Rosso in Formula 4 Italia con Antonelli Motorsport

Anno nuovo e nuova sfida per Andrea Rosso, quindici anni di Borgaro Torinese, che il prossimo 5 e 6 maggio sarà tra i protagonisti sul tracciato di Vallelunga nell’appuntamento inaugurale dell’ Italian Formula 4 Championship powered by Abarth.

Nel suo debutto tra le monoposto, il portacolori della Minardi Management sarà al volante della TATUUS F.4 T014 del team bolognese Antonelli Motorsport che schiererà nella serie tricolore tre vetture. Questo importante traguardo è frutto dei risultati raggiunti nei palcoscenici internazionali più importanti del karting e nel Supercorso Federale di ACI Sport a cui ha partecipato nel mese di novembre proprio sul tracciato intitolato a “Piero Taruffi”.

Andrea Rosso sarà al via delle ventuno gare suddivise nei sette appuntamenti della F4 Italia firmando il proprio debutto sui circuiti più importanti a livello internazionale tra Misano (17-19 maggio), Imola (30 agosto 1 settembre), Mugello (4-6 ottobre) e Monza (18-20 ottobre). Due le trasferte estere, all’ Hungaroring (5-7 luglio) e Red Bull Ring (12-14 luglio).

Sarà una stagione chiave in quanto la mia prima in monoposto e non vedo l’ora che arrivi il primo Racing weekend. La Formula 4 è un passaggio obbligato e una categoria altamente formativa per arrivare al professionismo e sarà importante mettersi in luce. L’obiettivo principale è vincere il Titolo Rookie, provando a puntare a qualcosa in più se ci sarà la possibilità. Colgo l’occasione per ringraziare tutte le persone che mi stanno aiutando, partendo dai miei genitori, la Minardi Management e Giovanni Minardi e il team Antonelli Motorsport” commenta soddisfatto Andrea Rosso.

La F4 Italia era il nostro obiettivo e sono contento che si sia concretizzato con Antonelli Motorsport. Conosco da diversi anni la persona e la professionalità di Marco Antonelli, che ha sposato la linea dei giovani piloti che da sempre contraddistingue il DNA della famiglia Minardi. Sarà una stagione intensa e importante per Andrea in cui avrà molto da imparare, ma sono certo che potremo raccogliere fin da subito risultati importanti” commenta il manager Giovanni Minardi

F4 – Primo contatto con la pioggia del Mugello per Joao Vieira

A poco più di un mese dal week-end di Vallelunga, che inaugurerà la seconda stagione dell’Italian F4 Championship power by Abarth, Joao Vieira è tornato al lavoro col team Antonelli Motorsport al Mugello Circuit.

Una giornata di test condizionata fortemente dalla pioggia, che ha dato la possibilità al giovane brasiliano di casa Minardi Management di prendere confidenza col selettivo tracciato toscano nelle difficili condizioni di pista bagnata. Per Joao e lo staff diretto da Marco Antonelli si è trattato della prima esperienza col bagnato, dopo il podio della passata stagione su pista asciutta “E’ stata una giornata molto proficua. Non avendo mai girato in queste condizioni, è stata l’occasione per fare la giusta esperienza visto che parliamo di un tracciato impegnativo già in condizioni ottimali. Non avevamo i riferimenti con l’anno scorso, ma sono soddisfatto poiché non ho commesso errori. Abbiamo preso come nostro punto di riferimento le Formula 3 presenti in pista e i riscontri cronometrici ci stanno dando ragionecommenta Joao Vieira.

Non avendo i riferimenti col 2014 è difficile dare un giudizio. Causa pioggia e le numerose bandiere rosse le condizioni della pista non erano mai uguali. Non siamo riusciti a fare più di tre giri cronometrati consecutivi purtroppo. Sono comunque soddisfatto dal lavoro svolto da Joao che non ha mai commesso alcun errore, nonostante fosse al suo primo contatto col Mugello in condizioni da bagnatoanalizza il manager Giovanni Minardi

F.4 – Vittoria e secondo posto per Joao Vieira all’Adria Winter Trophy

Non poteva esserci finale di stagione migliore per Joao Viera, che, nel Winter Trophy all’Adria International Raceway, fa sventolare alta la bandiera brasiliana e suonare l’inno verde-oro, grazie al successo in gara-2, dopo aver conquistato il podio con un ottimo secondo posto nella prima gara.

Il 16enne brasiliano di casa Antonelli Motorsport chiude con una vittoria, un secondo posto e il titolo di vice-campione all’ Adria Winter Trophy, la sua prima stagione europea in monoposto, risultato più che meritato dopo un anno in forte crescendo nell’Italian F.4 Championship powered by Abarth.

Tornato sul circuito su cui aveva inaugurato la sua avventura nella serie Tricolore, Joao ha messo a frutto tutta l’esperienza acquisita in poco più di quattro mesi, rendendosi autore di ottimi sorpassi e chiudendo il week-end rodigino, per un solo punto, con il secondo posto assoluto. “Non posso che essere soddisfatto per quanto conquistato da Joao in questo fine settimana. Un secondo posto e soprattutto quella vittoria che ci era sfuggita nell’Italian F.4”, analizza il manager Giovanni Minardi.E’ stato autore di bellissimi sorpassi, sia in gara-1 che in gara-2. Purtroppo ci è sfuggita la pole, che avrebbe potuto consegnarci la vittoria del Trofeo. A parte questo, il week-end di Adria è la consacrazione di quanto mostrato in campionato. Siamo partiti da zero una settimana prima del campionato, senza conoscere macchina e piste, e quattro mesi dopo siamo arrivati alla vittoria”, conclude Minardi.Questa è stata la sua prima stagione in monoposto, arrivando direttamente dal karting, e la crescita dopo ogni gara è il segnale più importante del valore di questo ragazzo”.

“Finalmente. Alla fine è arrivata la vittoria, che ho tanto inseguito. Sono veramente contento di come sia andato il week-end ad Adria. Chiudere la stagione con un secondo posto, una vittoria e il titolo di vice-campione non è davvero niente male”,  commenta un sorridente Joao Vieira. “L’Italian F.4 Championship è stato veramente impegnativo e mi ha permesso di crescere e imparare molto. Esperienza che metterò certamente a frutto il prossimo anno”. Ora, Joao lascerà qualche giorno l’Italia, per trasferirsi in Brasile, prima di partire per Las Vegas. “Andrò qualche giorno in Brasile, a casa, per poi preparare la Supernationals kart race in programma il prossimo 23 novembre, conclude il pilota del Minardi Management.

F.4 – Gara di “casa” per Joao Vieira a Imola

A quindi giorni dall’esaltante fine settimana di Monza, Joao Vieira è pronto ad affrontare il settimo e ultimo appuntamento dell’Italian F.4 Championship powered by Abarth all’Enzo e Dino Ferrari di Imola.

Forte del secondo posto conquistato nel Tempio della Velocità e dei numerosi sorpassi messi in atto tra i lunghi rettilinei brianzoli, che lo hanno visto passare dalla ventesima posizione alla zona del podio in meno di 10 passaggi con un ritmo da primo della classe, il brasiliano di casa Antonelli Motorsport è pronto a coronare il suo sogno, andando a caccia di quella vittoria che ancora gli manca, al volante della Tatuus #28. Il Circus della F.4 Tricolore, indetto da Aci-Csai, con la promozione di WSK Promotion e fortemente voluto dalla FIA, ritorna così all’Enzo e Dino Ferrari, dopo aver ospitato i suoi 20 piloti in occasione del secondo round. “Proverò a riprendermi la rivincita nei confronti di Imola. Ho ancora dei conti aperti”, commenta sorridente Joao Vieira. Per il 16enne, infatti, il week-end imolese era stato particolarmente sfortunato. “La pista ha alcuni tratti molto impegnativi e mi piace molto. Per la prima volta dall’inizio della stagione andremo a correre su un circuito che conosco già. Quindi, potrò partire al pari degli altri. Dopo il difficile week-end di Imola, sono entrato regolarmente nella zona punti, conquistando il podio con un terzo e secondo posto al Mugello e Monza. Ora all’appello manca solamente la vittoria. Mi piacerebbe chiudere la stagione con il successo, visto che correrò davanti ai miei amici”. Per Joao sarà la gara di “casa”, abitando a poco più di mezz’ora dal tracciato. “Specialmente a Monza il mio ritmo è stato costantemente molto veloce, tenendo il passo dei primi della classifica. Per un soffio mi è scappata anche la pole”, conclude il pilota della Minardi Management.

Sono veramente soddisfatto dello sviluppo di Joao. Dall’inizio della stagione è migliorato costantemente, arrivando a lottare con i primi del campionato.  A Monza il risultato poteva essere ancora più importante, specialmente nella gara-sprint dove si è reso protagonista di una rimonta sensazionale. Ora torniamo a Imola, per concludere al meglio questa prima stagione tra le monoposto”, analizza il manager Giovanni Minardi.

Come di consueto, il programma scatterà venerdì, con i due turni di prove libere da 40’ che faranno da apripista alle qualifiche, in programma alle 17.25 e 17.50, in ottica delle due gare da 28’ + 1 giro di sabato (ore 11.50) e domenica (ore 13.00). In mezzo, la gara-sprint da 18’ + 1 giro (sabato ore 17.10).

Formula 4 e Formula 3 si incontrano a Imola per il gran finale

Dopo l’esaltante week-end nel “Tempio della Velocità” di Monza, i campioncini dell’Italian F4 Championship powered by Abarth sono pronti a darsi battaglia l’11 e 12 ottobre in un altro “Tempio” del Motorsport: all’Enzo e Dino Ferrari di Imola, teatro del settimo e ultimo round della neonata categoria, nonché primo step dopo il karting

Per l’occasione i 20 giovanissimi piloti – con un’età compresa tra i 14 e 16 anni – divideranno la pista e il paddock con i colleghi più esperti della FIA F3 European, giunti anche loro all’ultimo appuntamento stagionale. Una sorta di passaggio di testimone tra le due categorie della FIA volte alla crescita e al lancio dei nuovi campioni verso la Formula 1 e il professionismo. “A Monza abbiamo assistito a tre bellissime gare in cui è suonato per ben tre volte l’Inno di Mameli e la risposta del pubblico è stata di quelle importante con le principali curve gremite di appassionati di tutte le età” commenta Gian Carlo Minardi “L’iniziativa Porte  Aperte inizia a dare i suoi primi risultati e questo deve essere solamente il primo step. Dobbiamo riavvicinare e far innamorare nuovamente gli appassionati. Imola chiuderà la prima stagione della Formula 4, la categoria aperta a tutti i ragazzi che arrivano dal mondo del karting, e la lotta per il secondo e terzo posto è ancora tutto da giocare. In concomitanza ci sarà anche  la chiusura anche del FIA F3 European e l’occasione di vedere in azione Max Verstappen, prossimo al debutto in F1, e i nostri alfieri Antonio Fuoco (Prema) e Antonio Giovinazzi (Carlin) insieme al vincitore del campionato Esteban Ocon

Ci sono tutti gli ingredienti per vivere un altro entusiasmante week-end di motori “Vi aspetto tutti all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola l’11 e 12 ottobre” conclude il manager faentino “per vivere gli appuntamenti finali della Formula 4 e Formula 3

F.4 – Joao Vieira a Vallelunga pensando ad un nuovo podio

Dopo la giornata di test della scorsa settimana, questo fine settimana Joao Vieira riprenderà dall’Autodromo Piero Taruffi di Vallelunga il cammino nell’Italian F.4 Championship powered by Abarth, giunto al suo quinto appuntamento. La neonata serie portata in pista da ACI e promossa da WSK entra di fatto nelle battute finali. Dopo il weekend sul tracciato capitolino, il Circus si trasferirà prima a Monza (27-28 settembre) e successivamente a Imola (11-12 ottobre) per il gran finale.

Il 16enne brasiliano di Gurupi è pronto a tornare al volante della Tatuus F.4 #28 con l’obiettivo di proseguire la striscia positiva di risultati, dopo il podio del Mugello ed i punti conquistati tra Adria e Magione, che lo hanno portato fino al settimo posto in classifica assoluta, con 43 punti. Il portacolori dell’Antonelli Motorsport metterà a frutto l’esperienza acquisita nelle due giornate di test sul tracciato di Campagnano per andare a caccia di un nuovo esaltante risultato.

Ho preso un primo contatto con il layout di Vallelunga e la pista mi piace veramente tanto. Grazie ai programmi svolti nelle due giornate di test, potrò di concentrarmi maggiormente sulla messa a punto della vettura fin dalle prove del venerdì, sia in configurazione qualifica che gare. L’obiettivo resta sempre il podio, specialmente dopo averlo toccato con mano al Mugello, anche se non sarà cosa facile. Il campionato è veramente molto selettivo e ogni minimo errore si paga subito”, commenta il pilota della Minardi Management Joao Vieira.

Sono rimasto positivamente colpito dai risultati di Joao durante gli ultimi test e questo mi fa ben sperare in vista del week-end di gara. Dall’inizio dell’anno è cresciuto costantemente e, arrivando dal karting, è la cosa più importante. Ci stiamo avvicinando ai primi. Dobbiamo continuare a lavorare crescendo passo dopo passo. Il podio conquistato su una pista impegnativa e selettiva come il Mugello è un termometro importante sulle qualità di Joao”, commenta il manager Giovanni Minardi.

I motori si accenderanno venerdì 12 coi due turni di prove libere, in preparazione delle qualifiche (ore 17.50 e 18.15), che determineranno lo schieramento di partenza delle due manche di gara (28’ + 1 Giro), con start sabato alle 16.20 e domenica alle 17.10. In mezzo, con partenza alle 9.35, la gara sprint (18’ + 1 Giro).

Minardi Management e Joao Vieira insieme nell’Italian F.4 Championship powered by Abarth

L’intenso lavoro della Minardi Management e di Giovanni Minardi, insieme allo scounting Alberto Tonti, volto a seguire e aiutare il percorso verso il professionismo dei giovanissimi piloti impegnati nel Karting – il primo scalino della piramide motoristica –  inizia a dare i primi risultati.

In questa stagione, il manager faentino Giovanni Minardi metterà la sua esperienza a disposizione di Joao Ricardo Queiroz Vieira, 16 anni, brasiliano. Vieira, classe 1997, proveniente dal Kart, è pronto a firmare il suo debutto tra le monoposto partendo proprio dalla neonata Italian F.4 Championship powered by Abarth, il cui sipario si alzerà questo fine settimana all’Adria International Raceway.

Dopo la positiva partecipazione ai test collettivi con i colori dell’Antonelli Motorsport, Joao sarà al volante della Tatuus F4 T014, motorizzate Abarth da 1400 cc sovralimentato da 160 CV, del team emiliano di Marco Antonelli.

Sono veramente contento di poter lavorare al fianco di Joao. Fin dal primo contatto con la Tatuus F4 ha dimostrato un ottimo feeling, abbassando costantemente i riscontri cronometrici. Non dimentichiamoci che arriva dal Kart e che sarà al debutto sulla pista di Adria”, commenta il manager Giovanni Minardi.

I motori si accenderanno domani sabato 7 giugno, con i due turni di prove libere in programma alle 09:00 e alle 12:00. A seguire, nel pomeriggio, sarà poi la volta delle due sessioni di qualifica, in programma a partire dalle 16:00, che determineranno lo schieramento di partenza delle due manche di gara (28’ + 1 Giro), con start domenica 8 giugno alle 09:00 e alle 17:00.

Gian Carlo Minardi “Adria appuntamento storico”

Il week end del 7 e 8 giugno e l’Adria International Raceway segneranno una tappa storica per il Motor Sport e per la Federazione.

Il circuito rodigino terrà a battesimo la “prima” dell’Italian Formula 4 Championship Powered by Abarth, la nuova formula fortemente voluta dalla FIA e appoggiata dall’ACI. Fin dalle prime uscite con il collaudatore e direttore della Scuola Federa Raffaele Gianmaria e dai test collettivi proprio sulla pista di Adria, la Tatuus F4 T014, motorizzate Abarth da 1400 cc sovralimentato, capace di erogare 160 CV a 5500 giri/min, ha dimostrato tutta la sua competitività “Questo fine settimana sarà una tappa fondamentale per la Federazione Aci e per le scelte intraprese solamente qualche mese fa dal Presidente Sticchi Damiani” commenta il presidente della commissione velocità Gian Carlo Minardi “I risultati dovrebbero essere dalla nostra parte. In griglia sono attese tra le venti e ventidue auto, pronte ad aumentare negli appuntamenti successivi. Si tratta di un grande successo, considerando che siamo partiti solamente a gennaio. Per questo bisogna fare un grande plauso al costruttore Tatuus che sta compiendo un grande sforzo per consegnare tutti gli ultimi esemplari” prosegue il manager faentino “Fin dai primi test si è evidenziata una buona competitività e questo è un ottimo risultato per il nostro paese, considerando che parliamo di un prodotto Made in Italy con gomme Pirelli, motore Abarth, elettronica Magneti Marelli e freni Brembo

Il sipario sulla Formula 4 si alzerà per la prima volta in assoluto proprio sul tracciato di Adria per proseguire il suo cammino tra Imola, Mugello,  Magione, Vallelunga, Monza e Barcellona per il gran finale del 19 ottobre “Sono sicuro che l’ACI sarà all’altezza delle aspettative FIA e sono contento ed onorato che la nostra Federazione sia la prima nel mondo a portare in pista questo nuovo campionato

Otto appuntamenti che ci consegneranno il primo campione F.4 “Si tratta di un bel trampolino di lancio per tutti i giovanissimi. La Federazione Internazionale dell’Automobilismo ha voluto dal vita a questa serie per lanciare i giovanissimi che arrivano dal karting, dando nuova linfa alla Formula 3 Internazionale e portarli al professionismo

Gian Carlo Minardi “Buon esordio per la F.4 ad Adria”

Sul circuito di Adria, teatro della prima tappa del neonato Italian Formula 4 Championship Powered by Abarth in programma il 7 e 8 giugno, otto team e una ventina di giovanissimi piloti hanno tenuto il battessimo ufficiale della Tatuus F4 T014, motorizzate Abarth da 1400 cc sovralimentato, capace di erogare 160 CV a 5500 giri/min.

Una due giorni che ha permesso a team e piloti di prendere il primo contatto e misure con la nuova monoposto che animerà la nuova serie fortemente voluta dalla FIA e appoggiata dall’ACI. Insieme ai delegati FIA Fréderic Espinos, Robert Mass e Fabrizio Nosco era presente sul tracciato rodigino anche Gian Carlo Minardi “Sono state due giornate molto intense, scivolate via tra molti giri, chilometri e pochi problemi di gioventù. Bisogna fare un plauso al Costruttore di Concorezzo (MB) e al motorista che in pochi mesi sono riusciti ad assemblare già 16 vetture, con altre 8 in via di consegna. Come ACI non possiamo che esser soddisfatti sia per i chilometri macinati sia per i tempi segnati. Per la prima gara di Adria sono attese 20-22 vetture che dovrebbero salire a 24-26 a Imola, teatro del secondo round” commenta il manager faentino

Sul fronte della Minardi Management, Giovanni Minardi ha seguito il debutto del 16enne brasiliano Joao Vieira, alla sua prima esperienza in monoposto “Un debutto interessante quello di Viera, alla sua prima apparizione al volante di una monoposto. Ha mosso i suoi primi passi con Antonelli Motorsport che quest’anno firmerà il suo debutto personale tra le ruote scoperte” Il team bolognese di Marco Antonelli è una delle new-entry nel panorama delle formule, affiancandolo ai suoi programmi con la Porsche “E’ una mossa molto intelligente, in quanto i genitori pensano ad una carriera da professionista per il proprio figlio, senza necessariamente puntare alla Formula 1. Anche quest’anno molti ragazzi italiani e non, si sono affacciati alle gare GT” conclude Gian Carlo Minardi “E’ un segnale di cambiamento radicale dell’approccio al mondo sportivo

Formula 4, Su il sipario!

Domani (venerdì 16 maggio) sarà il grande giorno della neonata Formula 4 e il circuito di Adria ospiterà la prima uscita ufficiale della serie fortemente voluta dalla FIA e sposata dall’ACI CSAI, che avrà l’onore e l’onere di portarla al debutto.

Un plauso bisogna farlo al costruttore Tatuus che in pochi mesi ha progettato, costruito la F4 T014 e consegnato già 16 delle oltre 30 vetture prenotate” commenta Gian Carlo Minardi “E’una grande dimostrazione di organizzazione e tecnica come raccontano i risultati delle prime uscite sui tracciati di Vairano, Imola e Adria  con il collaudatore e direttore della Scuola Federa Raffaele Gianmaria” prosegue il Presidente della Commissione Velocità ACI-CSAI

1200 chilometri che hanno dimostrato la bontà del prodotto Made In Italy grazie alla gomme Pirelli, motore Abarth, elettronica Magneti Marelli e i freni Brembo.

Con venerdì si alzano ufficialmente i veli sulla stagione italiana dedicata ai giovanissimi e saremo tutti sul circuito rodigino per il nuovo collaudo, insieme al Promoter WSK” La grande novità sarà rappresentata non solamente dai piloti, ma anche dai team “Per questa nuova sfida avremo con tanti nuovi nomi. Ad oggi abbiamo già 8 team molto qualificati e questo non può che farci ben sperare. Il progetto dell’Italian F.4 Championship Powered by Abarth rappresenta un ulteriore sforzo per l’ACI nei confronti dell’automobilismo e avremo un impegno non solo morale, ma anche tecnico, nei confronti della FIA che crede molto in questa Formula, sposata in pieno da ACI CSAI” conclude il manager faentino

La stagione prenderà il via l’8 giugno con la prima tappa proprio sul circuito di Adria, per chiudersi 7 appuntamenti più tardi, a Barcellona il 19 ottobre

Minardi “L’Italia verso i fasti degli anni 80-90”

Con l’appuntamento di Monza, e davanti a circa 7000 tifosi, è calato il sipario sui Campionati Italiani Velocità caratterizzati da una stagione di particolare soddisfazione con risultati in bilico fino all’ultimo round. Nei Prototipi e GT i titoli, assegnati rispettivamente a Faccioni e alla coppia Lucchini-Postiglione su Porsche, si sono concretizzati solamente all’ultima gara.

La scena della Formula ACI CSAI Abarth è stata dominata da Alessio Rovera (classe 1995) che al suo primo anno nel campionato si è aggiudicato il titolo davanti a Michele Beretta (classe 1994) che, sul finale, ha provato ad incalzare il collega. Grazie a questi due importanti risultati Rovera e Beretta parteciperanno di diritto al Super Corso organizzato dalla Scuola Federale (4-7 novembre) oltre ad essersi aggiudicati il test sull’AutoGP messo in palio dalla Scuderia Coloni.

E’ stata una stagione non priva di difficoltà: la non folta partecipazione è stata superata dalla qualità messa in mostra dai piloti e dalla professionalità dei Team che nell’insieme hanno  permesso il concretizzarsi di uno spettacolo avvincente e di alto livello. Nonostante il momento di profonda crisi per la finanza mondiale abbiamo chiuso la stagione in crescendo toccando proprio in Brianza il numero massimo di partecipanti. Il pubblico ha risposto molto bene alla nuova formula “Porte aperte” organizzata dall’ACI-Sport. Gli appassionati lombardi sono affluiti numerosi nel paddock e nelle tribune. E’ stata una bellissima esperienza che apre a nuove modalità e a nuove iniziative in ottica 2014.

Sugli altri campi di gara sventola alto il tricolore anche lontano dai confini nazionali. I successi nei Campionati di Antonio Fuoco nella Formula Renault 2.0 Alps  e di Raffaele Marciello nella F.3 Euro Series parlano da soli per la qualità del nostro vivaio. Non dobbiamo dimenticare anche i successi di Antonio Ghirelli nell’AutoGP ed il secondo posto di Antonio Giovinazzi nella F.3 Inglese. Questi risultati dimostrano che il lavoro di tutti sta portando il Motor Sport italiano ai  livelli degli anni 80-90 e sono certo che questi successi contribuiranno a restituire la giusta considerazione ed una grande attenzione verso il nostro vivaio nazionale, venuti meno negli ultimi anni.

Un plauso ed un po’ di merito sento di attribuirlo all’ACI CSAI, Scuola Federale e FDA il cui progetto, nato 4 anni fa, inizia a dare i primi risultati a livello internazionale. Partiti con Marcello, il primo giovane promettente, quest’anno si è aggiunto Antonio Fuoco. Anche in questa stagione abbiamo fatto diversi stage valutativi con giovani kartisti molto promettenti. Siamo consci  che, causa la crisi di cui ben sentiamo gli effetti, manca la “benzina” per farli decollare, ma i risultati sono di buon auspicio e tutto l’ambiente cercherà le possibili forme di sostegno. Purtroppo l’uscita di Fisichella-Trulli-Liuzzi dalla Formula 1 ha azzerato la partecipazione di piloti italiani nella massima serie, creando un vuoto generazionale che è difficile colmare nell’immediato. Il lavoro impostato volge proprio alla valorizzazione di talenti e all’accensione dei riflettori su questi giovani.

La novità 2014 sarà caratterizzata dalla Formula 4, formula propedeutica per i giovani pioti provenienti dal Kart. Fin dall’inizio il Presidente Sticchi Damiani ha sposato il progetto della FIA e ora siamo giunti all’atto finale, orgogliosi di essere la prima Federazione ad affrontare questa nuova avventura. Giovani quindicenni potranno scendere in campo su vetture studiate per avviarli alla carriera di piloti ed affrontare in futuro formule più impegnative.

E’ una sfida, ma nel contempo una grande opportunità per poter proseguire il nostro lavoro di tutoraggio e valorizzare i nuovi talenti.