Minardi Story – Brasile, dove tutto iniziò

Share via email

Il 5 aprile 1985, col Gran Premio del Brasile, il Circus inaugurava la nuova stagione e Gian Carlo Minardi e il Minardi Team F1 firmavano il debutto in Formula 1. Dopo essersi costruita una buona reputazione in qualità di costruttore nelle formula minori, la scuderia faentina era pronta a scrivere un nuovo capitolo della sua storia, dividendo il paddock con colossi del calibro di Ferrari, Williams, McLaren, Brabham, Ligier, Renault, Alfa Romey e Tyrrel. Per il suo esordio Gian Carlo decide di affidare l’unica M185 al giovane Pierluigi Martini

Venerdì 5 aprile, in occasione delle prime prove libere, avevamo realizzato di essere arrivati in Formula 1. Il sogno era diventato realtà” ricorda Gian Carlo Minardi. Un sogno e un’avventura lunga la bellezza di ventuno stagione durante le quali ha saputo costruirsi una reputazione importante diventando trampolino di lancio per piloti, meccanici e ingegneri. Il primo Gran Premio, corso sulla pista di Jacarepagua a Rio, terminò a venti giri dalla bandiera a scacchi per un problema al motore.

Le soddisfazioni però non mancano. Nel 1990, a San Paolo, ”Piero” Martini piazza la Minardi M190 in quarta fila grazie all’ottavo tempo assoluto, chiudendo la corsa nella top-ten, al nono posto. Il miglior risultato in gara viene raggiunto nel 1992 da Gianni Morbidelli che porta la sua M192 al settimo posto - partendo dalla ventitreesima posizione in griglia -  dopo aver conquistato l’ottava posizione l’anno precedente al volante della Minardi M191, davanti alla Lotus di Mika Hakkinen e alle spalle della Benetton del brasiliano Moreno. La vittoria quest”anno andò ad Ayrton Senna (McLaren) davanti a Patrese (Williams) e Berger (McLaren). Erano gli anni delle pre-qualifiche, di un parco macchine composto da quasi quaranta vetture e dei punti assegnati ai primi sei classificati. Nel 2001 col brasiliano Tarso Marques entriamo nuovamente nella top-10, chiudendo al nono posto.