Articoli

F.3 e F. Abarth – Gian Carlo Minardi “Con Misano potranno delinearsi le classifiche”

Questo fine settimana il Misano World Circuit Marco Simoncelli ospiterà il quarto round dei Campionati Italiani di Formula ACI CSAI Abarth e Italian Formula 3 European. Ad un mese di distanza dall’arrivo delle serie nel territorio nazionale i giovanissimi piloti torneranno a darsi battaglia al volante delle Tatuus FA e Dallare e Mygale F.3.
Continua a leggere

F1 – Giovanni Minardi “ I top team non posso permettersi passi falsi”

FAENZA – La stagione sportiva è entrare nel vivo. Dopo la Formula 1 anche i campionati italiani di Formula ACI CSAI Abarth e Formula 3 hanno alzato il sipario con il primo appuntamento sulla pista di Valencia.

In attesa del GP del Bahrain e della tappa in Ungheria per le serie tricolori del prossimo 6 maggio, abbiamo raggiunto il manager faentino Giovanni Minardi impegnato a seguire il giovanissimo italo-canadese Nicholas Latifi nell’Italian Formula 3 European Series e il talento Davide Rigon, che a Monza ha firmato il suo ritorno nelle competizioni dopo un anno segnato dal terribile incidente di Istambul “Prima di tutto sono contento che sia tornato a correre dopo un anno molto sofferto e sono molto soddisfatto di quello che ha fatto in tutto il week end a Monza. Non ha perso il suo smalto e in qualifica è stato solamente sfortunato in quanto ha trovato ben due volte le bandiere rosse in pista e, nell’unico giro buono, dopo aver ottenuto i due migliori intertempi, è stato rallentato nell’ultimo settore da alcune vetture più lente. La domenica, nonostante non avesse mai guidato questa vettura sotto l’acqua, è stato il più veloce in pista. Direi che ha fatto un ottimo debutto in cui è mancato solamente il podio. Il team dovrà lavorare sui pit stop. Credo che anche in questo campionato potrà essere un grande protagonista

Con le tappe in Australia, Malesia e Cina è partito il mondiale di Formula1. Qual è il tuo bilancio sui top team?
Il mondiale di Formula 1 si è alzato molto di livello, nel senso che non abbiamo il dominio di un team solo. Nelle prime tre gare abbiamo avuto tre vincitori diversi. La Mercedes, dopo aver dimostrato una grande competitività in qualifica e qualche problema in gara, in Cina ha dimostrato di aver risolto l’handicap del consumo delle gomme. Da qui alla fine della stagione assisteremo ad una bella bagarre. A breve anche la Red Bull si unirà alla lotta per il primo posto, così come la Ferrari che dalle prime gare in Europa si presenterà con una vettura B.

Con i primi tre gran premi si è notato un compattamento delle prestazioni. Quanto potrà incidere questo fattore sulla lotta per il titolo?
Inciderà sicuramente in quanto abbiamo più team che possono ambire alla zona punti. Saranno senza alcun dubbio l’ago della bilancia. In Malesia l’abbiamo visto con il secondo posto di Perez su Sauber e in Cina con la Williams che ha piazzato due macchine in top 10. Poi non dobbiamo dimenticare Lotus, Force Indie e Toro Rosso. Da metà stagione in poi potremmo vedere delle distinzioni tra i big e gli altri, anche se comunque potranno sempre inseririsi nello lotta per la zona punti. Certamente i top team non si possono permettere passi falsi.

Il “gene” Minardi ti ha portato spesso a lavorare con piloti giovani e italiani. Come ti spieghi l’assenza dei nostri in F1?
Purtroppo è un discorso prettamente economico. In Italia abbiamo piloti veloci e meritevoli della Formula 1, ma oggi conta più la valigia del talento. Purtroppo in Italia aziende, team e case automobilistiche non investono sui nostri ragazzi. Abbiamo una Ferrari che ha attivato il programma FDA, i cui risultati arriveranno solamente tra qualche anno.

Quest’anno la tua Minardi Management si è rinnovata, puntando anche sulla consulenza sportiva. Cosa ti ha spinto in questa direzione?
Il mercato. I budgets richiesti per correre sono molto elevati e oggigiorno è molto difficile reperire le risorse sul mercato. Pertanto potersi appoggiare ad una figura che conosce l’ambiente e che possa dei consigli credo sia molto importante sia per i genitori (che sono i primi sponsor) sia per il pilota, soprattutto se si arriva dal kart. Si tratta quindi di una collaborazione occasionale.

Proprio con il canadese Nicholas Latifi hai inaugurato il nuovo corso. Che tipo di pilota è Nicholas e cosa ti aspetti da lui.
E’ alla sua prima stagione nelle formule, dopo due anni e mezzo nei kart. Pertanto mi aspetto che cresca nell’arco di tutta la stagione. Le doti non mancano, come ho potuto vedere fin dai primi test.

E’ un ragazzo che è passato dal kart alla formula 3. Su cosa deve lavorare e quali sono le difficoltà che potrà incontrare?
Il salto è importante e innanzitutto deve cercare di viaggiare il meno possibile per non arrivare troppo stanco agli appuntamenti importati. Poi deve lavorare sia sulla preparazione mentale e fisica sia con i suoi ingegneri per imparare ad analizzare ogni centimetro della pista. Il tempo a disposizione è poco e il lavoro è tanto.

A Valencia sono partiti i campionati italiani di Formula Abarth e Formula 3 con 11 monoposto per serie. Colpa della crisi oppure ci sono altri fattori?
La parte da leone lo fa il momento poco felice. Anche in queste serie mancano i piloti italiani e torniamo al discorso di prima. Purtroppo il nostro paese sta soffrendo più di altri. Poi si può sempre fare meglio, da parte delle Federazione, dai team e da noi stessi che non siamo riusciti a portare più giovani.

… inoltre in Europa ci sono tantissime (forse troppe) serie propedeutiche. Quanto è importante per un giovane fare la scelta giusta?
Anche le altre serie stanno soffrendo. La scelta del campionato è fondamentale perché per correre sono richieste somme importanti e buttare via i soldi non va mai bene. La scelta del campionato, e di conseguenza del team, è la base di partenza per arrivare nel miglior modo e nel minor tempo alla Formula 1, soprattutto oggi in cui l’età si è abbassata. Diventa però importante arrivare anche pronti al grande salto perché è difficile avere una seconda chance.

… quindi è fondamentale conoscere l’ambiente. Quali sono gli aspetti da tenere in considerazione prima di fare una qualsiasi scelta?
Per il campionato, bisogna prima capire da dove si arriva. E’ importante non avere fretta e fare un passo alla volta senza crearsi delle visioni e programmare tutto il percorso con anticipo. Bisogna vedere come si comporta il ragazzo nell’arco di tutta la stazione e non avere la paura di ripetere lo stesso campionato. Passare di categorie con lacune tecniche non è di aiuto a nessuno. Sulla scelta del team bisogna conoscere, oltre al palmares, anche lo staff. E’ importante avere un’ampia conoscenza di tutte le persone (ingegneri e meccanici) che lavorano nelle varie scuderie.

Gian Carlo Minardi “I giovani sono la linfa per il futuro”

minardi_rookie.jpg'Largo ai giovani. La scorsa settimana Abu Dhabi e Vallelunga si sono vestiti a festa invitando tra le loro curve i migliorri giovani, quei rookie che rappresentano la linfa vitale del motor sport del domani. Mentre ad Abu Dhabi la F1 ha aperto le sue porte per una tre giorni di test, sul tracciato romano di Vallelunga la Scuderia Ferrari ha consegnato il premio ai due talenti della Formula 3 Italia, Sergio Campana (neo campione) e Michael Lewis (miglior rookie)
Continua a leggere

F. Abarth: Ancora punti per Vicky Piria a Barcellona

Finale di stagione positivo per Vicky Piria che sul tracciato di Barcellona, teatro dell’ultimo round stagionale della Formula ACI CSAI Abarth Euroseries, è entrata nuovamente di prepotenza nella zona punti, confermando l’ottimo stato di forma mostrato negli ultimi appuntamenti del Mugello e Monza.
Continua a leggere

F. Abarth: Stagione in crescita per Vicky Piria

Con l’appuntamento sul tracciato di Monza Vicky Piria ha concluso in modo esemplare la sua avventura nel campionato italiano di Formula ACI CSAI Abarth. Per la 17enne driver della Minardi Management è stato un finale di stagione in crescendo che l’ha catapultata nelle zone calde della classifica, attirando su di se l’attenzione dei media. In attesa del salto di categoria nel 2012 questo fine settimana lady Piria sarà nuovamente impegnata in pista, sul tracciato spagnolo di Barcellona per l’appuntamento conclusivo della serie europea dello “Scorpione”
Continua a leggere

F. Abarth – A Monza splende la stella Piria

Finale di stagione in grande stile per Vicky Piria che sul tracciato di Monza ha confermato l’ottimo momento di forma mostrato al Mugello, conquistando uno splendido ottavo posto e quattro punti in campionato.
Continua a leggere

F. Abarth – Camplese carico e determinato in vista di Monza

Archiviato il vittorioso week end toscano di due settime fa, Lorenzo Camplese ha già messo nel mirino la sua prossima preda: il gradino più alto del tempio della velocità, Monza.

Questo fine settimana il tracciato brianzolo sarà il palcoscenico dell’ultimo appuntamento della serie tricolore della Formula ACI CSAI Abarth, mentre la serie europea proseguirà il suo itinerario fino a Barcellona. Il talentuoso driver umbro è determinato come non mai a proseguire la sua strepitosa serie positiva di risultati per continuare la scalata alla classifica e chiudere nel migliore dei modi la stagione.

Anche tra i velocissimi rettilinei di Monza Lorenzo Camplese e il suo team Eurointernational si presenteranno ai nastri di partenza tra i favoriti, come hanno dimostrato i test collettivi della scorsa settimana dove il pilota della Minardi Management ha staccato la quarta migliore prestazione in assoluto, a poco più di 3 dec. dal leader di campionato e la pole provvisoria nel terzo turno.

Il mio obiettivo sarà quello di ripetere il week end del Mugello. Durante i test della scorsa settimana abbiamo svolto un grande lavoro raccogliendo numerosi dati e i risultati sono stati dalla nostra parte: quarto tempo assoluto e pole provvisoria nel terzo turno. Ancora una volta quindi potremmo lottare per un posto sul podio. Voglio finire al meglio la stagione per continuare a scalare la classifica” analizza Lorenzo Camplese.

F. Abarth – Vicky Piria carica per Monza

Sull’onda dell’entusiasmante prestazione ottenuta tra le colline toscane del Mugello, la talentuosa lady Vicky Piria si preparare a tornare in pista nel tempio della velocità per l’appuntamento che farà calare il sipario sulla stagione italiana della Formula ACI CSAI Abarth.
Continua a leggere

F. Abarth – Lorenzo Camplese conquista il Mugello

In un Mugello colorato dalle 23 Tatuus della Formula ACI CSAI Abarth Lorenzo Camplese si è messo in luce non soltanto per il suo talento, ma anche per la freddezza e la maturità con cui ha saputo gestire situazioni complicate come le fasi della ripartenza dopo la safety car.

Il talento abruzzese si è installato nelle posizioni di vertice fin dal venerdì mostrandosi subito a suo agio tra i sali-scendi della pista toscana, confermando l’ottima prestazione segnata nei test collettivi. Il duro lavoro è stato ripagato con la grande prestazione di domenica in cui ha firmato la sua seconda vittoria stagione, la prima con i colori del team Eurointernational.

Nelle fasi finali di gara-2, con il rientro della safety car, Camplese mantiene il sangue freddo senza farsi prendere dalla concitazione del momento, passando sotto la bandiera a scacchia al terzo posto. La svolta arriva a fine gara quando i commissari puniscono la manovre poco corrette dei suoi avversari “E’ stato un week end molto bello e sono contento di aver conquistato la mia seconda vittoria su un tracciato impegnativo come il Mugello. Siamo sempre stati veloci e questo risultato il giusto compenso del duro lavoro. Mercoledì sarò a Monza per i test collettivi in preparazione della prossima gara dove cercherò di salire nuovamente sul gradino più alto,” analizza Lorenzo Camplese.

Parole di elogio arrivano anche dal suo manager Giovanni Minardi “Buonissimo week end, competitivo dai primi giri di prove libere e fino ad arrivare alla vittoria di gara 2 sul tracciato più difficile del Campionato. Finalmente è riuscito a portare a casa i frutti di un duro lavoro svolto sia dentro la vettura che fuori. Credo che potrà essere uno dei protagonisti di questo finale infuocato di Campionato”

F. Abarth: Vicky Piria perfetta al Mugello

Tanto talento ma anche un po’ (troppa) di sfortuna per la driver perugina Vicky Piria, impegnata sul tracciato del Mugello per il sesto appuntamento della Formula ACICSAI Abarth.
In una Mugello che ha visto la bellezza di 23 monoposto colorare la griglia di partenza dei due appuntamenti, la bellissima portacolori del team Prema ha confermato gli ottimi risultati di una settimana fa in occasione del test collettivi lottando ad armi pari con i primi della classe.
Continua a leggere

F. Abarth: Lorenzo Camplese da top al Mugello

Sul tracciato del Mugello Lorenzo Camplese si è calato nuovamente nell’abitacolo della sua monoposto per prender parte ai test collettivi organizzati in vista del week end di gara, in programma il prossimo 2 ottobre proprio sulla pista toscana valido per penultimo e terz’ultimo appuntamento del campionato italiano ed europeo della Formula ACI CSAI Abarth.
Continua a leggere

F. Abarth – Vicky Piria pronta per il rush finale

Archiviata tra alti e bassi l’appuntamento sul rinnovato Ring, teatro del quarto round della Formula ACI CSAI Abarth European Series, la talentuosa Vicky Piria è concentrata sulla parte finale di stagione che la vedrà impegnata rispettivamente sui tracciati del Mugello, Monza e Barcellona.

E’ stato un week end non facile perché fin dall’inizio abbiamo avuto diversi problemi di set-up che non siamo riusciti a risolvere,” analizza Vicky

Anche a Zeltweg la driver perugina ha mostrato le unghie guidando con grinta e rimontando diverse posizioni fino a sfiorare la top ten “Non è stato il week end che mi sarei aspettata, ma non è andato neanche tanto male perché sono riuscita a rimontare tante posizione sfiorando la top ten in gara-2. In calendario ci sono ancora tre appuntamenti importati e mi piacerebbe finire alla grande il campionato. Ora proseguirò il lavoro in palestra per arrivare pronta all’appuntamento del Mugello, un tracciato che mi piace particolarmente

F. Abarth – Lorenzo Camplese “Week end non facile a Zeltweg”

Week end agrodolce per Lorenzo Camplese che a Zeltweg, teatro del terzo round della Formula ACI CSAI Abarth European Series, ha lottato con grande caparbietà conquistando punti preziosi in gara-1 e passando sotto la bandiera a scacchi della seconda gara al terzo posto.
Continua a leggere