F1 | McLaren-Williams, Minardi “Manca un timone alla guida”

Share via email

Con il gran premio di Francia tornato in calendario a distanza di dieci anni dall’ultimo apparizione, McLaren e Williams hanno mostrato l’entità di una crisi che non sembra voler finire. Dal gran premio di Spagna Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne non segnano punti e a Le Castellet il belga ha chiuso solamente al dodicesimo posto con il vincitore della 24 Ore di Le Mans costretto al ritiro per la rottura della sospensione posteriore a pochi chilometri dal traguardo

Addirittura peggiore la situazione in casa Williams, relegati al decimo e ultimo posto della classifica costruttori, alle spalle della Sauber. Su otto appuntamenti, solamente in due weekend il team di Grove è entrato nella top-ten e da quattro gara la casella resta inesorabilmente vuota. Entrambi i team , in qualifica, non sono riusciti a superare la barriera della Q1.

Una situazione che fa male al cuore pensando che stiamo parlando delle due scuderia più vincenti della storia della Formula 1, dopo la Ferrari. Insieme vantano 19 Mondiali piloti, 17 Costruttori e 296 vittorie.

In tutte le due realtà manca un timone. Da quando Ron Dennis è stato allontano dalla McLaren è iniziata una débâcle di cui non ci vede la fine. Una McLaren che per tre anni ha puntualmente dato la colpa alla Honda di tutti i problemi, quando invece si sarebbe dovuto guardare all’interno del team. A pagarne le spese è stato Dennis, autore del ritorno del binomio che nel passato aveva scritto pagine memorabili di questo sport” analizza Gian Carlo Minardi

Nonostante non abbia mai avuto un rapporto felice con Dennis, causa della sua arroganza e voracità, si è sempre dimostrato un personaggio abile nel guidare i suoi uomini. Nonostante un due volte Campione del Mondo non riescono ad uscire da questa crisi e per loro non sarà facile, nel futuro prossimo, convincere piloti di un certo calibro. Stessa situazione in casa Williams, dove si sente la mancanza di Frank. Ad ogni GP commettono errori inspiegabili. Inoltre quest’anno si concluderà il rapporto con la Martini e non sarà facile attirare nuova linfa” prosegue il manager faentino che conclude “E’ un peccato mortale assistere a questa caduta, perché parliamo dei due team più vincenti della storia dopo la Ferrari