F1 | GIAN CARLO MINARDI “STIAMO VIVENDO UN MONDIALE ACCATTIVANTE”

Dopo i tre Gran Premi su territorio nazionale, è arrivata la notizia di Stefano Domenicali pronto a ricoprire il ruolo di nuovo CEO della Formula 1 al posto di Chase Carey. L’Italia sta dimostrando di saper ricoprire un ruolo di primo attore nel Motorsport mondiale.

Essendo un uomo che ha vissuto e respirato l’aria del Circus, Domenicali saprà rilanciare questa Formula 1 e si potrebbero aprire le porte a nuovi costruttori. Ha già dimostrato di essere un abile manager. Siamo di fronte ad una nuova era, dove ad oggi non sono ancora stati resi pubblici i calendari 2021. Questo la dice lunga sulle incertezze e sulle problematiche che si stanno affrontando.

Il Mondiale è arrivato a Sochi, entrando nella parte finale della stagione. L’anno scorso la Ferrari ha conquistato la pole con Leclerc e Vettel terzo. Non credo sia possibile pensare ad un risultato simile quest’anno, anche perché a Maranello stanno lavorando in sordina con l’obiettivo di utilizzare i gettoni in funzione del 2021.

Tra numerose difficoltà dettate dall’emergenza sanitaria, stiamo vivendo un mondiale accattivamene con un importante compattamento nelle prestazioni. Ad esclusione del divario enorme tra le Mercedes e la seconda fila, il gap si riduce notevolmente dalla seconda fino all’ottava. Abbiamo vissuto diverse sorprese, tra cui la vittoria dell’Alpha Tauri ma anche il recupero della McLaren. Sempre da applausi il lavoro in Mercedes che in questi anni sono riusciti a conservare il loro strapotere.

Gian Carlo Minardi

KART | ANDREA KIMI ANTONELLI CAMPIONE D’EUROPA

Andrea Kimi Antonelli, il giovane talento bolognese classe 2006, è il nuovo Campione Europeo. Sul circuito tedesco di Wackersdorf ha fatto suonare l’Inno di Mameli e sventolare il tricolore dal gradino più alto del podio.

Protagonista di un fine settimana perfetto, in cui non ha concesso nulla ai principali avversari, Andrea Kimi Antonelli ha trasformato la pole position (46.942) in vittoria conquistando il titolo al suo primo anno in OK. Alla fine delle quattro manche eliminatorio si è confermato protagonista assoluto con tre successi e un secondo posto che gli hanno consegnato la pole position in Finale, trasformata in vittoria alla fine dei ventisei giri.

Un cammino europeo incredibile per la giovane promessa del Motorsport italiano, supportato dalla Mercedes e sotto la supervisione della Minardi Management di Giovanni Minardi, col successo conquistato nella gara inaugurale in Spagna a Zuera e il secondo posto di Sarno che lo confermano.

Andrea ha costruito questo successo gara dopo gara, confermandosi grande protagonista del panorama internazionale. Un successo guadagnato in pista e che mi fa particolarmente piacere, arrivato al suo primo anno in OK. Ora iniziamo a lavorare in ottica Mondiale” Giovanni Minardi

Andrea Kimi Antonelli è già tornato in pista a Lonato per il doppio appuntamento della WSK Euro Series. Dal 6 all’ 8 novembre l’appuntamento è col Mondiale a Portimao (Portogallo)

KART | MATTIA BUCCI E GIACOMO PEDRINI PROTAGONISTI A SIENA NELL’ITALIANO

A distanza di quindici giorni dal terzo posto conquistato a Sarno con Vincenzo Scarpetta, il team Newman Motorsport è tornato sul podio, questa volta con Matteo Luvisi sul Circuito di Siena in occasione del terzo appuntamento del Campionato Italiano ACI Karting.

Fin dalle prime manche il team cesenate diretto da Andrea Pedrini si è messo in evidenza nella categoria X30 Junior, conquistando il terzo miglior tempo nelle qualifiche col Emanuele Bruscino (43.182) ad appena 93 millesimi dalla pole, seguito da Matteo Luvisi (43.273), Flavio Olivieri (43.281), Vincenzo Scarpetta (43.289) e Mattia Bucci (43.346) .

Nelle due manches è Matteo Luvisi a mettersi in evidenza conquistando il terzo posto assoluto, su trentatré iscritti, con Flavio Olivieri in quinta posizione, Bruscino al nono posto e Scarpetta e Bucci rispettivamente in quindicesima e ventottesima posizione.

Sulla distanza dei 20 giri di gara-1 il team conferma il suo buono stato di forma conquistando il terzo posto e il podio con Luvisi, sfiorando il giro più veloce della gara, e Olivieri quinto nonostante una penalità di 5”. Grande recupero da parte di Mattia Buccia che, partito dalla ventottesima posizione, recupera diciassette posizione sfiorando la top-10, tagliando il traguardo all’undicesimo posto con ottimi riscontri cronometri. In gara-2 Newman Motorspor conquista nuovamente la zona punti e la top -10 con Olivieri (quinto) e Luvisi (ottavo).

Dopo il podio all’esordio in Junior Rok, Giacomo Pedrini ha proseguito il suo apprendistato con la nuova categoria conquistando il terzo posto in qualifica (42.759) a 3 decimi dalla pole position, concludendo le due gara in top-10, rispettivamente al nono e settimo posto e 22,5 punti in classifica.

Dal 25 al 27 settembre il Campionato Italiano si traferirà ad Adria per il quarto appuntamento con le categoria Mini, X30 e Rok.

KART | WEEKEND IN SALITA PER NICHOLAS PUJATTI

La stagione 2020 del giovane pilota dodicenne friulano in forza al Team Driver Nicholas Pujatti stenta a decollare e anche la terza tappa del Campionato Italiano ACI Karting si e’ rivelata, per vari motivi, avara di soddisfazioni. Per Nicholas il week end non era iniziato infatti nel migliore dei modi a seguito di una qualifica che lo aveva visto non in condizioni di far segnare un crono in linea con le sue aspettative: il ventesimo tempo assoluto lo portava dunque a dover a scattare a centro gruppo nelle due successive manche di sfida incrociata. Per il friulano le due sfide rappresentavano un tentativo di recuperare terreno e si concludevano con un 17 esimo e un 15esimo posto che gli valevano lo start in Gara 1 dalla ottava fila (16esimo). Al via della piu’ importante (in termini di punteggio) gara della Domenica, Pujatti scattava bene e iniziava un’ottima rimonta che lo vedeva conludere sotto la bandiera a scacchi in ottava posizione. Putroppo per lui pero’, una manovra scorretta per difendere l’ottava piazza e dunque giustamente punita Commissari Sportivi, gli costava 10 secondi di penalita’ che lo facevano scivolare in 23esima posizione assoluta, compromettendo di fatto anche le ambizioni di Gara 2. Nella seconda e ultima gara della giornata Pujatti, nel corso di un disperato recupero subiva un attacco duro da parte di un avversario che lo spingeva fuori pista costringendolo di nuovo in fondo al gruppo. Al termine della gara Pujatti doveva, dunque, accontentarsi solo di un 24esimo posto, ben al di sotto delle sue reali qualita’ e previsioni. Un week end abbastanza stregato per il friulano che ora punta il suo obiettivo sulla prossima tappa del Campionato Italiano ACI Karting di Adria in programma a fine mese.

Nicholas Pujatti: ”Il week end e’ sicuramente andato molto male. Ai cronici problemi che ci affliggono da inizio anno legati alla mia stazza fisica si sono infatti aggiunti un mio errore in Gara 1 e un contatto in Gara 2. Proprio a proposito della penalita’ ricevuta in Gara 1, ci tengo ufficialmente a fare le mia scuse a Malek per la mia manovra che gli ha compromesso la gara e sono convinto al 100% del l’errore commesso e della giusta penalita’ subita dai Commissari di Gara. Mi dispiace oltremodo che questa vicenda abbiamo avuto strascihi nel post gara di cui ovviamente non mi ritengo responsabile in quanto io per primo ho ammesso da subito il mio errore e mi sono scusato per l’accaduto. Questa stagione, purtroppo, sembra proprio non volersi mettere per il verso giusto. Io comunque non mollo e cerchero’ la mia rivincita gia’ ad Adria fra tre settimane.”

Pujatti tornera’ in pista fra tre week end sul tracciato di Adria (RO) per disputare la quarta tappa del Campionato Italiano ACI Karting.

F1 | GP TOSCANA, IL PUNTO DI GIAN CARLO MINARDI “QUESTA F1 NON MI PIACE”

Questa Formula 1 non mi piace perché si vuole privilegiare a tutti i costi lo spettacolo, anche ai danni della sicurezza come si è visto in occasione della prima ripartenza al rientro della safety-car. Sono state modificate le regole senza averle provate prima creando incidenti e caos. I piloti, in quella circostanza, non hanno colpe.

Il Mugello ha certamente superato la prova e ha dimostrato come i piloti non siano più abituati a correre sui circuiti storici con la ghiaia subito fuori dai cordoli. Dodici macchine all’arrivo non si vedevano da un pezzo e certamente non raccontano nel modo corretto le reali forze in campo, anche se mi fa piacere il terzo posto di Albon con la Red Bull. Bravi anche in casa Renault con Daniel Ricciardo.

Ancora una volta la Mercedes ha giocato coi suoi avversari. Ad ogni ripartenza sono stati in grado di guadagnare immediatamente due secondi di vantaggio, per poi amministrato il vantaggio giro dopo giro. Hanno una forza unica, come dimostra anche il miglior giro segnato da Hamilton proprio sul finale.

Prosegue l’agonia in casa Ferrari che conquista la zona punti grazie ai numerosi ritiri. Diversamente sia Leclerc che Vettel sarebbero rimasti fuori dalla top-10. Rispetto agli altri team non sta portando aggiornamenti. Molto probabilmente vogliono utilizzare tutti i gettoni di sviluppo consentiti in una volta sola per porre rimedio ad un progetto completamente sbagliato. Pertanto il calvario durerà ancora.

La F1 però deve fare “un punto a capo” poiché così non va bene. Non si possono continuare a cambiare le regole che, tra le altre cose, destabilizzano anche la lettura della corsa.

Ora la Formula 1 si fermerà quindi giorni per trasferirsi in Russia.

Gian Carlo Minardi

F1 | GP TOSCANA, MINARDI “RED BULL PRONTA AL RISCATTO”

Ci siamo appena lasciati alle spalle un Gran Premio che ricorderemo a lungo, acceso e reso imprevedibile da un errore – cosa più unica che rara – della Mercedes. Una sbandata che non fa parte del loro DNA, ma che può capitare.

Ci hanno regalato una seconda gara avvincente. Ancora complimenti all’Alpha Tauri e a Gasly sia per la meritata vittoria sia per l’ottima strategia. Molto bravo anche Carlos Sainz anche se deve recriminare per quella ripartenza non perfetta che gli è costata quei 3-4 secondi, fatali sotto la bandiera a scacchi.

La McLaren è tornata sul podio e deve essere di ispirazione per la Ferrari. Dopo gli anni gloriosi sono caduti in un buco nero, ma hanno ritrovato la retta via. La Ferrari sta percorrendo il medesimo cammino, ma ha dalla sua parte il prossimo cambio di regolamento.

Arriviamo al Gran Premio di Toscana, sull’impegnativo circuito del Mugello ricco di Sali-scendi, realizzato all’interno di una conca che non renderà la vita facile ai piloti, chiamati ad una sforzo fisico importante, e alle gomme a causa dell’asfalto molto abrasivo. Per questo la Pirelli ha portato le mescole più dure C1-C2-C3.

L’ultimo riferimento cronometrico è di Barrichello, con 1:18.7 Le simulazioni raccontano che si potrebbe scendere addirittura sotto il muro del 1.14. Viste le caratteristiche del tracciato la Red Bull potrebbe emergere, anche se la vettura di riferimento resta sempre la Mercedes, anche senza il party-mode.

Gian Carlo Minardi

F1 | GP ITALIA, IL PUNTO DI GIAN CARLO MINARDI “GARA PAZZA, MA VITTORIA MERITATA DI ALPHA TAURI”

Dopo Monza 2008… Monza 2020 – Bravissimo Pierre Gasly e tutto il team Alpha Tauri che hanno indovinato il momento giusto per effettuare la sosta. Certamente un gran premio tanto anomalo quanto fantastico stravolto dalla bandiera rossa per l’uscita di pista di Magnussen.

Onestamente trovo sia stata un’azione eccessiva poichè la Haas non mi sembrava in una posizione così pericolosa, ma i commissari si sono “inventati” qualche che ha movimenta un GP dal risultato finale praticamente già scritto.  L’errore della Mercedes, e dell’Alfa Romeo con Giovinazzi, hanno stravolto completamente l’andamento e il risultato finale della gara.

Un finale incandescente con la bella rimonta di Carlos Sainz, che ha chiuso secondo alle spalle del francese. Un risultato incredibile che li ripaga del lavoro. Un grande risultato anche per la Honda che molto probabilmente ha usato due strategie differenti: molto conservativa con la Red Bull e più aggressiva con l’Alpha Tauri. Diversamente non si spiega una differenza così importante di prestazione.

Il nuovo regolamento avrebbe dovuto penalizzare le due Mercedes, ma alla fine tutti hanno sofferto tranne che i diretti interessati come ha dimostrato Hamilton durante la sua incredibile rimonta, passando dall’ultima posizione alla settima finale con un passo gara più veloce di 2″ rispetto a tutti.

Giornata nera sia per la Ferrari, che deve fare i conti anche coi problemi di affidabilità, che in casa Red Bull. Molto bravi invece in casa McLaren, sia con Norris che con Sainz. Si sarebbe meritato questa vittoria.  Deve far pensare in casa Ferrari. La McLaren è la conferma che si più uscire dal baratro e risalire velocemente la classifica.

Tra una settimana si va al Mugello, pista nuova in un fine settimana che potrebbe essere condizionato dalla pioggia

Gian Carlo Minardi

F1 | GP ITALIA, GIAN CARLO MINARDI “MOMENTO STORICO PER L’ITALIA”

Siamo entrati in un periodo storico per l’Italia, che difficilmente si potrà ripetere con due Gran Premi, Monza e Mugello, racchiusi in soli quindici giorni a cui si aggiungere, il 1° novembre, anche Imola per un trittico incredibile.

Per l’immagine del nostro paese è un’occasione da sfruttare per far vedere quanto l’Italia sia un paese reattivo, al di là del momento tanto storico quanto negativo di casa Ferrari. Abbiamo dato una risposta molto forte, che nessun’altra nazione è riuscita, senza dover ricorrere a coprire più gare sul medesimo circuito per dare la possibilità a Liberty Media di costruire un calendario adeguato.

Per quanto riguarda il fine settimana di Monza non credo che ci sia molto da raccontare e aspettarsi. Andiamo su una pista dove motore e aerodinamica la fanno da padrona e abbiamo una Mercedes che domina e gioca coi suoi avversari. Ogni qual volta lo decide, specialmente alla partenza e al rientro della safety-car, riesce a prendersi quel margine per mettersi in tranquillità.

Al momento, l’unico che può infastidirli è Max Verstappen, anche se qualche errore il team lo commette.

Oltre all’inspiegabile debacle Ferrari, alle spalle di Mercedes e Red Bull, troviamo un bel gruppetto di vetture composto da McLaren, Racing Point, Renault e Alpha Tauri che ci fanno divertire. In casa Ferrari devono ritrovare quella serenità fondamentale per affrontare il problema e tentare una riorganizzazione. Non mi sento di bocciare il lavoro di Binotto, anche se avrebbe bisogno di un maggiore appoggio da parte della dirigenza. La Ferrari deve tornare sul mercato per trovare le nuove sinergie, ma prima di questo passo deve fare ordine dentro.

Gian Carlo Minardi

Kart | Esodio con podio per Pedrini in Junior Rok. Primi punti per Baldassarri a Sarno nell’Italiano

Fine settimana ricco di emozioni per il team Newman Motorsport, protagonista sul circuito internazionale Napoli a Sarno nel secondo appuntamento del Campionato Italiano ACI Karting e al South Garda Karting di Lonato nella ROK Cup Italia.

La compagine cesenate diretta da Andrea Pedrini ha conquistato il podio in entrambi i campionati, grazie al secondo posto di Vincenzo Scarpetta nella X30 Junior a Sarno e a Giacomo Pedrini, all’esordio col 125cc, nella Junior Rok a Lonato.

ROK Cup Italia

Esordio con podio per Giacomo Pedrini nella Junior a Lonato. Al primo weekend col 125cc Giacomo si mette in evidenza conquistando il decimo posto in qualifica col crono di 1:05.888, mentre in gara-1 riesce a recuperare sette posizioni, in sedici giri, conquistando il terzo posto. Nella seconda gara conferma l’ottimo feeling col nuovo materiale sfiorando nuovamente il podio, tagliando il traguardo al quarto posto, dando vita ad una bella bagarre coi diretti avversari.

Campionato Italiano ACI Karting

Dalla Sicilia, l’ACI Karting si è trasferito in Campania e fin dalle prime manche il team Newman Motorsport ha conquistato le zone alte della classifica. In qualifica Flavio Olivieri marca il secondo miglior crono (1.01.410) seguito dai compagni di squadra Vincenzo Scarpetta (quarto) e Matteo Luvisi in tredicesima posizione. Quinto tempo nella Mini per Andrea Bruscino, con Thomas Baldassarri (all’esordio sulla pista) in sedicesima piazza.

Alla fine delle due manche eliminatorio Olivieri e Scarpetta conquistano la top-10, con Flavio ottavo assoluto e Vicenzo nono, grazie al quarto posto conquistato nella prima manche.

In gara-1 Olivieri si rende protagonista di una bella rimonta passando dall’ottava alla prima posizione con un arrivo in volata. Solamente una penalità di 10” per il distacco dello spoiler anteriore del suo kart gli nega il meritato successo. Suk podio sale Vicenzo Scarpetta, grazie al secondo posto. Buona la quinta posizione per Matteo Luvisi e il decimo piazzamento di Mattia Bucci, protagonista di un’importante rimonta dopo esser scivolato fino alla ventisettesima posizione. In gara-2 Scarpetta e Olivieri conquistano nuovamente la zona punti rispettivamente in settima e ottava piazza.

Nella 60 Mini Andrea Bruscino conquista l’ottavo posto in gara-1, mentre Thomas Baldassarri sfiora la top-10 in gara-2 tagliando il traguardo in undicesima posizione.

Kart | Ancora punti per Mattia Bucci nell’Italiano

Dalla Sicilia, il Campionato Italiano ACI Karting si è trasferito sul circuito internazionale Napoli di Sarno per il secondo appuntamento.

Dopo il buon esordio di Triscina, lo scorso fine settimana Mattia Bucci ha confermato l’ottimo feeling col kart 125cc e tutto il materiale del team Newman Motorsport oltre ad un ottimo livello di preparazione atletico, mentale e di guida, segnando tempi molto vicini ai migliori conquistando nuovamente la top-10 e la zona punti nella categoria X30 Junior.

La giovane promessa di Catignano, seguito dalla Minardi Management, è stato protagonista di un fine settimana in crescita rendendosi protagonista di numerosi sorpassi e rimonte, dopo una qualifica non facile dettata da alcuni comportanti scorretti di diversi piloti, successivamente sanzionati, terminata col diciassettesimo tempo assoluto, su trentaquattro iscritti, e il miglior crono di 1.01.807 a 5 dec. dalla pole.

Nelle due manche successive, in preparazione della fase finale corsa domenica 30 agosto, Bucci si rende protagonista di numerosi sorpassi, anche se una penalità di 5” per il distacco dello spoiler anteriore del kart avvenuto durante una bagarre vanifica parzialmente il lavoro. Scattato dalla nona fila in diciassettesima posizione in griglia, nei tredici giri della Finale-1 riesce a rimontare fino alla decima posizione, dopo esser scivolato al primo giro al ventiseiesimo posto.

“E’ stato un fine settimana positivo, anche se danneggiato da alcuni comportamenti poco corretti da parte di qualcuno, come successo nella Finale-2 dove avevo il potenziale per migliorare il risultato della prima gara. Sono comunque felice di aver conquistato nuovamente la top-10 e la zona punti, il mio principale obiettivo, ma soprattutto di riuscire a migliorare dopo ogni sessione il mio feeling col materiale. Voglio ringraziare tutti gli sponsor che mi danno la possibilità di correre e il team manager Andrea Pedrini” commenta Mattia Bucci.

Dall’11 al 13 settembre il Campionato Italiano ACI e Mattia Bucci si trasferirà a Siena, per il terzo appuntamento

Kart | A Sarno orgoglio e grinta per Pujatti

La seconda tappa del Campionato Italiano ACI Karting, disputatasi questo week end sul tracciato di Sarno (SA), era iniziata nel modo peggiore per il giovane driver friulano Nicholas Pujatti, protagonista della categoria X30 Junior. Per il pilota del Team Driver una pessima qualifica ne aveva infatti condizionato lo start in entrambe le successive manche di sfida incrociata: purtroppo pero’ per il pilota di Pordenone anche le due manche di sfida sono risultate un ulteriore incubo a causa di un ritiro e di un 28esimo posto collezionati che lo relegavano in ultima posizione nella griglia di partenza della prima delle due manche finali della Domenica. Malgrado questa serie di eventi particolarmente negativi e con il morale sicuramente non dei giorni migliori, Pujatti tirava invece fuori una grinta davvero invidiabile rimontando moltissime posizioni e arrivando sotto alla bandiera a scacchi a sfiorare la TOP 10 (11). Nella seconda e ultima manche del week end Pujatti confermava le sue buone prestazioni, replicando l’undicesima posizione della prima manche e guadagnando qualche punto prezioso per la classifica di campionato. Peccato, dunque, per una prima meta’ di week end indubbiamente troppo sfortunata che ha condizionato irrimediabilmente il potenziale risultato finale del friulano in questa seconda tappa del tricolore ACI Karting.

Nicholas Pujatti: ”La prima meta’ del week end e’ stato davvero un incubo. Per come si era messa all’inizio questo doppio undicesimo posto e’ una sorta di miracolo. Ero davvero molto deluso e pensavo che il week end fosse irrimediabilmente compromesso, ma poi ho cercato di farmi coraggio e devo dire che nella gran rimonta di Gara 1 mi sono anche molto divertito. Vediamo di recuperare il terreno perso questo week end nella prossima tappa di Siena.”

Pujatti tornera’ presto in pista fra due week end sul tracciato di Siena per disputare la terza tappa del Campionato Italiano ACI Karting.

F1 | GP BELGIO, IL PUNTO DI GIAN CARLO MINARDI “TUTTO SECONDO COPIONE”

Si è concluso anche il Gran Premio del Belgio sull’affascinante tracciato di Spa-Francorchamps. Una gara anomala per Spa, poiché è scivolato via senza grandi colpi di scena ad eccezione dell’incidente di Giovinazzi che ha coinvolto anche l’incolpevole Russell.

Un Gran Premio corso secondo copione con la vittoria di Hamiltonn davanti a Bottas e a Verstappen. Un copione che ha relegato le due Ferrari a semplici comparse. Leclerc e Vettel hanno pagato un discatto di 2” al giro… Addirittura durante il pit stop di Leclerc, i meccanici hanno dovuto mettere aria nelle valvole. Molto probabilmente ha accusato una perdita.

Ancora una volta le due Mercedes hanno giocato al “gatto e al topo” coi diretti avversari. Possono fare tutto quello che vogliono potendo contare su una supremazia totale che certamente non scopriamo oggi.

Alla luce di questo fine settimana, a Maranello non sarà facile mettere le basi per una ricostruzione, anche se non capisco tutto questo silenzio da parte dei vertici. In questo momento Binotto è lasciato completamente solo. In un organico di oltre 1000 persone, non mi capacito come non ci sia nessuno che si prenda della responsabilità o che si faccia avanti per provare a rivedere i piani per il futuro. Alla luce delle attuali regole, anche il 2021 è già perso….

Peccato per i problemi accusati alla Power Unit da Sainz perché avrebbe potuto essere tra i protagonisti, vedendo anche il buon risultato di Norris (settimo al traguardo). Bella gara anche da parte di Gasly, ottavo e davanti alle due Racing Point.

Ora ci aspettano i due gran premi in Italia, Monza e Mugello….

Gian Carlo Minardi

F1 | GP SPA-FRANCORCHAMPS, GIAN CARLO MINARDI “E’ FINITA UN’ERA”

Spa-Francorchamps sarà il primo gran premio dopo la firma del nuovo Patto della Concordia, ma soprattutto sarà il primo fine settimana senza la Williams nelle mani del suo fondatore. Col passaggio di proprietà si è conclusa un’era, quella dei cosiddetti garagisti.

Mi rammarico per questo passaggio, poiché insieme nel 1996 avevamo lottato per salvaguardare la proprietà intellettuale del team, schierandoci contro i possibili cloni.

Proprio a riguardo di questo argomento, capisco il passo indietro di Williams e McLaren (clienti Mercedes), ma onestamente mi ha spiazzato il cambio di rotta della Renault nei confronti della Racing Point, soprattutto dopo i numerosi reclami che avevano portato ad una sanzione (sia monetaria che di punti) anche se in fin dei conti la macchina è rimasta la medesima. Una sanatoria monetaria…..

Siamo di fronte a scenari e a decisioni alquanto bizzarre, come l’idea apportata dalla FIA di vietare, a partire dal GP di Monza, il “party mode”, come se questo bastasse a fermare la potenza Mercedes. La FIA ha pensato di intervenire in una delle aree più complesse, quella legata all’elettronica, in cui i team possono contare sul lavoro di 30-50 ingegneri, contro i 7-8 della Federazione.
Mi pare di assistere ad una Federazione impotente davanti ad un tentativo di riordino dei regolamenti.

Arrivando al gran premio, l’anno scorso avevamo assistito al primo sigillo di Leclerc, davanti ad Hamilton. A distanza di un anno non vedo possibile ipotizzare un risultato simile, poiché siamo davanti ad un dominio e ad una supremazia incredibile. L’unico che può provare a contrastarli è Max Verstappen con la Red Bull.

Il 31 agosto di un anno fa, ci lasciava Anthoine Hubert e trovo corretto mandare un pensiero sia a lui che alla sua famiglia. Il Motorsport resta uno sport molto pericolo, anche se ha fatto passi da gigante sulla sicurezza, ma Spa-Francorchamps 2019 ci ha ricordato che non dobbiamo abbassare la guardia. In quell’incidente ha perso la vita un ragazzo di 22anni, con davanti a se una carriera importante.

Gian Carlo Minardi